venerdì 13 dicembre 2019

Parole e sentenze della vergogna


Dagli ultimi dati pare che Fratelli d'Italia sia il partito che sta crescendo di più negli ultimi mesi. 
Credo davvero sia arrivato il momento di farsele queste famose due domande. 
Questi personaggi giocano con la Storia ormai, cavalcano l'onda dell'ignoranza italiana. Si perché siamo ignoranti, anzi sono. 
"A noi tutti il compito di cercare la verità e giustizia", le parole sono importanti diceva Moretti, in questo caso sono anche buttate lì a caso. 
Sappiamo benissimo chi sono i colpevoli. Lo ha stabilito la Cassazione affermando che la strage di Piazza fontana fu realizzata da Ordine Nuovo con al comando Franco Freda e Giovanni Ventura, che però non possono essere più processati perché assolti con sentenza definitiva nel 1987. 
Tradotto, una delle tante vergogne italiane. Per non parlare del fatto che nel 2005 i parenti delle vittime sono stati condannati a pagare le spese processuali 
I colpevoli sono i fascisti. Non ditelo alla Meloni però e ai suoi elettori. 

27 commenti:

  1. A parte che io credo poco ai sondaggi, comunque la Meloni conterà sull'ignoranza della Storia, attualmente elevata a virtù.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sara mi stai diludendo.
      Mi sembri una donnina dotata di una certa cultura e una certa lievità, che dovrebbe pensare meglio e di più alle cose che scrive.

      Se c'è una cosa patetica è la pretesa della cosiddetta "sinistra" di intestarsi tutto quello che è buono e giusto, tra cui la fantomatica "kultura".

      Per esempio, il nostro amico qui scrive, come se fosse la Verità:
      "Lo ha stabilito la Cassazione affermando che la strage di Piazza fontana fu realizzata da Ordine Nuovo con al comando Franco Freda e Giovanni Ventura, che però non possono essere più processati perché assolti con sentenza definitiva nel 1987."

      Questa è una citazione di Wikipedia che il nostro non dichiara, infatti l'articolo su Piazza Fontana riporta testualmente:
      "La Cassazione, assolvendo i tre imputati, ha tuttavia affermato che la strage di piazza Fontana fu realizzata dalla cellula eversiva di Ordine Nuovo capitanata da Franco Freda e Giovanni Ventura, non più processabili in quanto assolti con sentenza definitiva nel 1987".

      Peccato che Wikipedia reciti anche:

      (La Corte di Cassazione)
      "Non giudica sul fatto ma sul diritto: è giudice di legittimità. Ciò significa che non può occuparsi di riesaminare le prove, bensì può solo verificare che sia stata applicata correttamente la legge e che il processo nei gradi precedenti si sia svolto secondo le regole (vale a dire che sia stata correttamente applicata la legge processuale, anche in relazione alla formazione e valutazione della prova, oltre che quella del merito della causa)."

      Significa che la Cassazione non celebra un processo, quindi non può sentenziare che Tale è colpevole del tale reato. Può solo esaminare un ricorso ed eventualmente annullare l'esito del processo precedente che l'ha condannato o assolto.

      Circa il fatto che una persona non possa essere processata all'infinito finché non si arriva ad una sentenza che fa contenti tutti o almeno quelli che contano in un dato momento storico, mi sembra solo ovvio. In altri ordinamenti, la prima assoluzione pone fine a qualsiasi altra azione. In Italia l'Accusa può ricorrere in appello, non solo la Difesa. Dopo la sentenza di Appello, c'è il ricorso in Cassazione che però non assolve e non condanna, potrebbe soltanto portare alla ripetizione del processo di Appello.

      Infatti, sempre citando Wikipedia sul medesimo argomento:
      "La Corte d'appello assolse tutti gli imputati dall'accusa principale, confermando le condanne di Valpreda e Merlino, e condannò i due neofascisti a 15 anni per gli attentati di Milano e Padova, compiuti tra l'aprile e l'agosto del 1969: la Cassazione confermò l'assoluzione per Giannettini e ordinò un nuovo processo per gli altri quattro imputati. Il nuovo dibattimento cominciò il 13 dicembre 1984 presso la Corte d'appello di Bari e si concluse il 1º agosto 1985 con l'assoluzione di tutti gli imputati per insufficienza di prove: il 27 gennaio 1987 la Cassazione rese definitive le assoluzioni per strage, condannando soltanto alcuni esponenti dei servizi segreti italiani (il generale Gianadelio Maletti e il capitano Antonio Labruna) per aver depistato le indagini."

