lunedì 26 gennaio 2015

W Zapatero... ah no scusate... W Tsipras!

Ha vinto Tsipras! W Tsipras!
Molti urlano in queste ore, io compreso.
Sotto voce però tanti, la maggioranza credo, dice "però l'importante è che stia in Grecia"... "e ma da noi non si può!".
Una triste verità la nostra, dove per mancanza di teste pensanti, e di popoli,  dobbiamo sempre guardare all'estero.
Chi non ricorda, W Zapatero! In quel momento si era tutti spagnoli!
Ora greci.
Qui nel frattempo quelli che dicono di essere di sinistra se ne stanno al caldo del loro posto in parlamento ottenuto grazie al Pd continuando a dire "attenzione che mi dimetto! Ora lo faccio giuro che lo faccio!"... oppure sono a litigare per una sede in comune... oppure per un nome e una bandiera.
Quanti movimenti-gruppi-reti-oquellochevoletevoi abbiamo visto passare sotto i nostri occhi? Io ho perso il conto. Rifondazione, Sel, Rivoluzione Civile, Lista Tsipras e tutte le altre che ora non sto a scrivere.
Non basta cambiare nome.
Servono progetti, idee chiare, persone oneste (ci sono state e ci sono) e coerenza.
Poi c'è un altro lato della faccenda. L'Italia è l'Italia (bravo direte voi). In Grecia molti hanno conosciuto cosa vuol dire la parola fame, cosa vuol dire essere povero, rimanere senza lavoro da un giorno all'altro. Qui molto probabilmente siamo ancora messi bene perché a parte i soliti noti (ormai ai cortei siamo parenti) quando si scende in piazza si è in quattro gatti si fa il solito corteo e poi si ritorna a casa. Per prendere voti da noi basta parlare come  quello che per 20 anni ci ha governato... basta che il politico di turno magari ci risolva il problema o ci sistemi l'amico dell'amico dell'amico. Altre storie, altra gente negli altri paesi ci stanno giorni in piazza, settimane.
Ma noi nel week end abbiamo il campionato.
E torniamo alla finestra aspettando il prossimo Tsipra o Zapatero che sia.

25 commenti:

  1. Ma infatti quel che dico sempre è che fino a quando riusciamo a comprarci l'iPhone nel giorno stesso d'uscita, da noi non succederà nulla. E sono convinto che ci mantengono in questo stato medio proprio per evitare qualcosa... :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo anche io Moz... lo ripeto, pur sapendo che non si risolvono i problemi solamente con gli scioperi, ma io in piazza vedo sempre e solo i soliti

      Elimina
  2. Quoto MikiMoz.

    Aggiungo che la Grecia deve all'Italia 40 miliardi di Euro.

    RispondiElimina
  3. Gli italiani sono troppo creduloni e spesso hanno la memoria corta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. direi quasi azzerata la memoria...

      Elimina
  4. Che bello questo post...mi dà la conferma che c'è ancora gente che la pensa come me e mi sento risollevare il morale. Grazie amico mio

    RispondiElimina
  5. Erne', non la considerare una scusa, ma io a 84 anni suonati dove vado?
    Manifestazioni e cortei ne ho fatti tanti che ho perso il numero delle volte in cui ho partecipato. E poi la mia situazione fisica non mi consente neppure di uscire di casa o quasi, specie d'inverno. Come ho già detto ormai non mi rimane altro che attendere la nascita di un movimento anarchico che si presentai in politica. Ma questo so benissimo che non avverrà mai. PURTROPPO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e ma lo so Aldo che ne hai fatti... come ne ha fatti mio padre e altri.
      Un abbraccio

      Elimina
  6. In parte concordo, in parte no. Tsipras è la generazione di Genova 2001, che qui in Italia è stata massacrata come sappiamo. Poi da ricordare, che chi vota Tsipras in Grecia (e Podemos in Spagna), in Italia è stata attratta strategicamente dal grillismo (lo dice lo stesso Grillo: senza di me, sai quante albe dorate sai quanta estrema sinistra? Da ricordare la bella analisi di Wu Ming in proposito, sul grillismo anestetico, sul grillismo sfogatoio che mantiene lo staus quo e blocca le ali estreme, in particolare la vera sinistra ... non a caso, in Europa sono lontani da Tsipras e Podemos). Sulle cosiddette opposizioni interne al Pd, se sono vere opposizioni, dovrebbero essere già uscite dal partito, e credo non usciranno mai ... in Italia, tutti tengono famiglia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo anche io che le opposizioni interne al Pd siano ormai solo di facciata... hanno paura di perdere il posto, per molti il Pd è un porto sicuro per avere il seggio.

