giovedì 14 dicembre 2017

Pietre

Le parole possono essere pietre ben piantate, ferme, in un fiume per portarci dall'altra sponda. Oppure possono essere pesi nelle nostre tasche che lentamente ci portano sotto.
Ho il ricordo di parole non dette che mi porto dietro, momenti in cui avrei voluto, avrei dovuto dire ciò che le emozioni mi portavano a provare. 
Le esperienze, soprattutto ahimè quelle brutte, ci insegnano molto anche il non rinunciare a parlare, per spiegarsi. Per questo motivo ora cerco sempre di evitare il silenzio e di non lasciare in giro del non detto.
Le parole possono fare male e spesso l'uomo se ne dimentica. Sui posti di lavoro ad esempio vengono usate spesso senza pensare, trattate con poco garbo e indirizzate verso le persone come etichette vuote. 
Ma non solo nei corridoi o nelle stanze dove lavoriamo. Anche nelle famiglie, dove purtroppo sembra che le comunicazioni siano su livelli differenti, dove a volte si rinuncia a parlare con gli adolescenti perché giudicati non in grado, perché "intanto questa è una generazione così".
Forse potremmo ripartire prendendoci cura delle parole e così anche degli altri.

3 commenti:

  1. Spesso, poi, diciamo le stesse cose con parole diverse.
    E la cosa fa male.

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Come insegna la filosofia, le parole non possono rendere conto delle cose,se non parzialmente.
    Res e signa.

    RispondiElimina
  3. A volte occorre pesare bene le parole.

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;