lunedì 30 novembre 2009 4 vostri commenti

Dimmi che eroi hai e ti dirò chi sei



...9 anni di reclusione con l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa...

Qualcuno dirà "ognuno si sceglie gli eroi che vuole". Come no, nessun problema... magari però se lo dici in tv e sei un politico che dovrebbe lottare contro la mafia, che dovrebbe dare esempio ai cittadini e indirizzarli su simboli da seguire, le cose cambiano direi.
Perchè per Dell'Utri essere mafioso, andare in galera e non parlare vuol dire essere un eroe...
Perché per il suo fido e compagno Berlusconi queste sono cose da nascondere, fatti che non interessano la gente, informazioni che danneggiano solamente l'economia e l'onore del paese.
Giustizia a orologeria, giudici rossi, procure che ce l'hanno con Berlusconi... la solita storia mai e poi mai un accenno di difesa su fatti e contenuti, anzi l'arroganza di Dell'Utri che continua a dire "Mangano è stato un eroe"... "io no so se avrei fatto lo stesso di quello che ha fatto lui"...

D'altra parte ognuno ha i suoi eroi... io sto con questi... le vittime di mafia



domenica 29 novembre 2009 0 vostri commenti

Questa è la storia che il premier non vuole che si racconti



Questa è la storia di un paese.
La storia di una paese che è colpito da ormai troppi anni da un male, un male prima oscuro e poi fin troppo chiaro.
Un male che ha posto le sue radici all'interno delle stanze del potere, che si è insinuato come un virus, corroso le basi portanti di una cosa chiamata democrazia, corrotto le cariche più importante di quella che una volta poteva farsi chiamare stato.
Però è anche la storia di persone che hanno detto no. Si sono alzate e nel silenzio di tutti hanno urlato contro il male che continuava ad avanzare. Uomini e donne che hanno lottato per la loro terra, per i loro paesi, le città e i quartieri. Lottato per il loro orgoglio e per il loro diritto a vivere liberi. Manifestando tutto ciò scrivendo, parlando alla gente, facendo vedere a tutti ciò che altri negavano anche di fronte all'evidenza.
Questa è una storia di stragi, di morti, di sparizioni misteriose, di indagini ma i fatte, concluse e insabbiate. Storia di famiglie spezzate e lacrime versate, di ricatti, minacce e di persone che non possono chiedere aiuto ai chi li governo perché chi li governo è con quelli la.
Questa è una storia di persone che non vogliono parlare, raccontare e ricordare. Che vogliono nascondere tutto "perché è meglio così", che vogliono negare la tutta la storia. Dove ci sono persone che dicono "Se trovo chi fatto le nove serie della Piovra e chi scrive libri sulla mafia che ci fanno fare una bella figura lo strozzo"... che continuano a fare battute su un male che ha seminato morte..."Problemi con la mafia? Non ti preoccupare ci penso io"
Queste è la storia della mafia, che esiste anche se per Berlusconi è una cosa che ci fa fare solo brutta figura e che non si deve raccontare. D'altra parte il paese non deve sapere che è guidato da un uomo che ha tenuto per anni un mafioso come stalliere, che è stato citato più volte dai pentiti, che tiene conti all'estero in banche sotto inchiesta per riciclaggio, che venne citato da Borsellino nella sua ultima intervista prima di morire.
Silenzio... silenzio.
venerdì 27 novembre 2009 6 vostri commenti

Le vignette di Vauro... l'incredibile Cipphulk

0 vostri commenti

Annozero. L'intervento di Travaglio..."Santa Giulia, Milano"




...il marcio che avanza sempre più e noi sempre più sommersi...
giovedì 26 novembre 2009 4 vostri commenti

Quello che dicono di noi... da Berlusconi che gioca a nascondino a Cristo che si è fermato a Coccaglio

"Il capo del governo vuole liberarsi di due processi in corso a Milano “ prima di febbraio”. A questo se ne potrebbe aggiungere presto un terzo: il pentito mafioso Gaspare Spatuzza accusa il premier di aver trattato con due boss mafiosi. Berlusconi esibisce ormai solo un’espressione cupa. Con irritazione crescente il premier registra all’interno della sua coalizione anche scontri di crescente e durevole litigiosita’", Der Standard, Svizzera... e la dignità del paese va sempre più giù.

"Decine di migliaia di imputati in Italia possono rallegrarsi del recentissimo scudo giudiziario che deve proteggere il capo del governo Silvio Berlusconi dalle condanne. Uno dei beneficiari è il comproprietario dell’ex stabilimento Eternit Stephan Schmidheiny. Il processo a Torino, nel quale l’industriale svizzero deve rispondere di 2000 decessi per l’amianto, andrà probabilmente in prescrizione grazie al disegno di legge per salvare Berlusconi", Frankfurter Rundschau, Germania... da piccola amava fare quello che a nascondino gridava "liberi tutti"...

"È buffo che Marrazzo, un ex conduttore televisivo (professione che magari gli è servita a incontrare le sue siliconate amiche brasiliane) ora sia difeso con maggiore passione proprio da esponenti della maggioranza di centro-destra di Berlusconi, il Popolo della Libertà, preoccupati di proteggere il loro paladino dalle conseguenze dei suoi ancor più pubblicizzati eccessi amorosi. Di recente, diversi membri del Popolo della Libertà si sono fatti solerti portavoce della “privacy” delle persone – ossia del loro appetito per il sesso bizzarro", The New York Review of Books, USA... i paladini della privacy, quella dei potenti, quella per poter fare ciò che vogliono alle spalle degli elettori...

"Ora ecco che in Italia questa libertà è messa in pericolo dall’attacco sproporzionato di cui è oggetto Antonio Tabucchi. Il presidente del Senato italiano, Renato Schifani, gli chiede in tribunale l’esorbitante somma di 1,3 milioni di euro per un articolo apparso su L’Unità, giornale che tuttavia non è stato denunciato. Il crimine di Antonio Tabucchi è di aver interpellato Schifani, personaggio centrale del potere berlusconiano, sul suo passato, sulle sue relazioni di affari e le sue frequentazioni sospette – tutte questioni su cui recalcitra a dare spiegazioni. Esaminare il percorso, la carriera e la biografia di un alto responsabile pubblico è tuttavia parte delle domande necessarie e delle legittime curiosità della vita democratica.", Le Monde, Francia... il crimine di Schifani è quello di esistere.

"Dall’inizio dell’anno sono state 82 le morti nelle carceri italiane fortemente sovraffollate, 51 delle quali sono state registrate come suicidi: un’epidemia nel Paese in cui il banchiere Michele Sindona morì in carcere nel 1986, avvelenato con del cianuro nel caffè", The Guardian, Gran Bretagna... morti che non fanno notizia, morti dimenticate.

"Il consiglio comunale della località settentrionale italiana di Coccaglio quest’anno sogna un “bianco Natale”. Ma la melensa canzone di Bing Crosby non ha nulla a che fare con le idee della giunta. Tutt’altro: gli esponenti locali della xenofoba Lega Nord si affidano a una sorta di pulizia etnica stagionale per purificare il paese. Stanno per emettere un’ordinanza ufficiale per identificare ed espellere quanti più extracomunitari possibile prima di Natale. L’operazione, soprannominata “bianco Natale”, vedrà, a partire da oggi e fino al 25 dicembre, 400 pubblici ufficiali bussare alle porte dei circa 400 extracomunitari - come sono chiamati in Italia gli stranieri provenienti da paesi non Europei – della cittadina, per controllarne i documenti.Chi mostrerà un permesso di soggiorno scaduto da oltre sei mesi e non accompagnato da una richiesta di rinnovamento già inoltrata, verrà messo alla porta", The Independent, Gran Bretagna... quelli che si scandalizzano per un crocifisso tolto dal muro...
mercoledì 25 novembre 2009 9 vostri commenti

