martedì 9 giugno 2020

Gli occhibelli

Ricordo la prima volta che ci siamo visti.
Se non sbaglio, perché è passato tanto tempo, pensai che occhi del genere ne avevo visti pochi. La sensazione che però ricordo di più è quella della voglia continua di parlare con te. Aspettare il giorno dopo per raccontarti ancora qualcosa. Ascoltarti.
Eravamo fidanzati, non tra noi però. 
Difficile raccontare alla propria ragazza che hai conosciuto una persona, donna, con la quale parli bene e che ti farebbe piacere continuare a vedere.
In quegli anni non c’erano telefonini, ma solamente gettoni, tessere telefoniche e impianti fissi a casa, con tanto di prefisso.
Le conversazioni non erano come ora… “Ciao, dove sei?” senza presentarsi e neanche un accenno di buona educazione. Una volta ci si presentava così. “Pronto, buongiorno, casa Parodi? Sono Ernesto potrei parlare con Paolo?”. Insomma una frase di un quarto d’ora, adesso consumeremmo tutto il traffico solamente per l’introduzione.
A dover essere pignolo il nostro incontro lo dobbiamo tutto alla politica di sostegno delle famiglie meno dotate, diciamo così, di quattrini e ai ragazzi più volenterosi nello studio. Già perché con qualche lira in più, perché l’euro era molto lontano, e qualche voto in meno, non ci saremmo mai visti, mai incontrati, mai baciati.
E soprattutto amati.

20 commenti:

  1. stupendo, commovente… mamma mia quanta nostalgia… erano belli quegli anni (Capanna mi perdona il furto), ma davvero, il batticuore, le mani sudaticce sulla cornetta del telefono… fantastico. Bravo. Grazie. Son tornato ragazzino...

    RispondiElimina
  2. Ogni volta che scrivi parole d'amore verso la tua donna mi emoziono e la invidio.
    Molto bonariamente, s'intende. ❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie grazie, sono occhi che ispirano e chi mi hanno guidato quando era buio

      Elimina
  3. Una bellissima storia d'amore.
    Sincera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille, cerchiamo di dare il nostro meglio

      Elimina
  4. Beh, convergenze di sensibilità, non poteva che esere amore.
    Bellissimo.

    Moz-

    RispondiElimina
  5. È sempre bello vedere quante vie sa prendere l’amore per raggiungere il suo scopo.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero, e basta davvero poco per far cambiare le cose

      Elimina
  6. È sempre bellissimo ricordare.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
  7. Che bello ricordare l'amore quando ce l'abbiamo al fianco.

    RispondiElimina
  8. Caro Luca, tu sei capace di emozionarmi sia quando parli di politica, sia quando parli d’amore. E non sto quindi a dirti quanto questi occhi belli abbiano toccato anche me...grazie

    RispondiElimina
  9. Molto belle le tue parole d'amore.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  10. Fortunate le anime belle che si incontrano.

    RispondiElimina
  11. La vostra famiglia è un capolavoro che avete costruito insieme: bravi tutti e tre!

    RispondiElimina
  12. Emozioni vere, esistono ancora? Spero e credo di sì.

    RispondiElimina
  13. Atmosfere che conosco benissimo perché faccio parte della generazione del gettone. Fare la fila fuori dalla cabina, sotto il sole o la pioggia. Ma anche usare trucchi per evitare di mettere il gettone (ma questa è un'altra storia)

    RispondiElimina
  14. Tutto sacrosanto... ci stiamo lamentando di tre mesi di divano e netflix... roba da matti davvero!!!

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;