mercoledì 7 dicembre 2016

La colpa

Sono state scritte tantissime cose dopo il referendum, anche troppe direi. Ho letto commenti e articoli pieni di livore contro chi ha votato NO. In questo paese sembra non finire mai la moda di cercare nell'altro la causa dei propri errori.
Non riusciamo nemmeno ad essere maturi politicamente tanto da avere un premier che è riuscito nell'impresa di riportare dopo il ventennio berlusconiano il dibattito sulla persona e non sul contenuto delle cose. Tanto da non riuscire a ragionare sul fatto che se si va a votare un referendum si dovrebbe votare sull'argomento e che le elezioni politiche sono una cosa, che lo sono le amministrative e di conseguenza le regionali.
La personalizzazione della politica non è mai un bene da qualunque parte essa venga. L'arroganza di Renzi e dei suoi lacchè negli ultimi mesi ha toccato livelli da corsia preferenziale nel mondo di Arcore. 
Sembra che i voti che stanno a sinistra non interessino mai se non quando uno perde, e allora in quel momento scatta la caccia al comunista cattivo, fermo sulle sue posizioni che fa vincere le destre.
Invece sarebbe bene capire che la destra vince perché non si danno più speranze di sinistre, non si fanno più proposte di sinistra, i quartieri poveri sono dimenticati, i disoccupati sono dimenticati, la disoccupazione giovanile è alle stelle, il numero di laureato è il più basso d'Europa e il livello delle nostre scuole urla vendetta. 
Queste sono le ragioni che consegnano i paesi uno alla volta alla destra che non fa altro che cavalcare il malcontento, urlare che la colpa è del nostro vicino, che chi ha la pelle diversa dalla nostra è il nostro nemico e chi i muri non sono da tirare giù ma da alzare anche sul nostro pianerottolo.

21 commenti:

  1. Che c'è da dire che manco la destra esiste eh.
    Non è certo Salvini.
    Molti hanno votato NO palesemente contro Renzi (che aveva "personalizzato" il referendum), peccato che non abbiano votato per la Costituzione...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai chi vota ci ha abituato a tutto, chi ha incarichi politici dovrebbe avere la responsabilità di tenere il dibattito sull'oggetto del contendere purtroppo non è così perché spesso fa comodo.
      io come molti altri ho votato NO nel merito non per mandare a casa Renzi anche se lo manderei a fare il gioco della ruota più che il presidente del consiglio, vorrei mandare a casa quelli come Renzi vincendo le elezioni votando uno schieramento veramente di sinistra, con idee di sinistra... come ho già detto il problema non è la Costituzione

      Elimina
  2. Era da un po' che non leggevo un post cosi demenziale.

    Cominciamo dal principio, il "ventennio berlusconiano".
    Basta andare su Wikipedia, controllare la successione delle legislature per verificare che non è mai esistito, i governi "berlusconiani" si sono alternati con quelli "di sinistra", ergo, se merda è stata, si tratta di merda equamente distribuita.

    Il "dibattito sulla persona".
    Renzi è il segretario del PD, prima di essere qualsiasi altra cosa. E' stato "eletto" con le "primarie", con la promessa di rottamare personalmente, uno per uno, i "vecchi dirigenti" dal passato comunista, tipo D'Alema. Poi è stato incaricato da uno di questi, tale Napolitano, di fare le scarpe, personalmente, al suo predecessore, tale Letta, vedi alla voce "stai sereno". In tutto questo non c'è nessun contenuto, è solo guerra di coltelli tra gli scagnozzi dei diversi gruppi di potere.

    L'arroganza di Renzi e i suoi lacchè. Normalmente i dirigenti della "sinistra" sono personcine umili. Poi quando dici "lacché" intendi persone come Benigni, Corriere, Repubblica e gli elettori dell'Emilia e della Toscana, cioè quelli che hanno sostenuto l'origine divina delle "riforme"?

    I voti che "stanno a sinistra".
    Scopro adesso che Benigni, Corriere, Repubblica, Emilia e Toscana "stanno a destra". O anche la giunta di Sala detto Beppe che amministra Milano, per dire.

    La destra vince.
    Le "riforme" che gli Italiani hanno appena rigettato sono state votate da un Parlamento in cui la "sinistra" è maggioranza, su proposta di un Governo del PD, incaricato da un Presidente della Repubblica ex dirigente del PCI e con la "sinistra" che occupa tutte le massime cariche dello Stato. Per fare un esempio, a parte il PD, la signora Boldrini è presidente della Camera.

    Le "speranze di sinistra".
    Quali sarebbero queste speranze, essere assunti nel Pubblico Impiego, ottenere una pensione? Siamo andati avanti per settant'anni con queste "speranze" e adesso ci troviamo con 40 mila euro di debito a testa, neonati inclusi. Siamo andati a sbattere contro il limite al prelievo fiscale, ovvero che più lo Stato cerca di recuperare fondi con le imposte e meno soldi incassa perché le imposte strozzano l'economia (il gettito fiscale è uguale a quello della Germania ma il PIL è la metà).
    La "sinistra" dovrebbe imparare a fare le quattro operazioni matematiche di base, invece di coltivare "speranze".

    La disoccupazione.
    Capita quando si postula l'abbandono degli Stati nazionali a beneficio, come diceva Scalfari, di "strutture globali". Se tu sei "cittadino del mondo", il lavoro lo trovi "nel mondo", non a due chilometri da casa. E lo trovi alle condizioni del "mondo", ovvero confrontandoti con un vietnamita o un messicano che fanno lo stesso lavoro. La "sinistra" dei "no borders" non capisce che i "borders" non riguardano solo gli immigrati africani ma anche le aziende, il denaro, le materie prime, i mercati. Vedi alla voce "arma a doppio taglio".