      La ragione per cui Freda e Ventura non possono essere processati ancora è che c'è stato un Primo Grado, poi un Appello, poi la Cassazione ha ordinato di ripetere l'Appello, il processo di Appello è stato ripetuto e ha assolto per via definitiva i due. La Cassazione a questo punto può affermare qualsiasi cosa e tale affermazione non ha alcun valore legale, è una opinione come la mia. Perché il processo di Appello non si può fare TRE VOLTE, è stato già ripetuto DUE VOLTE (che sarebbe il famoso "Terzo Grado di Giudizio").

      Elimina
    2. Venendo alla Meloni, quello che apparentemente non capite e forse non lo capite perché avete una cognizione del tutto distorta della Storia, è che la ragione per cui la Meloni raccoglie un seguito è che la gente vi viene spinta a forza dalla cosiddetta "sinistra", esattamente come Mussolini cominciò a trovare un seguito tra gli Italiani solo quando i Socialisti cominciarono a dichiarare l'intenzione di ripetere la Rivoluzione d'Ottobre anche in Italia, dando addosso ai reduci, che allora praticamente erano l'intera popolazione maschile abile tra i 17 e i 30 anni. Non ci sarebbe mai stata una Marcia su Roma se non ci fosse stato il Biennio Rosso, che è stato rimosso nella mistificazione post-bellica operata dal PCI, che ha inventato l'epica della "liberazione".

      Capirai, se tu prometti ad un Popolo di essere cancellato, per fare posto allo Uomo Unico del "meticciato planetario", se sottoscrivi trattati internazionali che hanno la supremazia sulla Costituzione senza informare o chiedere l'opinione di alcuno, se ridi contento come il professor Prodi rivendicando il merito di avere ridotto l'Italia ad un "grande esperimento" per superare il concetto di Stato Nazionale tramite l'Euro, sottraendo allo Stato la facoltà di battere moneta, mentre la vita della gente si fa sempre più insensata per il combinato disposto di mode al consumo parossistiche e della de-industrializzazione, poi raccogli quello che hai seminato, cioè la giusta e inevitabile reazione. Perché è un principio di fisica galileiana, ad azione corrisponde reazione.

      Qui il guaio non è non sapere le cose, è millantare competenze e talenti che non si possiedono, quando invece si fa solo l'eco.

      Elimina
  2. Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire.
    Il razzismo, l’antisemitismo, l’odio, le istigazioni sono frutto di enorme ignoranza e se messe in pratica diventano azioni disdicevoli, criminali.
    Quando gli italiani se ne renderanno conto?
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'e' alcun razzismo (ovvero ideologia razzista).
      Il razzismo e' nella testa dei razzisti anti, come osservavo qui, una sorta di psicosi orribile per cui i razzisti anti riducono tutto e sempre alla razza).
      C'e' della sana xenofobia visto che in tutte le culture del mondo, in ogni luogo, in ogni tempo essa appartiene all'etologia della nostra specie e nessuno di voi predicatori invasati si sognerebbe di dormire con la porta a casa aperta, "accogliendo" uno o piu' qualsiasi sconosciuti in camera o in cucina.
      La paotologia e' la xenofilia senza se e senza ideologizzati dai folli sinistranti e applicata infierendo sugli autoctoni con le migrazioni di massa, meccanismo di sfascio sociale, azioni a fronte del quale si sviluppano delle reazioni di difesa.
      Non c'e' alcun odio che non sia la reazione di subire la nocenza quotidiana in tutte le forme possibili, dalla pisciata dell'africano in mezzo alla via o sull'uscio di casa, al borseggio del tunisno, dai furti nelle case all'esproprio da parte di alloctoni (sostenuto dai kompagni razzisti anti {poracci} italiani) delle abitazioni popolari mentre sei in ospedale, dalle devastazioni dei treni fino allo spaccio dei nigeriani, dagli stupri fino alle stradi da parte dei gioiosifratellidellislamreligionedipace.

      L'antisemitismo non esisteva se non nello zerovirgolazerouncazz per mille fino a quando milioni di invasori islamici lo hanno riattizzato in Europa (e del pericolo allertava il rabbino Segni, di Roma).

      Continuate a ripetere delle litanie psicotiche, complottiste, come dei dissociati dalla realta', scambiando, artatamente, effetti e cause.
      Ma come potete credere che ci siano solo sciocchi e masochisti a credere a queste narrazioni assurde!?
      Ve ne renderete conto quando subirete sulla vostra pelle i meravigliosi effetti dei paradisi multietnici, le meravigliose multikulture inklusive che avete ideologizzato, catechizzato e implementato da mane a sera.
      Nn e' che continuando a ripetere ossessivamente delle robe la segatura che vi siete messi nella testa diventi qualcosa che faccia a voi e agli altri meno male, eh!?