Ecco chi ha capito la vera natura delle banche... io so con chi stare


Io sinceramente sto con chi stare in questa vicenda.
Questa è la storia di una donna di 62 anni. Una persona non un Robin Hood, una persona normale che vivendo la quotidianità delle banche si è resa conto che la maggiorparte dei criminali a volte porta una cravatta, un bel vestito, ha un bel ufficio con una scrivania di legno pregiato, quadretti familiari e magari un crocifisso al muro.
Siamo in Germania, precisamente in una banca nei pressi di Bornheim, cittadina a ovest di Bonn e la signora di 62 anni è una direttrice della filiale. Una donna intraprendente, una donna che magari dopo aver visto per anni tutte le schifezze finanziarie di una banca, tutti i prestiti concessi a tassi da strozzini, dopo aver visto migliaia di persone uscire dal suo ufficio in lacrime o disperati... una donna che ha saltato la barricata ed è passata dall'altra parte.
Un computer, qualche tasto premuto senza farsi vedere... si prende un conto corrente di quelli pieni e si sposta qualche euro nel conto in rosso della persona che 5 minuti prima è stato maltrattato al banco... poi si passa al conto corrente di quell'industrialotto che non paga mai le tasse e ha anche un conto corrente in Svizzera e via altri euro sul misero conto in rosso di un operaio... senza tenere neanche un euro per sè.
Questa è la nostra società. Una società che premia i banchieri che sfruttano la sofferenza e le difficoltà della gente. Che applicano tassi vergognosi a chi chiede un mutuo e tassi miseri quando apri un contocorrente. Che non punisce, questo soprattutto nel nostro paese, chi evade e chi organizza truffe...
Io sto con Erika B direttrice di una filiale della VR-Bank che dal 1990 si è resa conto della reale natura delle banche, scoperta processata e condannata a restituire tutto e a 22 mesi con la condizionale.
Io sto con una persona normale.
martedì 24 novembre 2009 5 vostri commenti

Passaparola. Travaglio..."Il primo Capo di Stato che canta ha fatto l'uovo"



"...“ le riforme si fanno per i cittadini e non per i singoli, l’ho sempre pensato e oggi ne sono più che mai convinto: basta con le leggi ad personam, che non risolvono i problemi della gente e non aiutano il Paese a migliorare” e va beh, fin qua ci sono arrivati in tanti. Poi aggiunge, Ciampi, che è Senatore a vita e è il Presidente della Repubblica dal 99 al 2006 e che, quindi, di quelle leggi non per i cittadini ma per uno o per i suoi complici ne ha viste parecchie e qualcuna l’ha respinta: ricorderete che Ciampi respinse al mittente la Legge Gasparri numero uno, respinse al mittente l’ordinamento giudiziario Castelli, respinse al mittente la Legge Pecorella, quella che aboliva l’appello del Pubblico Ministero ma non dell’imputato e poi qualche altra frattaglia, ma insomma le cose più importanti furono quelle, quelle ad aziendam e ad Benlusconem o ad Berlusconum sono quelle tre lì, che lui ha respinto. Purtroppo non respinse la “ legge salva Rete Quattro”, anzi il decreto salva Rete Quattro, che portava la firma di Berlusconi, ossia di colui che beneficiava del decreto che salvava Rete Quattro perché altrimenti, entro una settimana - era il dicembre, il Natale del 2003 - secondo la sentenza della Corte Costituzionale Rete Quattro avrebbe dovuto essere spenta sull’analogico terrestre e mandata su satellite oppure, per rimanere accesa sull’analogico, avrebbe dovuto cambiare padrone, cioè essere venduta con un grave danno pubblicitario per Berlusconi, il quale invece ha continuato a introitare guadagni pubblicitari con una televisione che, senza quel decreto, era abusiva e che quel decreto ha legalizzato ex post, senza superare naturalmente i rilievi della Corte Costituzionale e poi della giustizia europea."
lunedì 23 novembre 2009 6 vostri commenti

COME LICENZIARE 9000 PERSONE SENZA CHE NESSUNO SE NE ACCORGA !!!

Ricevo e pubblico questa lettera.

Cari Amici scusate se vi chiedo un piccolo aiuto; io e altri 1191 colleghi della ditta Agile ex Eutelia una sede è anche a Pregnana Milanese (tutti derivanti da aziende come Olivetti e Bull): a fine anno saremo tutti licenziati probabilmente senza poter usufruire degli ammortizzatori sociali. Ben presto a noi si uniranno altri 6600 colleghi di Phonomedia uno dei più grandi call-center in Italia. Tutto ciò grazie a degli imprenditori che qualcuno, con un eufemismo, ha definito "diversamente onesti" Questo sta accadendo nel silenzio più totale, nonostante varie manifestazione anche eclatanti (incatenamenti davanti a Ministeri competenti, salite sui tetti delle sedi, occupazioni delle sedi), sembra che nessuno si accorga di noi. Il Governo ci ignora, sembra che il destino di quasi 9000 famiglie non lo interessi nemmeno! Non stiamo percependo alcun stipendio nè rimborsi spese ormai da 3 (tre) mesi !!!!!!!!!!. (conosco colleghi cinquantenni, con mutui e/o affitti, che per mantenere la famiglia chiedono soldi a genitori e suoceri!!!!!!!!) Vista la situazione qualcuno ha pensato di usare il tam-tam delle mail come la vecchia "catena di S. Antonio" per fare conoscere la nostra situazione al più alto numero di persone possibile, sperando che arrivi alle orecchie di qualcuno...."in alto". Tutto quello che vi chiedo è :

Inviare al più presto una mail con l'allegato al maggior numero di amici possibile, con la preghiera che loro lo inviino al maggior numero di amici possibile. In questo modo in pochi giorni migliaia, forse,milioni di persone saranno al corrente di quanto ci sta succedendo e chissà che la voce non arrivi a chi è in grado di farsi sentire. Per cortesia, fate capire ai vostri amici che NON è la solita catena di S.Antonio, NON è uno scherzo si tratta di 9000 famiglie che non sapranno come arrivare a fine mese !.
Vi ringrazio di cuore fin d'ora

gianfranco


Ecco l'allegato.


COME LICENZIARE 9000 PERSONE SENZA
CHE NESSUNO SE NE ACCORGA !!!

E' iniziato il licenziamento dei primi 1200lavoratori di
OLIVETTI-GETRONICS-BULL-EUTELIA-NOICOM-EDISONTEL TUTTI CONFLUITI IN:
AGILE s.r.l. ora Gruppo Omega
Agile ex Eutelia è stata consegnata a professionisti del FALLIMENTO.
Agile ex Eutelia è stata svuotata di ogni bene mobile ed immobile.
Agile ex Eutelia è stata condotta con maestria alla perdita di commesse e clienti .
Il gruppo Omega continua la sua opera di killer di aziende in crisi , l'ultima è Phonemedia 6600 dipendenti che subirà a breve la stessa sorte.
Siamo una realtà di quasi 10.000 dipendenti e considerando che ognuno di noi ha una famiglia, le persone coinvolte sono circa 40.000 eppure nessuno parla di noi.
Abbiamo bisogno di visibilità Mediatica, malgrado le nostre manifestazioni nelle maggiori città italiane ( Roma - Siena Montepaschi -- Milano -- Torino -- Ivrea -- Bari -- Napoli - Arezzo - ) e che alcuni di noi sono saliti sui TETTI, altri si sono INCATENATI a Roma in piazza Barberini, nessun Giornale a tiratura NAZIONALE si è occupato di noi ad eccezione dei TG REGIONALI e GIORNALI LOCALI.
NON siamo mai stati nominati in nessun TELEGIORNALE NAZIONALE perchè la parola d'ordine è che se non siamo visibili all'opinione pubblicail PROBLEMA NON ESISTE.
Dal 4-Novembre-2009 le nostre principali sedi sono PRESIDIATE con assemblee permanenti.


Ogni mio commento ad una lettera del genere è logicamente superfluo... questo paese, ormai lo diciamo da tanto tempo, non è più un paese normale e notizie come queste vengono relegate nelle utlime pagine oppure nascoste. Perchè la gente non deve sapere... perchè la crisi non esiste... perché se non spendiamo è solo colpa nostra perché siamo pessimisti... perchè se non arriviamo a pagare la rata del mutuo è solo perché siamo poco positivi... d'altra parte la richiesta che fanno queste persone e come loro altre è davvero strana, chiedono di poter lavorare.


sabato 21 novembre 2009 10 vostri commenti

L'Italia è un paese fondato sul ricatto e sui misteri. Un computer scomodo a molti.


Forse dobbiamo rassegnarci... o forse no.
Una cosa è certa questo è stato, è e rimarrà il paese dei misteri. A volte semi risolti ma il più delle volte lasciati a marcire nell'ombra.
Già perchè quello che è successo a Brenda o Brendona sta per diventare uno dei tanti misteri. Casa bruciata, una morte carbonizzata, una bocca chiusa e un computer buttato nell'acqua.
La procura sta indagando... ma le voci che stanno già uscendo e stanno cercando di insinuare sono "si è suicidata"... "fumava spesso si sarà dimenticata una sigaretta da qualche parte"..."si drogava"... come no e magari mentre era addormentata o strafatta si è alzata ha preso il suo computer e in un gesto di stizza ha buttato il pc nell'acqua. Beh voglio dire in un paese dove gli anarchici si suicidano prendendo la rincorsa e buttandosi giù dalla finestra durante un interrogatorio può succedere... in un paese dove un ragazzo che denuncia la mafia viene fatto passare per un suicida al tritolo... e via di seguito.
I fatti di via Gradoli non sono da sottovalutare, quello che è successo può far pensare ad altri politici immischiati che magari potrebbero essere sotto ricatto, e un politico sotto ricatto... beh... Non sono da sottovalutare e da non sono da archiviare come "suicidio" perché è chiaro che qualcuno non ha gradito le parole di Brenda e compagne, la denuncia di forze dell'ordine molto molto deviate. Il messaggio è chiaro chi parla finisce così.
Pensiamo un attimo al computer. Perché buttato nell'acqua e non portato via e scaraventato in qualche altro luogo o bruciato magari da un'altra parte? Portebbe essere un avvertimento del tipo "guardate che abbiamo visto i nomi e il materiale nel Pc e ne abbiamo delle copie... regolatevi di conseguenza!".
Dalla repubblica delle banane a quella dei ricatti.
venerdì 20 novembre 2009 2 vostri commenti

Annozero. L'intervento di Travaglio... dal compagno Fini alla breve vita del processo

7 vostri commenti

Niente lavoro... aumenta la disoccupazione... Silenzio il nemico ci ascolta!!!