    La colpa.
    La colpa è tua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda nn ti ho nemmeno letto... mi sono fermato a demenziale i tuoi commenti qui nn interessano puoi anche smetterla di spacciarti come uno che ha verità da spargere per il Web. Torna nel tuo angolino. Buona serata.

      Elimina
    2. Ci sei tu nell'angolino, con tutta la discarica comunista, non io.

      Elimina
  3. Mah, io il tuo post l'ho ben capito... e concordo. In queste condizioni non si riuscirà mai a costruire qualcosa, insieme, al di là di colpe e appartenenze. E mi pare chiaro il motivo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo molto sinceramente che ci sia una carenza di politici con gli attributi oltre all'elettorato

      Elimina
  4. Pisapia si dice pronto a un tentativo di riunire il popolo che non si riconosce nel Partito Democratico, non saprei con quali risultati visti le divisioni che sono nel dna della sinistra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pisapia vuole passare attraverso Renzi ma forse no si è accorto che quella strada porta a destra

      Elimina
  5. Hai ragione in pieno, e forse ha ragione anche Moz quando dice che non esiste più nemmeno la destra. Esiste l'economia, la finanza che ha asservito la politica stessa. La res pubblica è diventata res di lobbies e multinazionali, res di interessi economici e il giochino della guerra tra poveri sta venendo tristemente benissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisognerebbe tornare a quello che diceva il movimento NOGlobal

      Elimina
  6. Grande Ernest, mi ritrovo perfettamente nelle tue parole, la destra non ha votato una riforma di destra! Questo è il punto! Perfetta secondo me l'analisi di Andrea Scanzi sul fatto quodidiano!

    Lettera a un PD mai nato

    Un abbraccio a te, compagna e piccolina :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forse alla fine il Pd voleva proprio essere così

      Elimina
  7. il referendom ha dimostrato che c'è una Italia di incazzati che spaccherebbe la faccia a questi nostri politici chiacchieroni e nulla facenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. c'è anche un'Italia che non capisce una mazza direi

      Elimina
  8. Ullala', noto che pure qui t'è capitato il coglionazzo Lorenzo, vecchia conoscenza della rete, un bifolco da quattro soldi, una merda.

    Detto ciò, io godo a essere insultato da chi ha votato si', godo tantissimo.

    Hasta
    Zac

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Zac lo sai e l'ho sempre detto qui possiamo dibattere, possiamo discutere ma non mi piace chi va da tutte le parti smistando verità per rompere solo le palle al prossimo quindi che dire, dalle mie parti non c'è spazio per gente del genere

      Elimina
  9. Il brutto della rete è che da visibilità anche agli stupidi. Ancor peggio, però, è che quegli stupidi hanno il diritto di voto come tutti gli altri! Era un bel po che non lo incrociavo, il cretino, praticamente buttato fuori da ogni angolo della rete. Deve essere stato assalito da una crisi di cretineria che non sapeva come sfogare ed è venuto qua da te, a spargere liquami! Hai tutta la mia solidarietà!

    Ciao Ernest. Un po come Zac, me ne sbatto bellamente di chi oggi sfoga rabbia e frustrazione per una sconfitta che, invece, era prevedibile ed è stata ampiamente meritata. Prevedibile, ovviamente, se fossero maggiormente collegati con la realtà... ma questi vivono veramente su un altro pianeta e non vedono cosa sta accadendo qua da noi!

    Ti esprimo una mia personale riflessione su questi "democratici progressisti" e sui motivi dei loro miserevoli e penosi fallimenti. Che non sono da attribuire alla "sinistra" che sta più a sinistra di loro (e non ci vuole molto, visto che loro sembrano piuttosto dei vecchi democristiani che pendono a destra!).

    Questi "democratici" hanno un solo limite: non sono capaci di trovare un messaggio o un sogno da contrapporre alle paure che assillano il Paese. E non lo sono perché hanno rinnegato e tradito la loro ideologia, l'hanno definita vecchia e non più attuale, hanno spacciato per "riformismo" le peggiori politiche che una volta perseguiva la destra; si sono definiti "progressisti" ma sono il peggio del vecchio e più buio conservatorismo democristiano.

    Sono loro che stanno consegnando il Paese al peggior populismo, alla destra becera, al qualunquismo gretto e ignorante. Loro e le loro fottutissime politiche che stanno creando povertà e malcontento, incertezza nel presente e paura nel futuro.

    Stiamo messi male, parecchio! A volte faccio fatica ad immaginare cosa potrebbe accadere nel prossimo futuro... o meglio, ho francamente paura di quello che penso potrebbe accadere se va avanti così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carlo
      grazie per la solidarietà :-) ma come vedi non ci spendo neanche un secondo con gente del genere, non mi interessa, e non perché la pensa diversamente da me ma per come si pone ovunque vada.
      Per il resto il tuo commento è da incorniciare hai detto tutto, credo che gran parte della ragioni siano proprio in quello che dici. E' dalla Bolognina che sbagliano e continuano a sbagliare, è una classe dirigente senza senso, mi vengono in mente le parole di Nanni Moretti..."di qualcosa di sinistra" ecco a volte basterebbe iniziare da una cosa del genere, ma sembra davvero un'utopia e mi spaventa molto.
      un saluto

      Elimina

Latest Tweets

 
;