martedì 9 novembre 2010

7 a 4

Ci sono momenti in cui vorresti essere li e abbracciarli.
Allungare le braccia e stringerli, dargli un pacca sulle spalle guardarli in faccia per dirgli grazie.
Si grazie per la loro magnifica e umana normalità. Per la loro capacità di farci sapere che non siamo soli e che la speranza non è solo una concessione dei padroni.
Non sto parlando di eroi, no, sto parlando di uomini che chiedono semplicemente un paese normale dicendocelo seriamente...




...oppure col sorriso sulle labbra strappandoci una risata...




...oppure attraverso una lista.




Uomini liberi che possono essere criticati certamente, che possono anche non essere simpatici perchè no! Ma liberi di direi ciò che vogliono, liberi di non dover rispondere ad un padrone, che non devono stare dentro a paletti, liberi di scrivere senza dover pensare alle conseguenze o al potente che potrebbe incazzarsi, liberi di non dover difendere il proprio datore di lavoro, liberi di avere una coscienza senza essere una proprietà privata.
Uomini e numeri come i 7 milioni e mezzo di italiani che hanno seguito Vieni via con me per respirare libertà contro i 4 milioni e otto che continuano a scegliere la finzione di 4 mura guardate da un occhio virtuale mentre gli altri lottano con il vero Grande Fratello.

33 commenti:

  1. Pensa che a me sono anche simpatici..
    Spettacolo grandioso..per una volta riesco a dire: CHE BELLA TELEVISIONE!

    RispondiElimina
  2. @grace. anche a me Grace e parecchio! Si è vero sono i pchi momenti che ci fanno venire voglio anche di abbracciarla la Tv

    RispondiElimina
  3. mannaggia, io non ho la tv e questa volta mi dispiace (solo questa volta eh)

    RispondiElimina
  4. Quei pochi momenti come "Rai per una notte" di qualche tempo fa.

    RispondiElimina
  5. oh, neanch'io ho la tv ma una visitina di due ore allo streaming della rai l'ho fatta volentieri...

    RispondiElimina
  6. Saviano mi ha letteralmente incollato. Benigni è sempre Benigni, con l'appello a Schiavone e la canzonetta finale da brividi. Gli elenchi di Vendola entrano di dritto nella storia della televisione e di questo paese. Chissà che il doppiaggio del Grande Fratello sia un flebile segno di risveglio...

    RispondiElimina
  7. Concordo. Ho VERAMENTE goduto.
    Letteralmente, eh! :)

    RispondiElimina
  8. Una volta tanto, che soddisfazione!

    RispondiElimina
  9. Io che guardo solo Sky (leggi Current), ieri ho fatto uno strappo alla regola e ho visto.
    Ho visto un possibile futuro premier,
    Ho visto un possibile futuro vicepremier con delega su tutto,
    Ho visto un conduttore che non ha eguali in 60 anni di storia televisiva,
    Ho visto Roberto Benigni, che se fossi una donna avrei fatto il mondo in quattro per viverci assieme.

    Aggiungo che oltre ai sette milioni e mezzo, ci sono stati anche 18 milioni di contatti.

    Dei 4 e rotti imbalsamati che hanno visto quella boiata la' manco parlo, v'e' pero' da sottolineare che quella boiata, per sopravvivere, ha bisogno minimo di sei milioni a puntata, viceversa addio sponsor.

    Tremate,
    adepti del nano,
    tremate,
    peregrinatori Avetrani,
    tremate,
    segugi della deFilippi,
    tremate,
    le voci libere son tornate.

    Ciao,
    Zac

    RispondiElimina
  10. pensa come siamo messi, ci esaltiamo per delle sacrosante parole che in qualunque altro paese europeo sarebbero così normali da enunciare in televisione.

    RispondiElimina
  11. sai qual'è la cosa strana?
    che rispetto ad altre volte
    finalmente non ho sentito le solite cazzate dei soliti gasparri-la russa-bondi ecc.
    che tuonano contro i comunisti in tv senza contraddittorio,
    che il governo sia davvero caduto ma che gli italiani ancora non lo sappiano?

    RispondiElimina
  12. @ilRatto. in effetti ci pensavo anche io, o siamo al punto di non ritorno per la democrazia o ci stanno lasciando...

    @harmonica. esatto è proprio questo il punto... la normalità!

    @dalle8all5. vero!

    @MrTambourine. Assolutamente!

    @alecava. si spera ale si spera!

    @webrunner. si da fare assolutamente

    @asbinto. da tenere stretti

    @pollywantsacracker. eh ti capisco...

    RispondiElimina
  13. Hanno una paura matta di trasmissioni come questa.