Due visioni della vita.
Due visuali della situazione.
Pensateci un attimo. Pensate quanto è semplice segnalare e rimarcare una notizia piuttosto che un'altra. Far vedere alla gente una cosa per portare l'attenzione sul fattore positivo, tralasciando quello negativo, quello più importante.
Sia ben chiaro non è che a parlare di cose negative si sta bene, si è contenti... sarebbe meglio per tutti commentare dati confortanti per il nostro paese, per la gente, per il lavoro. Già per il lavoro. Problema che sembra sparito dall'agenda governativa troppo piena di appunti per processi morti, corti, brevi e mai avvenuti...
Tg2... velina del governo, come altri telegiornali, che dedica quasi 20 minuti alla politica, si potrebbe dire bene si parla di problemi concreti... eh no... si parla di cronaca governativa, di "cosa fa il governo per fravi stare bene". Dalle tendopoli sparite, poco importa che le case siano state finanziate dalla Regione Trentino e non dal governo, per passare agli importanti impegni europei del governo... e in mezzo? Beh in mezzo il PIL...
Il PIL e... la disoccupazione.
Parola quasi totalmente sparita dal dibattito politico.
Dati buttati li così facendo vedere che il Pil italiano calera' del 4,8% quest'anno ma poi tornare a crescere dell'1,1% il prossimo, senza dire rispetto a cosa tra partentesi, e poi dell'1,5% nel 2011...
Si ma il lavoro? Ma ragazzi su il lavoro non fa notizia nei Tg, non importa, sono dati che...
Ok. Ma il lavoro? Il governo ora ha da fare, non può stare dietro a tutto... e poi la gente vuole sapere se Brad Pitt fa un passo a Venezia, se George è gay e se...
Il lavorooooooooooooooooooo?!?!

...il tasso di disoccupazione in Italia salirà infatti nel 2009 al 7,6% dal 6,8% del 2008, mentre nel 2010 raggiungerà l'8,5% e nel 2011 l'8,7...

1.787.741 disoccupati, che aumenteranno... e 3milioni di precari hanno diritto a delle risposte, a dei politici seri e ad un governo che non pensi a risolvere i problemi giudiziari di un uomo...

...ma questo non lo deve sapere nessuno.
giovedì 19 novembre 2009 5 vostri commenti

Nostra signora televisione... il popolo che non deve chiedere mai e soprattutto leggere



Dati del rapporto annuale sui consumi mediatici dell'Istituto di studi sociali.

...la lettura dei quotidiani a pagamento almeno una volta alla settimana passa dal 67% al 54,8%...

...quelli che il giornale lo prendono in mano almeno tre volte in sette giorni, si passa dal 51,1% del 2007 al 34,5% del 2009....

...free press che rimane stabile passa dal 34,7% al 35,7% ...

...i periodici... nel 2009 li legge il 26,1% degli italiani (-14,2%) e quella dei mensili il 18,6% (-8,1%)...

Forse ci salviamo con i libri, forse abbiamo abbandonato la carta stampata per l'approfondimento...

...discesa anche nella lettura dei libri dal 59,4% del 2007 al 56,5% del 2009...

Niente da fare.
Però! Basta essere negativi! Bisogna crederci come dice il premier! Quindi...

...stabile l'uso dei telefonini dall'86,4% all'85% con una leggero calo quindi ma con un uso molto più parsimonioso... già già la crisi...

E poi signori e signori. Televotanti, telepaganti, teleomologati, teletassati e telerassegnati, teledecoderdigitaleterrestrizzati...

...tra i più istruiti 65 su 100 hanno un abbonamento alla tv a pagamento, dato che scende tra i meno istruiti (56%) e i più anziani (il 56,7% non ha abbonamenti di nessun tipo)...

...beh i dati della normale Tv li sappiamo, deduco, non servono studi approfonditi...

Ma attenzione...

...Facebook, noto al 61,6% degli italiani, seguono Youtube al 60,9%, Messenger 50,5%, Skype 37,6% e Myspace 31,8%...

...Se a questo dato aggiungiamo che non tutta l'Italia è coperta da Adsl (si dice 92%), che i costi sono ancora troppo elevati, che le velocità di connessione a volte fanno ridere e che soprattutto è sempre in cantiere un bel progettino per boicottare l'informazione libera in rete... non so se ci resta qualcosa per sorridere.
mercoledì 18 novembre 2009 6 vostri commenti

La televisione della contessa... volgete lo sguardo altrove voi che pensate





Cosa c'è di più importante di una profonda crisi istituzionale?
Più importante di una giornata in cui le alte cariche dello stato hanno detto cose da rimarcare, da considerare e discutere?
Più importante di notizie come quella che il governo non restituisce i soldi scippati alla ricerca e utilizzati per sotenere Alitalia?
Più importante della storia di Daniele Amanti e della sua famiglia che grazie all'appello lanciato da Luca Telese de Il Fatto quotidiano stanno cercando di trovare fondi per curare Daniele e i bambini come lui?
Basta vedere il nostro palinsesto televisivo dell'informazione e avrete tutte le risposte.
Il regime mediatico sta utilizzando tutti i mezzi possibile per rincoglionire ancora di più il popolo italiano. Come? Beh, sviando l'attenzione. Parlando d'altro, puntando il dito verso altro.
Prendiamo ad esempio la puntata di ieri sera di Porta a Porta... dedicata indovinate un po'?
Alle dichiarazioni di Fini? No.
A quelle di Schifani che si è autoeletto presidente della Repubblica minacciando elezioni anticipate? No.
Alla ricerca che finanzia i voli di Alitali? Figuriamoci.
Al processo breve e alla giustizia... neanche per parlarne. Quindi?
Ai cani... dico ai cani, con tutto il rispetto perché io li adoro lo giuro... ma ai cani...
Il resto non conta, anzi il resto no si deve sapere...
Un salto a Matrix.
Anche qui si parlerà della crisi istituzionale? Ma per favore!
Allora della confusione dei ruoli? Lascia stare.
Della grande protesta degli studenti in tutta Italia? Non c'è tempo per queste cose.
Beh allora magari un accenno ai soldi svizzeri del premier e alle sue ville ad Antigua? Non sia mai...
Argomento. Il falso cibo made in Italy nel mondo, con tanto di servetto Vinci in versione massaia al supermercato americano, poi in pizzeria con tanto di margherita geneticamente modificata con sopra i maccheroni, poi da amici (tra l'altra straricchi) a cucinare il falso italiano.
Perché la gente deve sapere queste cose... deve parlare di queste cose il giorno dopo.

"Pinuccia ha visto il Vinci ieri sera?"
"Certo contessa! Non me ne perdo una, beh a parte qualche volta che c'è il Vespa!"
"Ah si ha ragione. Ha visto come cucinava bene... è proprio da sposare quello li!"
"Eh già... però sapesse contessa che cosa mi han detto..."
"Cosa?"
"Che alla scuola del mio Aldo... han fatto lo sciopero quei quattro ignoranti!"
"Impossibile..."
"Come contessa l'ha detto il mio Aldo!"
"In TV non l'han detto... quindi non è successo!"
"Ha ragione contessa. Anche il mio Aldo racconta balle, non c'è più morale contessa"
martedì 17 novembre 2009 1 vostri commenti

Io sto con Askatasuna... io sto con gli spazi sociali


Contro i consigli comunali come Torino che vogliono chiudere i centri sociali
Contro quelli che vedono nelle iniziative dal basso un pericolo
Contro quelli che vogliono gente non pensante
Contro quelli che voglio gente solo votante
Contro quelli che non vogliono aggregazione
Contro quelli che non vogliono integrazione
Contro quelli che non capiscono la solidarietà e la fratellanza
Contro quelli che credono solo nel capitale
Contro quelli che vorrebbero solo grandi magazzini
Contro quelli che ci vorrebbero tutti grandi consumatori di niente
Contro quelli si sentono perbenisti, vogliono gli sgomberi
Contro quelli che si dicono società civile ma non lo sono più da anni
Contro quelli che chiudono i centri sociali ma consento manifestazioni e ricostruzioni del partito fascista
Contro quelli che non vogliono capire, e quelli che si voltano dall'altra parte
Contro quella sinistra che non nega i propri valori per un'assurda corsa al centro
Contro quella sinista che l'unico centro che riconosce è quello politico
Contro quelli che "le ronde si" ma i centri no...

