martedì 17 settembre 2019

Il brutto paese

Non possiamo nemmeno più chiamarli barbari come nel 1994. Ora li conosciamo, sappiamo chi sono e spesso sappiamo anche chi li vota. 
Il nostro vicino di casa, un nostro parente, magari proprio il nostro migliore amico. Amicizie e parentele da rivedere probabilmente. 
Quando il vento tira storto per loro ricominciano da lì, da Pontida. Ritirano fuori un pezzo di Padania dimenticata in favore del tricolore e danno sfogo al loro peggior repertorio. 
Come dimenticare Borghezio che spruzza disinfettante sui treni nei posti occupati dalle persone di colore. Per non parlare del "chi non salta è un napoletano". 
L'odio porta odio spesso e la storia ci ha insegnato che il bagaglio che si trascina dietro è qualcosa di spaventoso e abominevole. 
Le ingiurie e gli insulti lanciati contro Gad Lerner fanno male, un video che davvero si ha difficoltà a vedere, un salto nel passato, una sorta di passerella in mezzo ad una galleria degli orrori. Padri e madri di famiglia che usano la parola ebreo come insulto, quel "non sei italiano tu" che in pochi attimi ci riporta ai ghetti e alle leggi razziali. 
Il tutto sotto gli occhi dell'ex ministro dell'interno che per un attimo ha nascosto lo spettacolo agli occhi di Maria e del Vangelo tanto sventolato. 
Un pezzo di Italia che vorremmo disconoscere e con la quale purtroppo dobbiamo fare i conti, perché quello della porta accanto spesso ha scritto il più brutto pezzo di storia del paese.

12 commenti:

  1. Il punto è che, secondo me, anche molti di quelli che non sono prettamente leghisti nel senso più profondo e deteriore della parola, non trovando, se non forse nel movimento, un partito che dimostri a parole ma soprattutto anche con i fatti, di voler davvero aiutare chi è senza lavoro o un sacco di Italiani che sono ben oltre la soglia di povertà, di rilanciare il sistema scuola e così via, si unisce alla Lega che sulla carta mica poi in concreto, promette anche tutto questo. È questo il problema più grosso, che partiti come la Lega che un tempo avrebbero solo raccolto i soggetti alla Borghezio ora secondo me riescono, anche per le colpe di altri soggetti politici come ho detto, a raccogliere anche quell'elettorato che non è razzista non è squallido come la loro base ma pur di vedere risolti i suoi problemi è disposto purtroppo a chiudere uno o anche due occhi su aspetti che invece meritano un'attenzione assolutamente massima. È un momento storico davvero critico.

    RispondiElimina
  2. Caro Ernest, prima di dire cazzate documentati!
    Hai detto una minchiata galattica e mi obblighi a difendere Borghezio!
    Caspita Borghezio!!!!
    Ma ti rendi conto???
    Vatti a vedere il filmato del servizio delle Iene che già era tagliato per dare l'impressione che hai ribadito tu.
    Carissimo Ernest, quel treno era quello della mattina piena di pendolari e studenti(come potrebbe essere tua figlia tra qualche anno)
    Quel treno aveva gli scompartimenti(treno moderno..sigh ironico ovviamente) dove le "signore" che avevano lavorato duramente nella notte(meretrici almeno è chiaro) si lavavano, cambiavano, ecc conciando quegli scompartimenti un luridume.
    Erano prevalentemente di colore, SI
    Ma erano discriminate in quanto prostitute!

    Su Gad Lerner, è bravo, è veramente bravo.
    Ha fatto il provocatore in mezzo a un gruppo di tifosi e si è preso gli insulti che gli servivano per avere visibilità!
    Se fosse andato con una maglietta pro Israele in una manifestazione per la palestina cosa gli avrebbero detto?