      Elimina
  3. L'ignoranza genera mostri, non solo il sonno della ragione! Anche perché ragionare non sempre significa pensare bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la cosa che rattrista è che andando avanti sarà ancora peggio temo

      Elimina
  4. Invece bisogna dirlo, ma sai come?
    A far fare a certa gente figure di merda.
    Devono vergognarsi, devono essere sputtanati davanti a tutti, ripresi e diventare virali.
    Questa gente deve sparire da sé, ridotta a barzelletta. Dobbiamo ridere di loro, renderli zero, fare in modo che siano macchiette.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Una risata vi seppellirà" dicevano... per ora però siamo noi sommersi

      Elimina
  5. Qualche domanda sull'efficacia del sistema democratico, con popolazioni drogate da messaggi demagogici e con evidenti limiti di capacità critica, viene da farsi.
    Ho ascoltato alcune testimonianze sul "tirannico" sistema cinese, basato su severi meccanismi di selezione della classe dirigente, e teso a prevenire i disagi della gente.
    Là il malcontento è scarso, e nello stesso tempo le decisioni vengono prese senza pensare ai sondaggi elettorali.
    In tempi di crisi epocale come questi, forse bisognerebbe imparare da loro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io credo che troppi stiano dando per scontato la democrazia

      Elimina
  6. Purtroppo si può banalmente dire che "a volte ritornano". Alla base della crescita dell'estrema destra c'è l'estrema ignoranza in cui si trova ora il popolo italiano per cui c'è molto da lavorare sull'aspetto culturale del nostro paese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. aggiungerei anche l'assoluta assenza della sinistra e il giocare a fare la "destra"

      Elimina
    2. Più che d'accordo con te!

      Elimina
  7. Bella la riposta su FB alla Meloni. E io mi chiedo, ma che con che faccia fanno certe affermazioni certi politicanti?

    RispondiElimina
  8. C'è gente che seduta sotto la "breccia" della sala d'attesa della stazione di Bologna sotto quei nomi, intervistata risponde " credo siano stati uccisi dalle brigate rosse", ecco la storia siamo noi, ma ci conosciamo molto poco

    RispondiElimina
  9. Hanno imparato l'uso della propaganda dal loro maestro Goebbles:
    “Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità”

    RispondiElimina
  10. Vergogna su vergogna. Questa mi mancava sulla strage da parte della Meloni.
    Temo che abbia ragione Berica...
    È importante la memoria.

    RispondiElimina
  11. C'è una nota comica tipo Woody Allen in questi commenti.
    Un po' come vedere l'assembramento delle "Sardine" dove un tipo che dimostra 16 anni ma va per i 40 grida "no all'odio" e sotto il palco gli astanti fanno il coretto "odio la leega, la la lalala, odio la leeega, lalala la la..."

    Oppure intonano quelle canzoncine simpatiche, alcune fasulle che riportano all'epica fasulla della "liberazione" e altre più autentiche risalenti all'antico progetto della Dittatura del Proletariato.

    Senza bandiere, per carità... Un ambiente "neutro", come si vede.

    Ah, le risate, a proposito dei "mostri".

    RispondiElimina
  12. Perdonami, ma ti ho taggato in un post sul natale, e adesso devi farne uno tu, se vuoi. Nessun obbligo, ma almeno
    leggi qui il mio.

    RispondiElimina
  13. Visto che qui c'e' la incensazione acritica e settaria e decisamente patetica di quanto siamo santiebuoni noi e come sono caccabruttodiavolo gli altri, accenno alle mattanze, eccidi, massacri eseguiti dai kompagni (delle brigate Garibaldi, ad esempio) nel dopoguerra e rimosse accuratamente dalla storia e dalla giustizia.
    Le narrazioni a meta' sono quelle per sciocchi, dementi e in malafede.

    RispondiElimina
  14. Buongiorno Ernest
    due critiche.
    La prima è che tu stesso sei di un colore macchiata profondamente da sangue e connivenza.
    Quindi?
    Tu sei un brigatista?
    Tu sei responsabile di ciò che i "compagni che sbagliavano" hanno fatto?
    Se vale per te vale anche per gli altri.
    Altrimenti torniamo alla responsabilità personale e bon