...io sto con gli spazi sociali.

http://ilrusso.blogspot.com/2009/11/ci-vogliono-morti-perche-non-siamo-i.html
3 vostri commenti

Travaglio...Passaparola "Berluschino il breve" e il processo ammazza-giustizia


"...è sempre riuscito a inventarsi degli slogan che funzionano, come il processo breve: in realtà bisogna chiamarlo con il suo nome, il processo che esce da questa cosiddetta riforma della giustizia, bisognerebbe cominciare a chiamarlo il processo morto, perché il processo non diminuirà neanche di un minuto nella durata media, ma anzi, semmai questa legge, creando più aspettativa di impunità con l’istituto nuovo della prescrizione del processo, anziché della prescrizione del reato, sarà un incentivo agli Avvocati difensori per allungare ulteriormente il brodo e puntare alla prescrizione del processo."

"Abbiamo detto che questa legge si applica a tutti e tre i gradi di giudizio per il futuro, è retroattiva, ossia vale per i processi già iniziati che siano nella fase del primo grado mentre, se sono già in fase di Appello o di Cassazione, questa legge non vale e quindi in Appello o in Cassazione i processi già iniziati possono durare più di due anni, volendo, mentre invece i processi in primo grado già iniziati devono durare non più di due anni e perché? Perché Berlusconi ha i processi in primo grado."

"Avete visto dalla Gabanelli di Report, nel servizio di Paolo Mondani ieri sera, che cosa è il riciclaggio, che cosa è la frode fiscale, che cosa è portare i soldi all’estero per pagare le tangenti etc. etc.: bene, quelli che la fanno franca per prescrizione, grazie al fatto che oggi la prescrizione per quei reati è brevissima, adesso potranno godere anche della prescrizione del processo che, per loro, sarà brevissimo, perché? Perché sono riusciti a farsi prescrivere prima e continueranno in eterno a essere prescritti!"

"guardate, per non processare Berlusconi non possiamo più andare avanti, gli imputati sono liberi di tornare a fare quello che facevano prima, le vittime sono libere di tornare a leccarsi le ferite perché non avranno giustizia, e questo è il processo breve, anzi il processo morto per salvare il Presidente del Consiglio!"
lunedì 16 novembre 2009 9 vostri commenti

L'indovinello di Report. Chi ha un conto corrente in una banca svizzera sotto inchiesta per riciclaggio e contemporaneamente fa lo scudo fiscale?





Alzi la mano chi sa più che cosa sia la normalità.
Che cosa possa voler dire vivere in un paese normale.
In un paese dove alcune, dico alcune non tutte, notizie potrebbero indurre il popolo a pensare un minimo a chi ha affidato il proprio destino, quello dei propri figli, quello che rimane dei propri risparmi.
La crisi e la recessione che da anni gravitano sulla testa degli italiani, sono ormai state istituite per legge e pesano sulle spalle dei lavoratori che si trovano ogni mese uno stipendio ai limiti della decenza e inoltre devono sentire parole che arrivano dai rappresentanti del governo del tipo "dovete credere di più nella ripresa"..."dovete spendere"..."pagare le tasse da buoni dipendenti"..."pagare per mandare i vostri figli in una scuola a pezzi, in una università da terzo mondo"...
...e intanto...
...come per magia parte lo scudo fiscale... sotto anonimato, unico caso al mondo, grazie al quale porti del grano in patria che avevi nascosto per non pagare le tasse e lo puoi mettere nella tua bella banchetta al riparo da tutto... anzi per farti un bel regalo devi dire solo chi sei se lo investi in attività produttive... altrimenti se lo tieni come rendita al governo non frega niente... neanche se sei di cosanostra... anzi.
Già! Scudo fiscale per chi evade, mazzate per chi lavora e guadagna zero, per non pensare a quelli che il lavoro non ce l'hanno neanche.
Si dirà ma chi è che ha i soldi all'estero?
Chi sarà?
Ora diranno che siamo i soliti comunisti, che tutte le volte troviamo qualcosa che non va... allora! O Berlusconi è sfigato e si trova sempre nel posto sbagliato al momento sbagliato, oppure il più gran truffatorfarabutt della faccia della terra... e sinceramente io non creso molto alla sfiga non so voi...
Comunque, vogliamo aggiungere un tassello alle nefandezze berlusconiane? Avanti, facciamoci del male.
Chi tiene 60 milioni di euro nella Banca svizzera Arner? Berlusconi.
Che banca è sotto inchiesta della Banca d'Italia (che non credo siano tutti comunisti) per riciclaggio di denaro? La Banca Arner.
Cosa ha di normale un paese che continua a sostenere un premier sotto inchiesta per corruzione, evasione, falso in bilancio, rapporti con la criminalità e che tiene il denaro all'estero mentre esorta il popolo a pagare le tasse? Niente...sinceramente sono stufo di rispondere ad una domanda del genere

...ora vogliamo togliergli il piacere di farsi l'ennesima legge ad personam?



venerdì 13 novembre 2009 10 vostri commenti

Stefano cucchi. Quando la democrazia si ferma nel sotterraneo di un tribunale, 6 indagati

"L'aggressione sarebbe avvenuta il 16 ottobre, nel sotterraneo del palazzo B della Città giudiziaria di Roma, dove si trovano le celle di sicurezza prima dell'udienza di convalida del fermo, ha spiegato il procuratore capo Giovanni Ferrara. Cucchi, secondo l'accusa, sarebbe stato scaraventato in terra, dopo aver sbattuto violentemente il bacino, procurandosi una frattura dell'osso sacro, sarebbe stato colpito a calci. Da qui le varie fratture."
La Repubblica


La dove dovrebbe regnare la legge... la dove un cittadino dovrebbe far valere i suoi diritti... la dove dovrebbe trovare una delle sue massime rappresentazioni la democrazia... la... un ragazzo di 31 anni trovava la morte, nell'indifferenza dei suoi aguzzini... nei momenti in cui la giustizia si volta dalla parte opposta.
6 vostri commenti

Il decreto dell'intoccabile per il paese della vergogna

Forse davvero questa volta il paese è arrivato al punto di non ritorno.
Quel punto più basso in cui un paese civile e normale, popolato da persone con un minimo di intelligenza, dovrebbe svegliarsi alzare la testa e dire... fermi tutti, ora basta.
Ma in realtà non è così.
Il popolo delle libertà e l'esercito di manipolatori del diritto del premier continuano nella loro galoppata per l'immunità. Continuano fregandosene completamente delle dichiarazioni fatte davanti alle tv, dove dichiarano puntualmente di non volere fare altre leggi ad personam (vedere la puntata di Ballarò con ospite il ministro Alfano) per poi attendere qualche settimana, impegnata a studiare il caso e non per studiare manovre per dare lavoro, e presentare l'ennesimo progetto di eversione.
Una legge che porterà all'annientamento dei grandi processi come la Thyssen, la Parmalat e tutti gli altri che hanno visto vittime dirette e famiglie vittime dello Stato. Una legge che provocherebbe tutto ciò per salvare una persona... per salvare un plurindagato, plurinquisito... per salvarlo da Mills, dai diritti Tv.
Per assurdo il paese ormai si trova in una situazione in cui sarebbe meglio che il pdl e il premier presentassero una legge dove ci fosse scritto apertamente che "il signor Silvio Berlusconi non può e non potrà mai essere messo in galera per nessun tipo di reato, ne ora nè mai"... per assurdo solo in questa maniera il paese potrebbe vedere i grossi processi che tutti conosciamo andare avanti e le famiglie e i morti che chiedono giustizia potrebbero averla.
Tutto ciò per assurdo... ma di normale qui non c'è più niente, davvero più niente.

4 vostri commenti

Annozero. L'intervento di Travaglio... 15 anni di avvocati che fanno finta di essere politici. Qualcuno ricorda come è la politica vera?




