martedì 19 luglio 2016

Spettri in attesa

Non amo le dietrologie. Quello che però è successo negli ultimi giorni mi ha fatto pensare ad una regia ben architettata. Nizza e poi il golpe in Turchia potrebbero essere due atti dello stesso copione. Fermo restando che ci sono ancora dei dubbi sull'appartenenza all'Isis dell'uomo alla guida del Tir, il golpe del giorno dopo potrebbe essere stato, non creato da Erdogan, ma diciamo accompagnato al suo svolgimento in un momento di crisi delle strutture di sicurezza occidentali. Una golpe che permetterebbe, e sta permettendo, al presidente di dare una svolta ulteriormente, ricordiamolo perché la democrazia è un'altra roba, autoritaria al paese.
Contemporaneamente fornire un aiuto al terrorismo dato che mi sembra di capire che per ora tutte le operazioni anti ISIS siano ferme.
Qui non si tratta di aver tifato i militari, cosa che francamente mi fa inorridire, ma di una politica estera occidentale che continua ad essere sbagliata, che ha seminato guerra ovunque, che ha giocato all'azzardo con personaggi sostenuti e poi combattuti.
Se un governo deve essere sovvertito la mia speranza è quella che si possa farlo in maniera democratica, altrimenti la via della rivoluzione deve essere tracciata dal popolo non dai militari. L'esempio dell'Egitto è sotto gli occhi di tutti.
In tutto questo delirio geopolitico si avverte la mancanza di una leadership occidentale, la totale assenza di un movimento pacifista che mi spaventa terribilmente, l'ignoranza delle persone che commenta scrive senza avere la minima idea di cosa si stia parlando, e gli spettri della Clinton e soprattutto di Trump in attesa di dare il colpo di grazia.

19 commenti:

  1. Devo ammettere che anche io, come te, faccio fatica a comprendere cosa sia avvenuto in questi ultimi giorni e, soprattutto, se i fatti di Nizza e della Turchia siano concomitanti in modo casuale, tanto da poter escludere una comune "regia" dietro gli stessi oppure per nulla casuali, nella tempistica.

    Propendo per la prima ipotesi: la concomitanza casuale. Tuttavia, non comprendo perché si continua a definire terrorista, un individuo che sempre più si dimostra essere stato un sociopatico mentalmente instabile, un emarginato con problemi di droga, un depresso per un matrimonio fallito, uno dei tanti immigrati o figlio di immigrati cresciuto in Europa, uno tra i tanti che vivono in una terra di mezzo, divisi tra una cultura, quella dei genitori, che non hanno vissuto e non comprendono e un'altra che li ha emarginati in periferie povere e degradate, dove vivere tra rabbia e cemento.

    Pur provando angoscia per le vittime, soprattutto i bambini, non comprendo l'enfasi ed il vittimismo dei media occidentali che fanno finta di dimenticare che scene di violenza e disperazione simili a quelle vissute a Nizza, quotidianamente e da anni avvengono in Iraq o Afghanistan, con centinaia di migliaia di morti tra i quali migliaia di bambini che con i talebani o i terroristi dell'Isis non c'entrano nulla, grazie a quelle "nostre" guerre intraprese per esportare la "democrazia"!

    Solo per ricordare... quella guerra ai talebani, foraggiati e armati dagli USA per combattere l'invasione sovietica... quell'Isis foraggiata e armata dagli USA, in funzione anti Assad, in Siria.

    E non capisco neanche un colpo di stato così "veloce". I militari turchi e le loro gerarchie non sono così sprovveduti o stupidi, come sembrerebbe. Eppure, in poche ore il colpo di stato viene sedato, migliaia di arresti in poche ore, migliaia di impiegati pubblici, magistrati, autorità... ma anche oppositori del regime, incarcerati. Quasi ci fosse una lista precompilata!

    Ed ora, l'occidente e l'Europa fanno finta di non vedere. Non vedere che un dittatore che aveva bisogno di avere le mani libere per radicare e radicalizzare il proprio regime, ci sta riuscendo... grazie ad un colpo di stato che sembra sempre più una farsa!