    RispondiElimina
  14. Hai ragione, su questo, Ernest. Liberi di poter dire. Il problema è che non sono persone normali, ma che hanno una forza mediatica che cittadini normali non hanno. Su questo crdo dovremmo riflettere. Perchè se abbiamo dovuto aspettare una trasmissione con Saviano, Fazio, Benigni e Vendola per sentirci meglio, allora quello è il sintomo che siamo davvero messi male. Nel senso che si è fatto ancora più evidente il restringimento degli spazi democratici, in questo Paese.

    RispondiElimina
  15. Mi si è freddata la cena: non riuscivo a portare la forchetta alla bocca, nel timore di disturbare la trasmissione.
    Chissà il Signor Direttore ha cenato tranquillo...

    RispondiElimina
  16. son d'accordo con Ramingo, Harmonica che son normalità e che non ci saremmo dovuti stupire e sorprendere, ma m'è successo e pace. Eravamo tutti insieme a vedere un programma e venire a conoscenza l'indomani che g.f. aveva toppato m'ha fatto un gran piacere. Mi son anche commossa. Condivisione e comprensione. Non è sempre facile essere uomini privilegiati. No. L'esempio di Falcone dovrebbe far riflettere.
    Ah! ho rivalutato anche il nostro Nichi. Ultimamente mi faceva venire l'orticaria, ripeteva sempre gli stessi concetti, berlusconismo, berlusconismo, berlusconismo. E invece semplicemente ha ricordato a noi di essere umani, leggendo un elenco di ingiustizie e di improperi schifosissimi.

    RispondiElimina
  17. vivo all'estero da tre anni e seguo molto l'attualità e la politica estera e non sono d'accordo con chi dice che si tratta di "normalità" che si dovrebbero sentire anche altrove

    i partiti populisti, nazionalisti, post-fascisti e xenofobi prosperano ovunque e le sinistre sono quasi ovunque colluse col capitalismo consumista. in USA hanno gridato all'Obama socialista per fargli campagna elettorale contro, Sarkozy cerca di mettere la mordacchia ai media e in Gran Bretagna si studiano modi per eliminare 500'000 lavoratori del pubblico (500'000 porca paletta). è un'onda nera e vischiosa che sta invadendo l'Europa: noi abbiamo le nostre peculiarità che rendono il tutto più grave (Berlusconi e la mafia sul territorio), ma pensare che "siamo solo noi" è un errore tattico per diversi motivi: in primis sa di fatalismo, e secondariamente ci abitua a pensare che una volta rimosso Berlusconi avremo rimosso il problema. eppure i Marchionne e le Marcegaglia sono i primi a volere la caduta di Berlusconi perché un governo che non fa nulla non può nemmeno aiutare i loro interessi da "padroni".

    RispondiElimina
  18. RESTO ... perché c'é gente come loro che mi fa restare incollata alla TV e gente come voi che si emoziona, perché ho visto uno spiraglio di luce e spero che diventi sempre più concreto! un abbraccio :)

    RispondiElimina
  19. Il piacere di voler restare a guardare e ad ascoltare Ernest! Ero un po' scettico fino a ieri, ma mi sono dovuto ricredere alla grande. Come dice Alessandro, ci ha proprio incollati tanta normalità, che come dice Milena non dovrebbe stupire! E invece ha stupito, eccome! Ed è questa la cosa più bella.

    RispondiElimina
  20. Non per fare il bastian contrario a tutti i costi, ma secondo me questa volta l'accoppiata Fazio-Saviano è stata deludente. A tratti si è impastata in una retorica davvero fastidiosa.
    Benigni l'ho trovato prevedibile e quasi noioso, e Vendola, la cui capacità affabulatoria ed espressiva pure amo tantissimo, in quella cornice era semplicemente fuori luogo (non per quello che ha recitato, ma in quanto figura politica).
    Sono in gran parte d'accordo con le osservazioni sollevate qui.

    Trovo sia un segnale triste e preoccupante sentir applaudire come evento di straordinaria qualità un programma che personalmente ho trovato molto migliorabile, o vedere innalzare i suoi ideatori a messia catodici, solo perchè dotati di dignità e ragionevolezza in confronto allo zoo dei conduttori e dei palinsesti che siamo abituati a considerare. Insomma, un programma così dovremmo esigerlo come la norma, e non accoglierlo come quell'unica eccezione di valore che conferma e giustifica tutto quanto il resto dello squallore della nostra televisione.

    RispondiElimina
  21. Come ti ho scritto ieri, sapevo che oggi ne avresti parlato, la serata mi ha emozionato tantissimo. Da metabolizzare!

    RispondiElimina
  22. Grande programma Vieni Via con Me.
    Mi ha mosso qualcosa dentro, non so. Credo che sia ottimismo. forse qualcosa si muove, cazzo. Poco ma lo fa.
    E ne sono contento...

