giovedì 7 marzo 2013

Salute pubblica?


« Il terrore non esiste solo quando alcune persone comandano altre e le fanno tremare, ma regna quando anche coloro che comandano tremano, perché sanno di essere presi a loro volta, come quelli su cui esercitano il potere, nel sistema generale dell'obbedienza. »
Michel Foucault


Sia chiaro lungi da me fare paragoni che possono risultare assurdi ma leggendo questa frase di Foucault ho avuto la sensazione di assistere alla descrizione di questo momento storico-politico in cui si tende a dire che tutto ciò che è sopra di noi fa schifo senza alcuna distinzione. 
Perché vecchio non vuol dire sempre e per forza rottamazione.
Giovane non sempre va di pari passo con persona in gamba.
Uomo del popolo non è sempre uguale a persona onesta.
Dirigente non significa sempre persona preparata o ladro di polli.
E non basta dire di non essere un partito o avere un non-statuto per differenziarsi dagli altri.
La rete non è l'emblema della libertà, non è la verità assoluta e un account non è una persona.
Perché il rischio è di arrivare al punto di avere timore della propria ombra o di essere beccato a mangiare una merendina pagata da qualche lobbista.
Poi sia chiaro l'aria fresca serve a tutti ma a tener aperte troppo le finestre si rischia di ammalarsi.

19 commenti:

  1. Uno dei migliori post sul M5S e le sue implicazioni.
    Grande Ernest!

    RispondiElimina
  2. si sta come d'autunno sugli alberi le foglie

    RispondiElimina
  3. hai perfettamente ragione!

    RispondiElimina
  4. Leggiucchiando qui e là, è saltata fuori la parola Webegg. Dopo una breve ricerca al riguardo su Google, uno dei primi risultati che ho trovato è questo articolo:
    http://www.ilfoglio.it/soloqui/16873
    A fine articolo c'è scritto (copio/incollo):
    la filosofia non scritta del M5s sembra rifarsi al brano di “Tu sei rete”, libro di Davide Casaleggio, figlio e braccio destro di Gianroberto: “Una formica non deve sapere come funziona il formicaio, altrimenti tutte le formiche ambirebbero a ricoprire i ruoli migliori e meno faticosi, creando un problema di coordinamento”.
    Però vale la pena di leggere tutto l'articolo.

    RispondiElimina
  5. @dalle8alle5. grazie vado a leggere

    RispondiElimina
  6. @Ernest
    Ti meraviglierai ma concordo dalla prima all'ultima riga
    Lo segno sul calendario ;)

    RispondiElimina
  7. A me una terminologia che spaventa è "società civile"

    RispondiElimina
  8. @xpisp. ah ah... effettivamente me la segno anche io, cmq non mi meraviglio. :)

    RispondiElimina
  9. ma per non fare generalizzazioni idiote bisogna essere avvezzi a "quel tarlo mai sincero che chiamano pensiero"...non tutti sono disposti a rosicchiarsi l'anima per partorire un'idea propria, molti preferiscono papparsi idee già confezionate. A presto

    RispondiElimina
  10. Si, ma qa manca proprio l'ossigeno!

    RispondiElimina
  11. Quoto l'amica Dalle8alle5 e Sara

    Ci manca l'ossigeno.

    RispondiElimina
  12. E sopratutto aprire le finestre se c'è tempesta potrebbe essere deleterio!
    Mi sono imposto di aspettare e valutare i fatti, ancora non ho capito molto di chi sono.

    RispondiElimina
  13. Grazie per questo post;
    sentivo il bisogno di parole intelligenti dopo i fastidiosi e ripetuti interventi di quell'imprenditore (che era andato presso i cancelli della villa del leader del M5S), ieri sera a Servizio Pubblico.
    Sgomenta rendersi conto di quanto siano condivisi.

    RispondiElimina
  14. non ho idea di cosa parli nello specifico, ma il cervello che traspare da cio' che scrivi mi rincuora malgrado siamo gia' al timore d'essere beccati a RUBARE una merendina o a mangiare quella sbagliata. o alla paura che venga fuori l'ombra di qualche scheletro che tutti abbiamo nell'armadio e se poi qualcuno no, ci si mette un attimo a "come se fosse"

    RispondiElimina
  15. sagge considerazioni le tue, per troppo tempo si è andati con lo zoppo per non imparare a zoppicare...

    RispondiElimina
  16. "Ogni movimento rivoluzionario è romantico per definizione" sosteneva Gramsci. Io spero si torni finalmente a parlare di cose concrete, di come far andare avanti le piccole imprese, come dare futuro ai giovani senza arrivare a 40 anni a fare lavori interinali, di poter spendere il proprio salario senza doversi sentire in colpa. Vorrei vedere una politica sana, di persone, di eroi. Ma forse chiedo troppo.
    Buona giornata

    RispondiElimina
  17. Purtroppo c'è la riduzione del pensiero al bianco e il nero e quindi la capacità del ragionamento è ridotta al minimo.

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;