    Ernest, è un mondo sempre meno comprensibile quello che stiamo vivendo... anche grazie ad un'opinione pubblica che vive di stereotipi e miraggi, verità fasulle e sentimenti razzisti, ignoranza becera e frasi fatte.

    Ciao Ernest.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carlo
      a me sembra che molti, tutti?, facciano finta di non vedere. Erdogan è questo da sempre ora per molti sembra trasformato. Purtroppo il dolore per le vittime sembra essere direttamente proporzionale alla vicinanza dalla nostra casa... quante stragi di bambini abbiamo visto, quante guerre in cui civili hanno persona la vita, cortei bombardati e tutto il resto... ho paura che il dolore si stia trasformando in evento mediatico, l'account da cambiare su Fb ogni volta, si sta riducendo tutto alla solidarietà sui social...questi sono i giorni del G8 a Genova, mi spaventa che non ci sia più un movimento che provi a cambiarlo questo mondo, che provi a gridare in NO enorme ai potenti... siamo sempre più soli credo, e chiusi nei recinti, non solo reali, che abbiamo attorno
      un saluto

      Elimina
  2. Stiamo vivendo, più o meno tutti, come se quello che accade sullo scenario mondiale fosse uno dei tanti serial a puntate. Un'occhiata e si ritorna al piccolo vivere quotidiano più o meno assuefatti e rassegnbati in un gioco che non riusciamo a comprendere.
    Un estraneamento illusorio che la storia ha dimostrato essere molto pericoloso, solo pochi decenni fa.
    Un saluto
    Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si credo anche che sia la strada più facile tornare alla quotidianità come se fosse protettiva...
      un saluto

      Elimina
  3. Anche a me le decine di migliaia di fermi, arresti, epurazioni in poche ore hanno fatto tanto pensare a qualcosa di preparato in anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si tratta di liste già scritte, il regime c'era già aspettava solamente il momento di uscire allo scoperto

      Elimina
  4. Ho seguito pochissimo questi avvenimenti, accidenti a me, ma di sicuro, niente succede per caso, la Storia insegna ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si insegna hai ragione, ma non ci sono più alunni

      Elimina
  5. ... l'Italia giocava alle carte e parlava di calcio nei bar...
    cantava Gaber http://www.giorgiogaber.it/discografia-album/la-presa-del-potere-testo
    Intanto, tutti impazziti per la nuova distrazione di massa, i pockemon che, se non sbaglio, erano i personaggi di un cartone animato per bambini... forse aveva ragione B quando diceva che gli italiani sono ragazzini delle medie e neanche tanto svegli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. guarda io credo che le medie siano un traguardo ambito per molti... questa cosa dei pokemon è assurda ma in linea con questo mondo di zombie virtuali

      Elimina
  6. Sicuramente le liste di gente da "fare fuori" ossia da arrestare erano pronte da un bel po', questo penso che lo abbiano capito pure i sassi. Il tentativo di colpo di stato è stato quantomeno strano, visto che dei cittadini disarmati sono riusciti a respingere persino i carri armati.

    RispondiElimina
  7. Allora.
    Omar il "ceceno", ministro per la guerra dell'Isis, e' stato neutralizzato qualche giorno fa'.
    Il tale, pochi anni fa', veniva addestrato dalla CIA per combattere in Georgia.

    Jimmy Carter, dimenticato presidente Usa, disse: "Nello scenario mediorientale abbiamo solo un amico, un alleato, un baluardo della laicita', il suo nome e' Saddam Hussein.

    I talebani che governano almeno un terzo dell'afghanistan sono stati foraggiati per almeno tre lustri dagli stati occidentali contro lo spauracchio sovietico.

    I francesi hanno regalato la Libia a Gheddafi, gli inglesi l'egitto a mubarak.

    Gli amerikani verrano ricordati per sempre, in tutto il continente centro e sud americano come i promotori della salita al potere delle merde che distrussero la democrazia in Cile, Argentina, Paraguay, Nicaragua, Bolivia e Peru'.

    Ecco, oggi la moda e' Erdogan, come se fosse comparso ieri, come se le decine di migliaia di curdi sterminati fossero una vecchia storia da niente, storie trite e ritrite.