Probabilmente non lo sappiamo neanche più come è fatto un vero politico, cosa dice, cosa propone quando va davanti agli elettori... non lo sappiamo più, e qualcuno non lo ha mai saputo.
Già perché ormai il grande pubblico politico televisivo è abituato a tutto ciò, abituato ad avvocati che mentre difendono il loto cliente lavorano per fare leggi per tirarlo fuori, il tutto con tanto di stipendio pagato dagli italiani che, logicamente, nella loro maggioranza apprezzano tutto ciò e continuano a sostenere la banda berlusconi.
Proprio così, ormai si dovrebbero usare i nomi adeguati. Si tratta di una vera e propria banda che da anni lavora quasi indisturbata, compiendo continui attentati alla libertà, alla giustizia e alla costituzione italiana. Una banda diversa dal solito che non usa la violenza esplicita ma quella mentale, quella della comunicazione forzata, quella del martellamento mediatico, dell'annientamento dell'avversario tramite l'informazione.
Qualcuno forse ricorda quando si parlava di politica, un dibattito serio in cui si parlava di contenuti di problemi da risolvere, di vite quotidiane da rendere migliori.
Qualcuno forse lo ricorderà... altri invece si dovranno accontentare di quello che offre l'attuale... un uomo solo al comando, un esercito di avvocati, un mare di continui insulti alla magistratura, un elenco di diritti calpestati, un paese che non si scuote pieno di cervelli imbambolati dai programmi televisivi e dietro... quella che una volta chiamavamo democrazia.
giovedì 12 novembre 2009 4 vostri commenti

Cercasi vaccino urgente per la politica italiana



"Il nostro è un cammino che inizia non sono d'accodo con un Partito Democratico che va a sinistra, ma lo rispetto e iniziamo, oggi, con tante forze nuove e di esperienza e di convinzione un cammino per aggregare coloro che pensano ad un'Italia democratica, liberale, popolare e riformatrice'', Rutelli

"Vogliamo essere un'alternativa al populismo che viene seminato a piene mani dal premier e dal suo principale alleato, la Lega. Ma siamo critici anche verso l'opposizione : il Pd è diventato un prolungamento dei Ds, e la corrente giustizialista non ci piace", Tabacci

Ormai sono anni che assistiamo a queste fughe di pseudo leaderini mai riusciti. Di gente che ha trovato il modo di campare e non lo vuole mollare non pensando minimamente al ruolo che in realtà dovrebbe ricoprire.
Fare politica, so che potrebbe risultare banale, dovrebbe voler dire credere realmente di poter fare qualcosa per le persone che si vuol rappresentare... provare a risolvere realmente i problemi del paese, trovare soluzioni nuove... non dovrebbe essere fine a sè stessa, cosa molto utopistica capisco, non dovrebbe essere un continuo salterellare da una parte all'altra dell'emisfero politico solo per trovarsi un posto.
Beh in questi giorni abbiamo assistito alla fuoriuscita di Rutelli e company dal partito democratico... non la prima e soprattutto nemmeno l'ultima... abbiamo assistito solamente a quello che è solo un'esempio di cosa è diventata la politica nel nostro paese da molto, troppo tempo...
...dico guardateli bene nella foto quante volte li avete visti fare la stessa cosa accanto ad altre persone, accanto ad un altro simbolo. Sorridere stringere al mano e dire questo partito è nato per uscire dai soliti schemi di questa politica etc... oppure dire noi vogliamo andare incontro a tutti gli italiani che non si ritrovano negli altri schieramenti (dove tra l'altro qualche minuto prima stavano anche loro)...
...dico guardateli e guardate il simboli... primo esempio di "logo temporale", già perché non c'è o meglio ora è una X probabilmente a rappresentare il vuoto delle loro idee politiche e progetti... perché l'importante è creare un partito poi il resto chissenefrega...
...dico guardateli e memorizzate la foto tra qualche mese potreste vederli nella stessa posizione ma con dietro un altro nome e in mano un altro simbolo.
Cose da politica italiana.

mercoledì 11 novembre 2009 0 vostri commenti

Tolleranza Zoro... "febbre a 40", Di ricatti e influenza, di candidature e anticipazioni, di tradizioni inoffensive e video compromettenti

1 vostri commenti

Passaparola. Travaglio... "Piano B: non finire in carcere"



"...se il Cavaliere riuscirà a vincere anche questa, magari con la complicità dell’opposizione - chiamiamola così - o del Capo dello Stato - chiamiamolo così - non ci sarà più alcuna speranza, la prassi è la stessa dell’anno scorso con il Lodo Alfano, minacciare sfracelli, minacciare un disastro epocale come quello che vi ho appena illustrato, in modo da fare venire fuori o dal Quirinale o dall’opposizione qualche sherpa che si offre per una mediazione e che, alla fine, gli dice “ salviamo i processi degli altri e vediamo di metterci d’accordo per bloccare i tuoi : quanti ne hai? Due o tre? Blocchiamo solo quelli”, è la stessa cosa che è avvenuta sul Lodo Alfano, quando lui aveva in piedi la blocca processi: sta facendo nuovamente la stessa cosa! Ma guardate che minacciare sfracelli per intavolare una trattativa e ottenere quello che si vuole per sé è la stessa cosa che ha fatto Totò Riina nel 1992, quando ha cominciato a mettere le bombe, poi ha presentato il conto, cioè il papello e le bombe hanno continuato a scoppiare finché qualcuno non ha messo la sua firma, il suo giuramento sotto quel papello. I metodi di Totò Riina oggi sono i metodi delle leggi ad personam e chissà che i beneficiari di certe leggi ad personam non siano gli stessi che hanno messo la loro firma in calce al papello 16 anni fa?!"...
martedì 10 novembre 2009 2 vostri commenti

Dalle reti del Tg1 Minzolini ci insegna che l'immunità è importante



Questo è ufficialemte pazzo... anzi no siamo noi i pazzi che continuiamo a permettere a questa gente di mantenere le loro cariche e i loro ruoli.
Ma di cosa parla, ma soprattutto chi è per parlare di queste cose. Di giustizia, di magistrati lui che ha un lavoro solo perché la sua lingua è ancora attaccata ai cancelli si Arcore... lui che sostiene un premier che si è portato tutti gli avvocati al governo, che ha piazzato la sua gente in ogni angolo.
Parla di Costituzione, di padri fondatori... dovrebbe abbassare il capo e chiedere scusa in tutte le lingue del mondo al contrario per milioni di volte prima di parlare della carta costituzionale... e poi faccia anche un'altra cosa si vada a leggere la carta dei doveri dei giornalisti che forse è meglio.
Come può un servizio pubblico sopportare affronti continui di questo genere... parla di immunità, parla del '93 dicendo che fu tolta perché i partiti avevano perso la fiducia della gente... perché ora ce l'hanno... ma soprattutto in quel periodo e logicamente non lo dice figuriamoci RUBAVANO, e fanno lo stesso ora. Inoltre il suo capetto in quel momento stava seduto in un angolino della Villa a dirsi entro o non entro... ma si entro perché altrimenti mi legano.
Qualcuno intervenga... perchè avanti in questa maniera non si può andare.
2 vostri commenti

Frana ad Ischia... il paese delle tragedie annunciate e degli appelli inascoltati





Il nostro è il paese delle tragedie annunciate. Il paese dell'intervento a posteriori, quando avviene, del '"ora vi facciamo vedere noi come siamo bravi a mettere le cose a posto"... del "possiamo insegnare a tutto il mondo come si fa". Poi di colpo ci trasformiamo in quelli che dimenticano... Un'altra frana ha colpito Ischia, questa volta è stato l monte Epomeo, in località Tresca.
La tragedia ha già fatto una vittima, una ragazza di 15 anni è stata tirata fuori dal fango senza vita, un'altra bimba è in gravi condizioni e i feriti sono circa una ventina.
Ischia era già stata colpita negli ultimi anni, frane che hanno lasciato a terra dei corpi senza vita. Corpi che non fanno notizia, che le amministrazioni e i governi prendono in considerazione solamente nel breve periodo, per farsi vedere, andare ai funerali, stringere mani e fare promesse. Poi passano i mesi, anni e gli interventi si fanno attendere... a volte cambiano le amministrazioni ma le abitudini mai.
Ogni volta che succedono queste cose assistiamo allo stesso spettacolino della politica... un rimbalzarsi le colpe da una parte all'altra e mai una seria presa in considerazione del problema... mai un domandarsi come è possibile che succedano ancora queste cose...
Il nostro paese è in cima alla classifica di quelli che concedono i condoni edilizi... della serie costruisci costruisci pure, magari su una zona franosa ad alto rischio... tanto poi arriva il condono e passa tutto... Su faccende come queste ci sono politici che hanno costruito una carriera... c'è gente che siede tranquillamente al governo...
Questo è il paese dei condoni e delle tragedie annunciate frutto della collusione ormai dilagante tra malavita e politica... ma noi abbiamo altre cose a cui pensare invece di sistemare il territorio, dobbiamo costruire ponti...
lunedì 9 novembre 2009 6 vostri commenti

Quelli che difendono il crocifisso e insultano un ragazzo ucciso... Giovanardi straparla sul caso Cucchi "morto perchè drogato"



"Stefano Cucchi è morto perché "anoressico e drogato"..."Stefano Cucchi era in carcere perchè era uno spacciatore abituale. La verità verrà fuori, e si capirà che è morto soprattutto perchè era di 42 chili"...la colpa è solo ed esclusivamente della droga "che ha devastato la sua vita, era anoressico, tossicodipendente, poi c'è il fatto che in cinque giorni sia peggiorato, certo bisogna vedere come i medici l'hanno curato. Ma sono migliaia le persone che si riducono in situazioni drammatiche per la droga, diventano larve, diventano zombie: è la droga che li riduce così".
Firmato dal sottosegretario alla presidenza del consiglio Carlo Giovanardi.