    Probabilmente è uno stadio passeggero, forse tornerò a deprimermi... chi lo sa.

    RispondiElimina
  23. a me ha fatto perdere di più le bave il fatto che oggi il governo del fare è andato sotto tre volte...azz che goduria, proprio sulla mozione a favore del cammelliere libico ;-))

    Notte buona ernest, non mi piace Beningni e ho dei dubbi sugli altri, ciò non toglie che sono stata una delle spettatrici che hanno decretato il loro successo.

    Notte buona Ernest
    Tina

    RispondiElimina
  24. un p' d'aria pura, niente di viziato, di chiuso. Finalmente !

    RispondiElimina
  25. Mi mancava tutto questo. Me lo sono gustato tutto. Una ventata di "normalità" in questo paese in cui il concetto di "normalità" ha preso forme indefinite!

    RispondiElimina
  26. Un risultato importante per una trasmissione convincente ed un Saviano che dice cose mai pronunciate in prima serata e quindi molto importanti.

    RispondiElimina
  27. @ilRockpoeta. si direi come ho detto sono voci libere
    un saluto

    @Maraptica. ci vuole la normalità, dobbiamo esigerla direi

    @Tina. si spero che prima o poi la smettano di fare i giochini ti tengo su, ti faccio cadere, allora mi concedi quello o quell'altro e si arrivi prima o poi a respirare pulito
    un saluto

    @odin. no dai niente depressione ma azione!!!

    @magocamillo. siempre!

    @sara. e da ricordare e ripetere

    @ross. No Ross non passi come Bastian contrario ma come giudizio libero di un cittadino che dice questo mi è piaciuto e quello no. Proprio la cosa che loro non vogliono, cioè non vogliono farci decidere ma voglino censurare a priori.
    Come ho scritto nel post la trasmissione può piacere o meno, i personaggi pure, rimanre il fatto che in una democrazia la politica deve stare fuori dai palinsesti informativi altrimenti non è democrazia. Quindi per me Saviano, Benigni e company potevano anche andare in onda e non dire niente, stare fermi guardando lo schermo, l'importante è non fermarsi davanti ad un potente che dice non dovete vedere queste cose.
    Quindi è lecito che non ti abbia convinto la trasmissione come è vero anche il fatto che siamo talmente messi male che la normalit di certe cose ci sembrano rivoluzioni, questo dovrebbe farci capire a che punto ci ha portato il regime
    un saluto

    @nico. stupire stupire e ancora stupire

    RispondiElimina
  28. @princi. si dobbiamo allargarla quella luce! :) un saluto

    @volpe. "in primis sa di fatalismo, e secondariamente ci abitua a pensare che una volta rimosso Berlusconi avremo rimosso il problema. eppure i Marchionne e le Marcegaglia sono i primi a volere la caduta di Berlusconi perché un governo che non fa nulla non può nemmeno aiutare i loro interessi da "padroni""... ho riportato questo pezzo che hai scritto perchè lo condivido ed è da incorniciare secondo me
    un saluto

    @petrolio. si petrolio eravamo tutti insieme e questo è davvero importante

    @gattonero. secondo me si ha mangiato tranquillo, quella gente si ricicla sempre!

    @ramingo. si vero a volte sembriomo proprio al muro

    @alberto. spero che ne possano avere ancora!

    RispondiElimina
  29. Be'! Non suoni blasfemo, anche se l'altra sera a caldo su Twitter erano a momenti più i cori "Benigni ha copiato questo e quest'altro, Vendola non sa fare il comico ..." che i veri apprezzamenti alla trasmissione. Comunque, insomma. Avanti, popolo!

    RispondiElimina
  30. Un segnale che c'è ancora una parte di italiani che guarda la televisione dotata di buonsenso. E' poco, ma di queste tempi occorre accontentarsi e gioire, bravo ad aver sottolineato quest'aspetto.
    Per quanto Fazio continui a starmi poco simpatico la trasmissione, gli ospiti soprattutto, l'irresistibile toscanaccio e il grande Saviano bè... sono stati da standing ovation!
    Riuscire a fare riflettere, seppur in modi diversi, il pubblico televisivo di oggi, è da grandi uomini! E loro due credo senza dubbio lo siano.

    Perdona la lungaggine del commento, ma in questo periodo ho dannatamente poco tempo per i blog che quando lo trovo mi sfogo, perdonato? ;-)

    RispondiElimina
  31. Ci siamo intesi. Ho criticato il contenuto del programma invece di esaltarmi per la sua sola e semplice messa in onda perchè farsi trascinare dall'entusiasmo dei complimenti a priori non è salutare. Ma il non fermarsi davanti alla censura lo davo per scontato. :)
    Ciao.

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;