    Ah, il "neo" despota Erdogan, in ordine di tempo, sostituisce la paura di prima, che si chiamava Bashaar Al Assad, il quale non si sente piu', non si e' redento, continua a governare la Siria come gli pare, e ringrazia l'establishment occidentale per averlo fatto sparire dalle prime pagine.

    Io mi aspettavo che dessero la colpa al daesh anche per il disastro in Puglia.

    Qualsiasi esercito del g20, qualsiasi, pure quello nostro, riuscirebbe a spazzare via il califatto in tre giorni, se solo vi fosse un barlume di volonta'.

    Poi c'e' l'analisi morale, e personale:
    Io provo un odio atavico per tutte le forme di societa' che relegano le donne ai margini, dall'isis fino al vaticano, dalla malesia fino ai tea party.
    E aspetto da anni che tutti i musulmani moderati diano fiato a questo impellente bisogno, ma niente, niente di niente, tutti, tutti i musulmani che conosco non escono di casa con la moglie per bere un aperitivo la sera, escono solo gli uomini, e bevono piu' dei friulani; non fanno loro guidare l'auto; proibiscono ai loro figli di frequentare gli scout o gli oratori (io sono cresciuto all'oratorio, e come sai non sono proprio un "prete"), e soprattutto

    NON FANNO ALCUNCHE' PER ORGANIZZARE UNA RISPOSTA, UNA REAZIONE o solo UNA PROTESTA nei confronti del daesh o dei malati di mente che si improvvisano kamikaze.
    Semplicemente, non ne' parlano.

    Facci caso, caro Compagno ernest, manco una donna per strada a istanbul durante il finto golpe, una solo in prima fila in parlamento (addobbata come un albero di natale) che non prende parola.

    Personalmente, se mi cacciassero da casa con altri mille compaesani, e riuscissi ad arrivare in un paese "democratico" passerei il resto dei miei giorni per organizzare una risposta armata a coloro i quali mi hanno privato della mia terra e della mia dimora.

    Noti una qualche reazione simile in qualsivoglia flusso migratorio?.

    Nel nostro piccolo, persino il gen. Dalla Chiesa non riusci' a sconfiggere le BR, lo stato ci riusci' solo e soltanto quando il PCI decise (con colpevole ritardo) di marginalizzare totalmente i brigatisti, che da "matti" vennero passati a "criminali".

    Fino a che non succedera' che il musulmano si ribella ai pazzi, tutte le parole saranno aria fritta.

    Purtroppo, siamo distantissimi.

    hasta
    zac

    RispondiElimina
    Risposte
    1. xpisp(stefano)23 luglio 2016 09:02

      Incredibile, concordo con te quasi totalmente(dubito che un qualsiasi esercito possa sconfiggere uno stato che è più mediatico che altro), forse c'è una speranza per questo mondo!
      Da ciò che scrivi dei mussulmani moderati sembri quasi un leghista! ;)

      Elimina
    2. Ciao Zac
      quello che dici è da incorniciare per quanto riguarda il coinvolgimento occidentale nella creazione del "mostro" di turno senza il quale questo mondo non può proprio stare, senza il quale i governi non hanno vita, le industrie della armi e tutto il resto... io credo che le vere rivoluzioni o rivolte debbano nascere dalla gente... ma la speranza è davvero ridotta ad un lumicino.
      hasta

      Elimina
  8. Avete visto House Of Cards ...no ?

    RispondiElimina
  9. mi fa paura anzi, MI TERRORIZZA, L'ASSUEFAZIONE.
    Giorno dopo giorno notizie atroci trasformate in trafiletti.
    giorno dopo giorno nessuna reazione.
    Nessuno sdegno reale.
    Faccio parte di una generazione che manifestava e si sentiva dire che le manifestazioni non servono, e poi non servono gli scioperi e poi...
    Ma servivano, eccome se servivano.
    quanto meno a condividere. A vivere assieme lo sdegno ed il dolore. Ad abbracciarsi in piazza. Ad urlare.
    Ora si sussurra.
    Emanuela
    Emanuela

    RispondiElimina
  10. L'ISIS è un prodotto americano, come tanti altri...

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;