Già perché uno non può stare zitto, deve dire qualcosa per forza. E invece di fare una dichiarazione in cui magari si sostiene un'inchiesta sulle violenze al povero Stefano Cucchi... parla vanvera di un ragazzo ucciso a colpi, a botte, a bastonate, a manganellate. Abbiamo ancora negli occhi le fotografie delle violenze, ancora negli occhi le foto di come era prima Stefano... abbiamo ancora nelle orecchie il suono delle parole di chi si rimbalza la colpa, di chi ha lasciato fuori dalla porta di un ospedale i genitori, di chi ha fatto di tutto per evitare che lo vedesseroo...
...e ora dobbiamo anche ascoltare un essere come Giovanardi che qualche giorno fa si indignava per un crocifisso di legno forse tolto da qualche aula e ora spara a zero su un ragazzo ucciso, lui che dice di essere cristiano cattolico, lui che è il primo a dimenticare cosa diceva il suo dio quello che magari ogni mattina va a pregare in chiesa... perché la cosa importante è il perbenismo è nascondere i problemi e dare sempre la colpa a chi non c'è, non ha e non aveva diritti.
Questo è uno stato laico ricordatelo Giovanardi... e il nostro crocifisso è la verità da scrivere anche sui muri se è necessario.
domenica 8 novembre 2009 4 vostri commenti

Corteo "Verita e giustizia per stefano Cucchi"... non mi uccise la morte ma due guardie bigotte





"Non si può morire così. Basta vite spezzate dalla violenza dello Stato"

"Stefano, il tuo sorriso rimarrà impresso per sempre nei nostri cuori"

"E' stato ucciso dallo Stato è l'ennesima vittima della stagione della repressione italia

"Mio fratello non è un eroe ma una vittima ma questo non giustifica quello che gli è accaduto e perciò chiediamo giustizia. Nonostante gli sbagli e le fragilità non meritava di finire così in solitudine la sua breve vita. Quello che chiediamo è che altre persone non debbano passare quello che ha passato Stefano"

"Stefano è stato ucciso. E' passato dalla Stazione dei carabinieri di Tor Sapienza e loro non sono stati, è passato per Regina Coeli e loro non sono stati, è passato per il tribunale e non sapevano niente e alla fine è morto in un letto dell'ospedale Pertini"
sabato 7 novembre 2009 6 vostri commenti

Censurata la mail della Lario... Il popolo non deve sapere




Forse l'ansa... in quel momento si è trasformata in ansia...
Forse la paura ha preso il sopravvento, immaginatevi il momento cruciale. Prima una mail nientedimeno che dalla first lady di Arcore... ricca di insulti sul premier... ciarpame politico e quella parola ....MAIALE... MAIALE... MAIALE...
Immaginatevi il direttore chiamato dal redattore. "Capo c'è una mail di Veronica Lario, forse la dovrebbe leggere".
Panico in redazione. E ora che si fa.
Vai con la telefonata alla signora Lario.
"Guardi forse è meglio tagliare qualcosa".
"Si ma mio marito è davvero un maiale".
"Capisco ma non mi sembra il caso... sa i premier..."
E via la censura è servita, censura anche a convincimento dell'autore.
Sparito il MAIALE, troppo offensivo, e poi non si sa mai. Le Lario vanno e vengono ma Silvio ha potere ovunque e poi non si sa l'incarico da direttore dell'ansa non è a vita, se si vuol lavorare in Tv bisogna avere degli amici e agli amici non si dice maiale.
Chissà magari hanno pensato ai maiali di orwelliana memoria, quelli che prendono il sopravvento, quelli del potere, quelli che tengono a bada il popolino con le dichiarazioni da regime, quei maiali che si alzano in piedi salgono sul palco fanno qualche battuta che non farebbe ridere una gallina ma il gregge si, quelli che distolgono lo sguardo degli altri dai problemi reali, dalle nefandezze che stanno compiendo.
All'ansa hanno preso una decisione... il popolo non deve sapere, i re anche se è nudo va descritto vestito e i maiali che comandano non esistono.
venerdì 6 novembre 2009 4 vostri commenti

Annozero. L'intervento di Travaglio... quando la criminalità è trasversale. Quanto può durare un paese in queste condizioni?




...quando la politica inizia a fare a gara su chi è meno disonesto dell'altro...
...quando le notizie vengono soppresse...
...quando gli scandali di no servono a coprire quelli dell'altro...
...quando è normale chiedere l'intervento di un potente...
...quando uno scrittore prima portato sul palmo della mano viene messo all'angolo dalle stesse persone che si vantavano di conoscerlo...
...quando si sceglie un candidato forte sul territorio in grado di portare voti perché è amico degli amici...
...quando le regole non valgono più...
...quando ti guardano strano se le rispetti...
...quando chi rispetta la legge viene deriso ogni giorno...
...quando l'ignoranza prende il sopravvento... e i valori di un popolo coincidono con quelli di un format televisivo...
...quando non ci sono più crimini che obbligano un politico a dimettersi...
...quando dal governo arrivano segnali distorti... quando arrivano...

...quanto può durare un paese in queste condizioni?
1 vostri commenti

Le vignette di Vauro ad Annozero... "un altro con la scarlattina, un certo D'Alema"


...strani contatti, strani contagi, strane persone, strani personaggi, strani appalti, strane cadute con vicino strani poliziotti, strani provvedimenti e strani gioranlisti... cronaca di una paese sempre più fuori dalla norma...
2 vostri commenti

Annozero... quelli che non ce la fanno e denunciano gli strozzini e quelli che con lo scudo fiscale finanziano la mafia




Ora lo Stato è il latitante più ricercato d'Italia.
Latitante perché lascia da soli persone come l'imprenditore intervistato, lascia da soli i cittadini e coloro che lavorano ogni giorno contro la criminalità organizzata.
Ad Annozero ieri sera si è parlato di profumo di mafia, di rapporti con i politici. Si è parlato di Fondi e di Sabaudia, di laghi e dune, di parchi naturali utilizzati come parcheggi per yacht di lusso.
La deriva morale politica del nostro paese è ormai a livelli incredibili, costante e imperturbabile. Tanto che alcuni politici discutono tra loro non più sull'onesta eventuale di una persona che si presenta per essere eletto ma bensì sul "meno disonesto". Già perché qui si va avanti con proclami sulla pulizia da fare, sulla volontà di non candidare persone impresentabili ma in realtà se si va a fondo ci si accorge dell'enorme presenza di incriminati, sotto processo per mafia, corruttori e inquisiti che occupano posti amministrativi dove la mafia e la camorra costruiscono il loro potere... a livello locale.
Pensate al potere dei casalesi che non sono solo al Sud, presente trasversalmente in ogni angolo del paese.
E lo stato che fà, diceva De Andrè, si indigna? Ma quando mai!
Lo stato, nella figura del governo, da come risposta uno scudo fiscale che permette alla criminalità organizzata di prendere ossigeno, di fare un bel riciclaggio di soldi sporchi.
Lo stato che fa?
Non procede alla chiusura dell'amministrazione di Fondi... ministro, prefetto e questore sbeffeggiati dalle famiglie influenti sul consiglio dei ministri... attenzione ho detto consiglio dei ministri. E stiamo parlando di Fondi, pensate cosa possono fare i casalesi, la n'drangheta... pensate.
Ma noi siamo al sicuro perché abbiamo un premier che ha fatto sapere tramite lo scribacchino di corte che lui non è ricattabile... sono solo risposte quelle che da ai vari Dell'Utri della situzione.
giovedì 5 novembre 2009 7 vostri commenti

Dal Vangelo secondo Vespa, le risposte di Berlusconi alle domande di Repubblica... l'ultimo regalo del gatto e la volpe




Come posson perdere un'occasione tale il gatto e la volpe. L'ultima fatica letteraria, per chi dovrà spostarlo negli scafali in libreria, di Vespa avrà l'onore di ospitare le non risposte alle domande di Repubblica.
Certo perché nel nostro paese è possibile denunciare un giornale per delle domande poste legittimamente e poi rispondere alle stesse sul libro dello zerbino del paese. Logicamente non fornendo alcuna risposta logica... fate voi...


