martedì 8 novembre 2016

Soliti noti

Fino ad oggi non ho scritto niente sui due candidati alla presidenza americana,  probabilmente un motivo ci sarà. 
In una discussione con amici è venuta fuori questa frase "bisognerebbe che tutti i paese del mondo partecipassero all'elezioni negli Stati Uniti". Emblematica direi per il ruolo che i gendarmi del mondo hanno ormai da sempre, seminando guerre un po' ovunque (per questo Trump non sarebbe il primo a farlo).
Fa davvero pensare il fatto che le sorti dell'umanità potrebbero dipendere da un uomo che nella maggioranza dei casi non rappresenta nemmeno tutti i cittadini americani, che spesso non vanno a votare. In una società normale non dovremmo porci il problema di creare supporter da una parte o dall'altra perché ogni Stato dovrebbe quanto meno pensare ai propri affari senza incidere in quelli degli altri, cosa impossibile la storia la conosciamo tutti. 
Gli americani hanno perso un'occasione non votando Bernie Sanders, avrebbe davvero potuto portare una corrente di aria fresca nella politica, invece ora si trovano con due candidati impresentabili per differenti motivi, con il resto d'Europa che in gran parte sta incrociando le dita nella speranza di vedere la prima donna entrare alla casa Bianca. 
Quindi non resta che attendere e leggere i risultati sperando di non vedere finti attentati con tanto di fuga ridicola di The Donald, iniziando a pensare che probabilmente vicino a noi abbiamo più Trump e Clinton che Sanders.
E spesso i Clinton e i Trump vanno a braccetto calpestando i Sanders.

16 commenti:

  1. L'unico che veramente poteva portare qualche novità era Sanders, ma purtroppo gli americani hanno perso un occasione di cambiamento.
    Saluti a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un socialista in america nemmeno nei Simpson

      Elimina
  2. Gli americani,spesso hanno perso delle occasioni,ma gli attuali,credo siano i peggiori candidati nella storia degli Usa.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la maggioranza degli americani è come la Clinton e Trump...

      Elimina
  3. Ormai sempre più, e non solo in America, conta l'immagine. Sappiamo qualcosa del programma della Clinton? E di Trump è meglio lasciar perdere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. siamo soli anche noi sui posti di lavoro

      Elimina
  4. la prima donna...
    oramai tremo al pensiero di Thatcher, Fornero, Lagarde...

    RispondiElimina
  5. This is the end.... come cantava Jim Morrison ...che vinca Cicciobello o Cicciobella

    RispondiElimina
  6. Votare anche negli Usa? Ma se sono schifato già dai politici di casa nostra? E questo perché tutto il mondo si è americanizzato, prima la nostra povera patria (senza averne i pesi e contrappesi, per giunta), con politici senza più classe, dove sinistra e destra si confondono ... ecco perché vince Trump (nessuna sorpresa, nessuna paura), solo la lucida consapevolezza che dobbiamo lavorare ancora duro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. aggiungo che secondo me siamo accerchiati da vari Trump e Clinton

      Elimina
    2. xpisp (Stefano)10 novembre 2016 10:08

      Trump ha vinto ma sopratutto i repubblicani hanno stravinto entrambe le camere.
      Questo dovrebbe forse far nascere delle domande.
      Forse questi 8 anni di Obama non sono andati così come immaginato(effettivamente trovo un pelino disattese molte speranze, a partire dall'avere un nobel per la pace che bombarda ospedali!)
      Quanto pesa la politica del predecessore?
      Io credo che Obama sia stato "trattato bene"
      Qualsiasi altro presidente sarebbe stato massacrato, ma lui era la speranza, il sogno di qualcosa che NON si è realizzato, anzi!
      Quindi sono così folli gli americani?
      Avrebbero avuto un mondo migliore con la Clinton?
      Secondo me a noi è andata bene, la Clinton la vedevo già col ditino sui bottoni rossi per missili direzione Mosca

      Elimina
    3. concordo con quello che dici nella prima parte su Obama, anche se bisogna dire che parecchie cose non gliele hanno permesse per quanto riguarda la politica interna... per l'estero gli Usa hanno la guerra nel sangue e quindi non ci sono speranze... Gente come Trump non dovrebbe fare politica per come la penso io ma questo è un altro discorso e credo che purtroppo la maggior parte della gente che ci circonda sia come i vari Trump, Salvini, Berlusconi etc...
      Altra discorso invece bisognerebbe fare per la sinistra...

      Elimina
  7. In Italia rischia di prendere piedi l'ipotesi Salvini che,di certo è un trump in proporzioni ridotte. Potremmo dire il trump dei poveri. Questo paese scava sempre più in basso. Quando credevamo che non si potesse scendere oltre, ci sbagliavamo. Solo l'ignoranza può dare adito a certi personaggi.

    RispondiElimina
  8. le donne per gli americani devono essere oltremodo indigeste.... qualunque altro candidato democratico al posto della Clinton avrebbe vinto su questo miliardario cialtrone!

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;