    Contestualizzare, sarebbe bello.
    Sono da condannare? cero ma sappiamo entrambi chi sono quelli che hanno detto certe parole.
    Sappiamo entrambi che lo scopo era proprio quello!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbassa i toni?
      Ok mi scuso.
      Hai raccontato delle cose errate, non so se lo hai fatto perchè credi ancora alla propaganda di partito o perchè vuoi perseverare nelle FAKE.
      E' divertente notare che ti sei fermato li e non hai contestato nulla delle mie parole.
      Borghezio, quello che tu hai preso ad esempio, fu pestato duramente su quel treno.
      chiediti chi è stato
      E ripeto, per me Borghezio insieme all'altro compare Boso rappresentavano persone di cui vergognarsi

      Elimina
  3. Stefano cazzate le dirai te e abbassa i toni altrimenti questa è l'ultima volta che commenti sul mio blog.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già.
      Perché nella Storia non si contano le persone ferite o ammazzate dalle Brigate Verdi, da Autonomia Leghista, da Lotta Padana, eccetera.
      Bottegai che reagivano alle rapine proletarie, poliziotti servi del capitale, giudici, giornalisti, sindacalisti.
      Le Università messe a ferro e fuoco dalle organizzazioni studentesche della Lega, città devastate dai Centri Sociali Leghisti.

      Io trovo veramente divertente che qualcuno si preoccupi della eventuale "minaccia", di quello che potrebbe capitare, quando tutto il peggio possibile è già successo ad opera della cosiddetta "sinistra", che sia stata "di lotta" o "di governo".

      Non solo per quanto riguarda rapine e omicidi, chiaramente giustificati dal "fine superiore" ma anche per i trattati internazionali sottoscritti che ci hanno ridotto in miseria e allo stato di colonia. Perché il fatto di "documentarsi" non riguarda solo la storia patria a partire dalle occupazioni delle fabbriche e proclami di rivoluzione bolscevica che diedero la stura al Fascismo come "minore dei mali" agli inizi del Novecento per finire ai tristemente famosi "fatti di Genova". "Documentarsi" significa anche ricordarsi dell'obbedienza atlantica di un D'Alema che manda i bombardieri sulla Serbia, andare a rileggere le dichiarazioni del prof. Prodi secondo cui saremo tutti ricchi e lavoreremo meno grazie all'Euro oppure andare a vedere chi impose all'Italia le "privatizzazioni" e da chi queste privatizzazioni furono attuate, con che criterio.

      Siamo molto oltre la parabola evangelica della pagliuzza leghista e della trave cattocomunista nel tuo occhio.
      Qui si tratta di rimozione.

      Elimina
  4. Si vede che ha interrotto le loro gare di rutti e per questo si sono arrabbiati, capiscili, nella vita devono avere ben poco altro!

    RispondiElimina
  5. Purtroppo siamo circondati... resistere!

    RispondiElimina
  6. Caro Ernest ti ho letto con gioia perché leggendoti ho capito che siamo ancora in tanti e che possiamo fronteggiare senza insulti la triste marea xenofoba ignorante e razzista.Non sarà facile impresa anche perché il Pd traballa a poi stiamo attenti alle mosse dell'altro Matteo un perdente nato che provoca enormi danni credendosi uno statista.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
  7. Chi semina odio, non può governare un Paese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. chi ha cominciato?
      Documentati...treno della vergogna
      Cerca chi ha cominciato ad avercela con i profughi veri e ITALIANI.
      Leggi chi parlava con ODIO verso queste persone!
      Ricordati l'odio dei Kompagni che sbagliano
      Dei manifestanti che devono poter fare ciò che vogliono, modificare il percorso altrimenti, botte e poi fanno le vittime, pontificano dei mancati assassini, difendono gli assassini per anni per restarci di sale quando il "pensatore" ammette di essere stato un assassino?
      Direi commento comico!

      PS
      I primi a dare dei barbari, ignoranti ai leghisti siete stati VOI!

      Elimina

Latest Tweets

 
;