      Elimina
  7. E speriamo che Tsipras sia meglio di Zapatero. Lo dico per i greci, perchè a noi ci toccano altri 20 anni di Berlusconi e del suo clonato.

    RispondiElimina
  8. Una tristezza qui in Italia, comunque la si guardi...

    RispondiElimina
  9. In Grecia la crisi è più profonda dell'Italia, il Pasok, partito stato paragonabile al Pd, ha governato e si è logorato di più del Pd (vedrai tra qualche anno). Gli "oppositori" dentro al Pd sembrano non avere nessuna intenzione di uscire (avrebbero poi un seguito?), Vendola è un leader che si è logorato, Rifondazione c'è come base, ma manca nei massmedia e pure avendo un buon segretario, non è riconosciuto come un leader trascinante. Landini? Da solo non basta, ma sarebbe un inizio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sostanzialmente siamo "del gatto" come si dice!

      Elimina
  10. Ma anche guardando con il lanternino non si scova nessuno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma proprio nessuno... sembra un incubo. Lo spazio e gli argomenti per qualcosa di sinistra esiste ma mancano i programmi e gli interpreti

      Elimina
  11. anche io urlo, in questo momento e cerco di vedere nella Grecia un faro positivo.
    Poi però.....ci si guarda attorno e viene...il magone (...VEDI ALLA VOCE LIGURIA, in questo periodo....). E mi, ci passano sotto il naso e gli occhi le varie...ed eventuali alternative di questi anni, quelle che tu hai elencato, quelle in cui probabilmente ho pure creduto, quelle che ho visto svanire.
    vedi, alla mia età avrei davvero voglia che accadesse qualcosa di buono per chi è " dopo" di me, della mia generazione. Per i miei figli, per te, per Greta, per Unai, per il nipotino/a che arriverà. Vorrei non dover raccontare ai miei figli le manifestazioni che vivevo, ma vorrei che le potessero vivere...non solo tra parenti, come dici giustamente tu.Mi fa paura e mi dà dolore percepire attorno a me solo la disillusione, per quanto assolutamente motivata. Emanuela
    ps.......E stamattina, mentre andavo a lavorare, tutti parlavano del grande fratello!!!Come oppio dei popoli tutto sommato era meglio la religione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me lo auguro anche io... per mia figlia, i miei nipoti e i tuoi... il futuro fa davvero paura per la pochezza della gente che ci governa e diciamo anche della maggioranza del popolo...

      Elimina
  12. commento di Miki Moz da incorniciare.

    "El pueblo unido jamás será vencido"

    Hasta
    Zac

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si ma qui di Unido c'è ben poco!
      un saluto Zac

      Elimina
  13. ciao Ernest,
    una domanda, ma se fosse arrivato da noi e si fosse alleato con la destra, noi non l'avremmo subito contestato, tritato, ecc?
    La realtà è che ognuno cura il proprio orticello, altrimenti perchè SEL avrebbe votato contro la riduzione RETROATTIVA dei vitalizi?
    La verità è che chiunque vada al potere in Italia deve stare fermo perchè come si muove viene massacrato da qualcuno.
    Poi quando non se ne può fare a meno si taglia su quelli che possono protestare meno o che sono oramai anestetizzati.
    La differenza poi è che in Grecia, per esempio, non c'erano le aspirine negli ospedali, mentre noi regaliamo la sanità a chiunque!(cosa che per esempio non capita in Germania presa ad esempio quando fa comodo!)
    Le manifestazioni/scioperi fatte nei giorni prefestivi hanno anche rotto un pochino le cosiddette e sono decisamente poco credibili oltre che poco utili.
    Mi chiedo perchè bip mi devi bloccare a me che sono sfigato come te e non si bloccano invece, per esempio i palazzi del potere.
    Comunque la realtà è che pretendiamo politici che non possiamo avere.
    Vogliamo dai politici più di quanto noi diamo!
    Io trovo che tu sia coerente con ciò che chiedi(per il poco che ti conosco) ma quanti tuoi compagni non lo sono? quanti di quelli che mi hanno preceduto non hanno rispetto della libertà d'opinione?
    Quanti insultano e odiano chi la pensa diversamente e poi parlano di accoglienza?
    Quanti si auto assolvono su piccoli peccati/trasgressioni della legge(per ciò che ci è concesso)
    Quanti di questi sarebbero poi politici coerenti?
    Un abbraccio

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;