    Seconda critica è la totale mancanza di dialogo nei blog.
    Bellissimi articoli, condivisibili o meno dove ricevi risposte educate alcune concordi altri discordi.
    Il bello sarebbe vedere un confronto civile e sano.
    Confronto che crea cultura, conoscenza dell'altro.
    Invece tu e i tuoi amici "kompagni" fate come Trump
    Tirate su un muro.
    Non rispondete sperando che sfiniti dalla mancata risposta uno si stanchi.
    Direi che un buon proposito per l'anno nuovo potrebbe essere di provare ad imparare a confrontarsi con culture diverse, con punti di vista differenti.
    Spesso dopo un primo momento di diffidenza si possono scoprire cose interessanti.
    Mi sembra che sia ciò che contestate a Salvini(confondendo illegale con immigrato in maniera COMODA)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi Stefano io sono anche troppo educato con quelli che arrivano qui e sparano sentenze spesso insultando la gente, senza avere neanche un nome, commentando da anonimo. Liberissimi di farlo ma poi liberi anche noi di non considerarli. Prendiamo ad esempio quello che scrivi... io sarei connivente con chi di preciso? Con le BR? Ti rendi conto di quello che hai scritto... probabilmente no.
      Però il mio passato alle elementari dalle suore, chissà poi perché, mi ha reso troppo educato eppure ti pubblico e a volte , perchè credo anche di avere il diritto di non rispondere sempre, ti rispondo.
      Non facciamo confusione per cortesia. Poi se vogliamo parlare delle Br parliamone senza problemi, di quegli anni in cui molti hanno fatto troppi errori anche solo di valutazione. Come il Pci o alcuni di quelli che a sinistra dicevano "compagni che sbagliano". Io non sono uno di quelli che nasconde gli errori della sinistra passati e presenti anzi credo di essere molto critico, magari qui sul blog appare meno ma c'è anche una vita reale non solo digitale e nelle sedi giusti mi prendo sempre il diritto di rompere le balle a chi dimentica la coerenza.
      Io mi confronto ogni giorno con culture diverse e mi metto sempre all'ascolto non dando per scontato nulla, ci provo.

      Elimina
    2. Ernest è una persona, come milioni di altri, che crede di sapere.
      Crede di sapere perché ha un repertorio di stereotipi che gli sono stati forniti dalla "classe dirigente" e che gli consentono di avere una certa "rappresentazione del mondo". Non li mette in dubbio, questi stereotipi, altrimenti dovrebbe mettere in dubbio la sua "rappresentazione del mondo" e quindi se stesso.

      Ernest non conosce la Storia.
      Non conosce quella antica, quella recente e quella attuale.

      Nello specifico, non si rende conto che il problema dell'Europa e dell'Italia è che ci troviamo in una situazione coloniale, con delle "classi dirigenti" che riferiscono a reami distanti e che sono pagate per tenerci sotto e sfruttarci nell'interesse di questi reami. Che è la situazione che ha generato l'idea della "Resistenza tradita" della "sinistra extraparlamentare" e la necessità della repressione contro-rivoluzionaria nel campo opposto. La similitudine tra l'Italia e certi Paesi sudamericani, da una parte l'idea romantica di Cuba di Castro e dall'altra l'esempio del Cile di Pinochet. Capirai che modelli.

      Tanto che Ernest, mentre ripete i dogmi della sua fede, non coglie l'ironia assoluta di un Toni Negri che inneggia al "meticciato" e alla "globalizzazione" come risposta alle giuste richieste del "proletariato". Le richieste a cui prima Toni Negri avrebbe risposto con il marxismo-leninismo. Quando la parola "meticcio" viene dalle colonie del Sud America e si riferisce alla divisione della società in caste su base razziale, vedi "fanno i lavoro che gli Italiani non vogliono fare".

      Il problema non è nei blog.
      Il problema è che le "classi dirigenti" non vogliono che la gente abbia le informazioni e i metodi per un pensiero indipendente, autonomo. Le "classi dirigenti" vogliono degli automi. Quindi tanto la Scuola, che i "media", che ogni altro apparato che forma il "comune sentire", lavora per imporre una "rappresentazione del mondo" tramite stereotipi e di conseguenza un agire meccanico. La famosa storia del "rispetto delle opinioni" alla fine consiste nel fatto che le "opinioni" devono essere semplice ripetizione di uno slogan e, come tali, non si devono discutere, sono dei dogmi. Non ci può essere "dialogo" se tutto è solo un programma intangibile di un automa o una "sacra scrittura" di un "credente".

      Elimina
    3. xpisp(stefano)7 gennaio 2020 13:52

      Ernest, ti senti offeso del fatto che ti applichi il tuo stesso metro
      Tu sopra scrivi "i colpevoli sono i fascisti" indicando tutti i fascisti come colpevoli e conniventi.
      Essere fascista ti rende colpevole di tutto ciò che i fascisti hanno fatto nella loro storia.
      Questa è la tua affermazione.
      Quindi, perchè se cambio colore è diversa la responsabilità?
      Non ti offendere comunque ho chiarito che la responsabilità è personale.
      Di solito sono i razzisti che indicano in un colore il male assoluto!

      Elimina

Latest Tweets

 
;