1) Quando ha avuto modo di conoscere Noemi Letizia? Quante volte ha avuto modo di incontrarla e dove? Ha frequentato o frequenta altre minorenni? "Sono solo calunnie. Non ho avuto alcuna relazione con la signorina Noemi"...
...infatti tutti i premier del mondo si fanno chiamare papi dalle ragazze con cui non hanno avuto nessun tipo di rapporto...

2) Qual è la ragione che l'ha costretta a non dire la verità per due mesi, fornendo quattro versioni diverse per la conoscenza di Noemi?...nessuna risposta e probabilmente neanche la domanda..
...il gatto e la volpe danno il loro meglio anche fuori dallo studio di Porta a Porta...

3) Non trova grave che lei abbia ricompensato con candidature e promesse di responsabilità le ragazze che la chiamano "papi"? "Ho proposto incarichi di responsabilità soltanto a donne con un profilo morale, intellettuale, culturale e professionale di alto livello."
...mi sto sforzando ma non riesco a ricordare un altro profilo morale nelle posizioni del calendario della Carfagna... oppure dei balzi che la Carlucci faceva sul toro... per non parlare dei meriti della D'Addario per entrare in una lista politica...

4) Lei si è intrattenuto con una prostituta la notte del 4 novembre 2008. Sono decine le "squillo" secondo le indagini, condotte nelle sue residenze. Sapeva fossero prostitute? "C'era una cena con molte persone organizzata dalle militanti dei club 'Forza Silvio' e 'Meno male che Silvio c'è'" alla quale "all'ultimo momento si infilò anche Tarantini con due sue ospiti"...
...cazzo forse dovrebbero rivedere un attimo il servizio di vigilanza nei suoi palazzi... si infila chiunque... e magari si sono anche portati dietro il lettone di Putin...

5) E' capitato che "voli di Stato" senza la sua presenza a bordo, abbiano condotto nelle sue residenze le ospiti delle sue festicciole? "La magistratura ha già archiviato la pratica al riguardo. Io non ho mai utilizzato 'voli di Stato' in modo non lecito. Inoltre ho cinque aerei privati che posso utilizzare in qualunque momento"...
...ecco bravo allora ne usi uno a sue spese per levarsi dai coglioni... comunque non pensate male Apicella aveva solo sbagliato Gate quando era salito sul volo di Stato...

6) Può dirsi certo che le sue frequentazioni non abbiano compromesso gli affari di Stato? Può rassicurare il Paese che nessuna donna, sua ospite, abbia oggi in mano armi di ricatto?
"La risposta vale per oggi come per il passato, in quanto io non mi sono mai lasciato ricattare da nessuno, né mi sono mai comportato in modo per cui un simile evento si potesse verificare. Quando nei miei confronti sono state avanzate richieste che secondo il giudizio mio e dei miei legali si configuravano come ricattatorie mi sono immediatamente rivolto all'autorità giudiziaria"... beh abbiamo visto nelle ultime settimane come gestisce le prove di reato il premier... vogliamo ricordare la telefonata con Marrazzo...

7) Le sue condotte sono in contraddizione con le sue politiche: lei oggi potrebbe ancora partecipare al Family Day o firmare una legge che punisce il cliente di una prostituta? Nessuna risposta...
...ma lui non si pone limiti... in questo paese parla di lotta alla mafia e chiama un mafioso eroe... figuriamoci se non parteciperebbe ancora alla parata più ipocrita della storia...

8) Lei ritiene di potersi ancora candidare alla presidenza della Repubblica? E ,se lo esclude, ritiene di poter adempiere alla funzione di presidente del Consiglio? "Come molti ricorderanno ho ripetutamente indicato a titolo di suggerimento, affinchè dal Parlamento possa essere compiuta la scelta migliore, un candidato che ritengo sia il migliore in assoluto"...
...lui da solo suggerimenti... e poi chi non vorrebbe un amico alla presidenza della Repubblica... poi 5 alla corte costituzionale... qualcuno sparso in cassazione... e via.

9) Lei ha parlato di un "progetto eversivo" che la minaccia. Puo' garantire di non aver usato nè di voler usare intelligence e polizie contro testimoni, magistrati, giornalisti? "I violenti attacchi contro di me, sempre avulsi da ogni attinenza alla realtà e frutto solo di preconcetta ostilità, sono sotto gli occhi di tutti. Ma non ho certo mai pensato di impiegare queste risorse contro alcuno".
...certo solo filmati con gente stravagante in calzini azzurri...

10) Alla luce di quanto emerso in questi mesi, quali sono, signor presidente, le sue condizioni di salute? "A questa domanda rispondono i fatti. Da quella data a oggi le mie condizioni di salute, a parte un fastidioso torcicollo ormai debellato e la scarlattina che ho avuto a fine ottobre, sono infatti quelle che mi hanno permesso di proseguire e completare sedici mesi di fittissimi impegni che per brevità così riassumo: 170 incontri internazionali, 25 vertici multilaterali, 9 vertici bilaterali, 80 conferenze stampa, 66 consigli dei ministri, 91 interventi e discorsi pubblici a braccio. Cosa avrei fatto se non fossi stato ammalato?"
...aggiungerei 50mila partite a calcetto... 3 visite di stato contemporaneamente in tre stati diversi... 1 camminata sul mediterraneo... 5 moltiplicazioni dei pesci al mercato... una crocifissione con tanto di resurrezione... 10 lettoni di putin montati e smontati in meno di 5 minuti...

mercoledì 4 novembre 2009 3 vostri commenti

Iran. Ancora violenze sui manifestanti



2 vostri commenti

2984. Il Grande Fratello di Orwell in scena a Genova uno spettacolo da portare in giro per salvare la nostra democrazia



Un tizio vi ferma per strada, si avvicina e con voce suadente vi domanda... "Quanto fa due più due". "Quattro" risponderete naturalmente. A quel punto la persona che si era presentata con animo gentile vi punta qualcosa di appuntito alla schiena... e vi ripete la domanda. "Quanto fa due più due?". "Quattro, logicamente" risponderete.
Il tizio si spinge oltre e vi minaccia, vi porta in un vicolo e inizia a picchiarvi, a insultarvi e a inculcarvi nel cervello che "a volte 2 più 2 fa 5, e anche 4, e anche 3, oppure contemporaneamente 3, 4 e 5"... tutto questo perché lo decide lui, con la prepotenza, con la forza che in quel momento gli da il potere.
Nella mia città, Genova, in queste settimane la compagnia del teatro della tosse sta mettendo in scena "2984" tratto dal romanzo "1984" di George Orwell. Un'esperienza unica per immergersi quasi in prima persona nelle sensazioni, negli umori e negli stati d'animo del romanzo.
Una rappresentazione non convenzionale. Non il solito palco di fronte alla platea, no. Spettatori vestiti come gli attori, con una tuta da lavoro, per rappresentare al meglio uno dei tanti messaggi del Grande Fratello "vestiamo uguali perché siamo uguali". Un enorme occhio presente alle spalle degli spettatori... televisioni ovunque che con una cadenza di pochi minuti martellano il "cittadino" sulle buone notizie, sui risultati ottenuti dal regime, sulle regole da rispettare, sui valori e gli slogan del partito... l'ignoranza è forza... la guerra è pace... il grande fratello è tutto... la libertà è schiavitù.
In scena una società basata sull'odio e che si fonda sull'annientamento dell'individuo. Nessun contatto umano, nessun sentimento per il prossimo, niente amore se non quello per il Grande Fratello e il partito. La storia si sa, a chi non ha letto il libro lo consiglio davvero soprattutto di questi tempi, due "cittadini" Winston e Giulia che cercano di uscire dal gregge, dalla legge del sospetto. Due persone che non vogliono riununciare alla loro personalità, al piacere di sentirsi liberi e vivi. Due persone che purtroppo, anche riuscendo a vivere qualche momento di vita, dovranno rinunciare a tutto perché scoperti e umiliati dal Grande Fratello.
Lo spettacolo, come il libro, da sensazioni a tratti di angoscia... vivendo con i protagonisti i soprusi, la mancanza di libertà come se fosse aria. La ripetizione dello slogan "chi controlla il passato controlla il futuro. Chi controlla il presente controlla il passato" è inquietante... e porta il pensiero ai giorni nostri alla migliaia di dittature presenti nel mondo, ai soprusi, alle torture, ai desaparecidos argentini, all'Iran... ma senza andare troppo distante, se pur in maniera differente, pensate all'uso della televisione nel nostro paese. Pensate all'informazione italiana. Pensate a quel servizio sul giudice Mesiano dove il messaggio continuo e cadente ricordava proprio quello che passava negli schermi durante lo spettacolo... ciò che si vede non coincide con le parole, una persona che fuma e passeggia che viene descritta come stravagante... in un momento della rappresentazione O'Brein, membro del partito che fa arrestare Winston, dice al poveretto "non vuoi guarire, sei un pazzo ma noi ti cureremo"... ecco chi decide chi è pazzo, chi decide chi è stravagante, chi decide quale è una notizia da dare in Tv mettendo al corrente milioni di "cittadini"... anche da noi lo decide il Grande Fratello che a differenze di Winston noi possiamo toccare ed è ben presente nelle nostre case di fronte al divano con tanto di telecomando. Aggiungeteci poi il fatto che la televisione è in mano ad una persona sola, che tra parentesi è anche il presidente del consiglio e il pasticcio è pronto.
Prendete ad esempio il caso delle escort di Berlusconi, la tv di stato e mediaset, a parte Santoro, hanno deciso di non parlare della notizia di trasformarla in niente... "Winston tu non esisti" dice O'Brein nell'interrogatorio... beh guardate in questi giorni quante trasmissioni sono state fatte sul caso Marrazzo che ora tra parentesi è anche un normale cittadino, perchè sopra di noi c'è un grande fratello che decide cosa dobbiamo sapere e cosa non... questa è una notizia, questa no... questo è gossip, questo no... provate ad accendere la tv in qualsiasi momento della giornata, quali valori escono fuori? quali principi? Se non l'apparire per esistere.
Un applauso sincero alla compagnia del teatro della Tosse, a tutti i registi e agli sceneggiatori che hanno saputo allestire un ambiente in grado di comunicare il messaggio in maniera perfetta. Un applauso alla mia città che ha ospitato questa rappresentazione. Spero sinceramente che questo spettacolo giri tutta l'Italia. Spero che vada nelle scuole, che porti questo messaggio ai ragazzi, facendogli capire che il Grande Fratello non è la Marcuzzi e le nomination, non è Signorini che con le gambe incrociate da giudizi di cronaca rosa, no niente di tutto ciò... il Grande Fratello è sempre in agguato e purtroppo è già dentro a qualcuno di noi che non riesce più a capire quali sono le sue libertà... che non riesce più a capire perché dovrebbe essere libero...
...siete sicuri di poter dire che 2+2 fa 4?

