lunedì 14 febbraio 2011

Non rimettiamole in tasca


Ci sono mani che si mostrano.
Mani che si tendono per chiedere qualcosa.
Mani callose con i segni di un lavoro malpagato.
Mani letterarie che creano.
Mani che si stringono, che si mollano e si riprendono.
Mani piccole avvolte in quelle più grandi.
Mani sudate perchè è la prima volta.
Mani secche perchè ci si promette sempre che è l'ultima ma non lo è mai.
Mani che attendono quelle degli altri.
Mani che tengono bandiere.
Mani che stringono fischietti.
Mani che alzano striscioni e alzano sciarpe.
Mani che non sono più giunte perchè tradite
Mani che fanno segno ad altri di alzarsi
Mani che mostrano al testa di rimanere alta e fiera
Mani che si chiudono a pugno, e altre che lo vorrebbero fare o l'hanno fatto in passato
Mani che si sono sempre occupate di altri.
Mani che hanno sfiorato volti.
Mani domestiche che hanno svegliato alla mattina, che hanno preparato il pranzo e che hanno messo a letto.
Mani che rivendicano il sesso ma quello libero, non quello a ricatto, quello vero.
Mani che hai odiato e amato subito dopo.
Mani che hanno strappato lacrime in lontanza su un treno.
Mani di figlie, fidanzate, mogli, amanti, amiche, conviventi, nonne.
Mani che hanno definito faziose, si perchè scelgono da che parte stare e non fanno scegliere altri.
Mani che ci hanno sempre sorretto.
Mani di donne.

21 commenti:

  1. Mani che spero si ricordino di tutto questo la prossima volta che saranno chiamate a mettere una 'X' su una scheda elettorale... ;-)

    RispondiElimina
  2. eravamo proprio belle ieri
    vorrei che lo fossimo tante e tante e tante altre volte

    @Ernest: fai qualcosa il blog diventa sempre più lento da aprire (troppi banner?)

    RispondiElimina
  3. Bellissimo il tuo post.
    Anch'io spero che queste mani mettano la X al posto giusto al prossimo voto.

    RispondiElimina
  4. @amanda. vero amanda bisogna esserlo sempre di più!
    Per il blog vedo cosa posso fare, quando lo apro io non è lento comunque controllo grazie grazie :-)

    @dalle8all5. grazie mille. Ed è vero spero che tutta questa indignazione non si perda

    @chit. parole sante!

    RispondiElimina
  5. Una grande giornata ieri.
    Una giornata storica.

    RispondiElimina
  6. Egregio allenatore Ernest, mi spieghi cosa ci faceva Moggi seduto in panchina insieme a te..?
    Dopo, non ti lamentare se non ti danno la mano.
    Eh..! Eh..!

    RispondiElimina
  7. Magari un buffettino con le mani, così, rispettosamente, tanto da lasciargli l'impronta sulla guancia!

    RispondiElimina
  8. Mani a difesa di tutti i generi, non solo di quello femminile!
    Mani che non hanno un prezzo, ma hanno valore!
    Anche a La Spezia!

    RispondiElimina
  9. Anche la foto è molto suggestiva!

    RispondiElimina
  10. Bell'omaggio. E' quasi poesia.

    RispondiElimina
  11. Mani che s'impegnano e come ha detto giustamente Chit, andrano presto a votare bene ...

    RispondiElimina
  12. Mani che metterei sul viso a qualcuno, forse troppe persone.

    p.s. Ho ripreso a scrivere di calcio, ti aspetto anche qui:
    http://iononsonocampionedelmondo.blogspot.com/

    RispondiElimina
  13. Bravo Ernest...bel post veramente...

    RispondiElimina
  14. Ciao Ernest, come altre volte ho perso il mio primo commento. Ti ringrazio per questo bellissimo post che mi ha commossa tantissimo. Dice tanto della nostra vita, quella veramente vissuta. Le foto sono a dir poco bellissime, alcune mozzano il fiato. Grande reportage. Grande ! Ora le mani dovranno restare sempre ben visibili.
    Ciao

    RispondiElimina
  15. Bello, proprio una lirica notevole, caro Compagno Ernest.
    Vorrei sottolineare la citazione di Barabba:
    "Mani pulite" e' micidiale.

    Ciao
    Zac

    RispondiElimina
  16. Ciao Ernest e buona serata! Credo proprio che il tuo sia un bellissimo riconoscimento alla giornata di ieri, qua a Roma. Io, tutte quelle mani ho dovute vederle dall'alto del Pincio perché era fisicamente impossibile accedere a piazza del Popolo.

    Manifestazione da brivido, come lo è stato l'urlo improvviso, dopo istanti di silenzio, che si è levato da centinaia di migliaia di bocche "se non ora, quando?" Sono convinto che quell'urlo, abbia raggiunto le stanze del potere, in cui sono barricati!

    Per questo, criticano!!

    RispondiElimina
  17. bellissimo post, mi hai fatto venire i lacrimoni! bellissima giornata ieri, speriamo di non perderla! un abbraccio, a presto :)

    RispondiElimina
  18. Mani che non servano più a tapparsi occhi, orecchie, bocca.

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;