Al futuro o al passato, a un tempo in cui il pensiero è libero, quando gli uomini sono differenti l'uno dall'altro e non vivono soli...
a un tempo in cui esiste la verità e quel che è fatto non può essere disfatto.
Dall'età del livellamento, dall'età della solitudine, dall'età del Grande Fratello, dall'età del Bipensiero... tanti saluti! Winston Smith


Chi controlla il passato controlla il futuro. Chi controlla il presente controlla il passato.

Era un po' curioso pensare che il cielo era lo stesso per tutti, in Eurasia, in Estasia, e anche lì. E la gente sotto il cielo, anche, era sempre la stessa gente... dovunque, in tutto il mondo, centinaia o migliaia di milioni di individui, tutti euguali, ignari dell'esistenza di altri individui, tenuti separati da mura di odio e di bugie, eppure quasi gli stessi...

Il potere non è un mezzo, è un fine. Non si stabilisce una dittatura nell'intento di salvaguardare una rivoluzione; ma si fa una rivoluzione nell'intento di stabilire una dittatura. Il fine della persecuzione è la persecuzione. Il fine della tortura è la tortura. Il fine del potere è il potere.

"Sei lento a imparare, Winston" disse O'Brien, con dolcezza.
"Ma come posso fare a meno..." borbottò Winston "come posso fare a meno di vedere quel che ho dinanzi agli occhi? Due e due fanno quattro."
"Qualche volta, Winston. Qualche volta fanno cinque. Qualche volta fanno tre. Qualche volta fanno quattro e cinque e tre nello stesso tempo. Devi sforzarti di più. Non è facile recuperare il senno."
martedì 3 novembre 2009 0 vostri commenti

Tolleranza Zoro..."il partito a modo suo"... di lunghe file, seggi aperti e grandi fratelli con i baffi




...cronaca di una giornata di normale amministrazione delle primarie...
2 vostri commenti

Passaparola. Travaglio..."una repubblica fondata sul ricatto"




"La prima cosa è l’importanza di un’informazione libera e non condizionata: avete visto da quanti punti di vista si poteva raccontare il caso Marrazzo, il caso Marrazzo, appena esplode, viene raccontato dal punto di vista più ovvio e anche più pruriginoso e appetitoso per le curiosità morbose e voyeristiche del pubblico che compra i giornali e guarda la televisione, ovvero il Presidente della Regione Lazio, volto noto della televisione, difensore civico con Mi Manda RAI Tre, va con i trans e tutti gli aspetti, la moglie, la famiglia, i figli, il dramma, il convento, i trans, il posto, l’auto blu etc. etc.. Questo è l’aspetto, l’unico aspetto sul quale si sono concentrati i giornali di Berlusconi e i giornali fiancheggiatori di Berlusconi...."

"Veniamo a conoscere questi fatti a causa di una serie di reati commessi da questi Carabinieri, altrimenti non sapremmo niente: non dico che sarebbe meglio non sapere niente, paradossalmente alla fine è meglio che si sia saputa questa cosa, è meglio per noi e forse, dal punto di vista pubblico, è meglio anche per lo stesso povero Marrazzo, perché mettetevi un attimo nell’ottica di una scena diversa, cioè i Carabinieri non vengono arrestati..."

"...avete sentito Minzolini quest’estate, quando diceva, a proposito della D'Addario, “ non facciamo gossip”, nel caso di Marrazzo si sono occupati solo del gossip, ma non si sono occupati dell’aspetto politico che riguarda la gestione di quel dossier e la facilità con cui una banda di delinquenti arriva fino ai vertici di Palazzo Chigi, senza incontrare ostacoli, incontrando anzi molto interesse, vedendosi balenare davanti dei soldi e, alla fine, riuscendo a arrivare perfettamente per le vie traverse al Presidente del Consiglio. Di questo non ha parlato nessuno, come nessuno ha parlato del fatto che il Presidente del Consiglio non ha denunciato questi reati, che erano evidenti e ha, invece, ricevuto un corpo del reato palleggiandoselo in mano per due settimane..."
lunedì 2 novembre 2009 2 vostri commenti

Lo studente iraniano contestatore del regime non è stato arrestato


Mahmoud Vahid-Nia è libero. Il regime non lo ha arrestato.
E' lo stesso ragazzo a smentire i sospetti dei giorni scorsi dato che non si era più visto in giro negli ambienti universitari... e purtroppo di questi tempi in Iran una contestazione e una assenza prolungata vengono messi subito in relazione.
Una buona notizia in mezzo alle tante e terribili che arrivano dall'Iran
4 vostri commenti

Ancora violenza sui detenuti...il vergognoso audio dal carcere di Teramo "un detenuto non si massacra in sezione, si massacra sotto".



"Abbiamo rischiato una rivolta perché il negro ha visto tutto. Un detenuto non si massacra in sezione, si massacra sotto..."

...parole dal carcere di Castrogno a Teramo. Parole che arrivano a pochi giorni dall'omicidio di Stefano Cucchi, perchè noi lo vogliamo dire che è stato un omicidio, giorni in cui abbiamo potuto vedere grazie al coraggio di una famiglia che livello può raggiungere la bestia umana. Una violenza commessa da coloro che invece dovrebbero tutelare l'incolumità delle persone.
Parole che fanno bruciare il sangue nelle vene quelle che dobbiamo ascoltare ancora una volta, che devono far riflettere sullo stato delle nostre carceri, sulla vita nelle nostre carceri, sulla verità che non esce dai portoni delle carceri.
Una continua vergogna per un paese che si dichiara civile.
3 vostri commenti

Buon viaggio Alda... poetessa dei dimenticati



"Non cercate di prendere i poeti perché vi scapperanno tra le dita"


"Ogni uomo della vita mia / era il verso di una poesia / perduto, straziato,

raccolto, abbracciato.../ ogni amore della vita mia / è cielo e voragine, / è terra che mangio

per vivere ancora.."

La volpe e il sipario
La mia poesia è alacre come il fuoco
trascorre tre le mie dita come un rosario.
Non prego perché sono un poeta della sventura che tace, a volte, le doglie di un parto dentro le ore,
sono il poeta che grida e che gioca con le sue grida,
sono il poeta che canta e non trova parole,
sono la paglia arida sopra cui batte il suono,
sono la ninnananna che fa piangere i figli,
sono la vanagloria che si lascia cadere,
il manto di metallo di una lunga preghiera del passato cordoglio che non vede la luce.

Latest Tweets

 
;