sabato 15 novembre 2014

Non è possibile...

Alcune foto scattate qualche minuto fa nella zona del Polcevera.
Esondato il Polcevera e alcuni rii... Fereggiano che ora preoccupa.
Cornigliano, Sampierdarena, Voltri, Rivarolo, Murta e altri quartieri sott'acqua.
Strade che sono diventate fiumi.
Frane ovunque.
Dal Comune hanno diramato l'avvertimento... "Non uscite di casa!"
Ma questa può essere la soluzione?
Bisogna vivere in questa maniera ogni volta che piove?
A questo punto non ho davvero più parole.
Gabrielli capo della Protezione civile a Chiavari la settimana scorsa ha detto "preparatevi ad una settimana di passione". Questi ci prendono anche per il culo.
Dal Governo il silenzio totale dopo un mese in cui abbiamo avuto 3 alluvioni!!!! E i soldi faticano ad arrivare.
A questo punto non so più cosa dire.
E continua a piovere...




25 commenti:

  1. e chi deve lavorare ci va in gondola? comunque è assurdo! poi voglio vedere che chi si è costruito le case dentro i fiumi, o scalamando le colline, abbia pure il coraggio di venire a batter cassa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Sara... ad esempio trovo assurdo che i centri commerciali in zone alluvionabili siano rimasti aperti, servirebbero delle ordinanze di chiusura in questi casi... Poi si potrebbe parlare per ore di quelli che nonostante l'allerta 2 vanno a comprare

      Elimina
  2. In queste ore la situazione è veramente ad alto rischio.
    Saluti a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi qui di nuovo un allerta... non si finisce mai.

      Elimina
  3. Il territorio è stato devastato dalla speculazione dei cementificatori con la complicità dei tanti che hanno "chiuso un occhio" per tornaconto personale o per ignoranza.
    Siamo, purtroppo, ostaggio della stupidità e dei suoi numerosi effetti collaterali, come la presa per il culo di cui scrivi.
    I notiziari hanno assunto un tono surreale e assuefano al sapervi sott'acqua;
    li guardo senza audio;
    le immagini sono eloquenti.
    Attendo un cronista che abbia il coraggio (o l'autorizzazione) di dare un nome ai responsabili del disastro idrogeologico del nostro paese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo che i giornalisti dovrebbero cercare di fare più informazione quando non ci sono gli allerta... sia chiaro quello che le reti locali stanno facendo in questo momento è importantissimo... danno informazioni e molte volte aiutano la gente... però mi piacerebbe che poi anche dopo si occupassero del territorio e non solo in caso di disastri

      Elimina
  4. Ernest caro, la rabbia si accumula, si accumula, e la paura è che si arrivi all'assuefazione della maggior parte della gente, come dimostrano certe frasi che hai citato, e che quindi fatichi a uscire. C'è bisogno di persone come te, che continueranno sempre a essere incazzati. Troppo pochi purtroppo. Gli esempi della gondola di Sara o quel termine coraggio che nasconde un'autorizzazione detto da Berica sono assolutamente calzanti. Grazie amico mio per esserci sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Nico!
      Anche oggi un altro allerta... su GEnova di ripo 1 mentre a levante è di nuovo massimo allerta... la rabbia è tanta. La Liguria è davvero in ginocchio... ci sono frazioni isolate e strade che non esistono più.
      Ma noi stiamo attenti ai bilanci... che dire.
      un abbraccio

      Elimina
  5. nemmeno io so più cosa dire, e manco ci capisco più niente.

    RispondiElimina
  6. Sì, ci stanno prendendo per il culo! Sembra di vivere in un incubo di cui non si intravede la fine.....e si trova sempre qualcuno che dice " beh, ma è un pioggia eccezionale".E siccome è eccezionale non si fa nulla.
    E' proprio dolore, quello che sto provando per la mia città. Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione... la sensazione è quella di essere impotenti davanti a cose del genere soprattutto se l'unica arma di difesa sono le allerte...

      Elimina
  7. Oggi c'è un po' di tregua, speriamo continui. Speriamo, viviamo di speranze.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la tregua è finita purtroppo... piove di nuovo.

      Elimina
  8. C'è tanto da fare risanare il territorio e proteggerlo..Cosa stanno aspettando?E' un comportamento ignobile!..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i soldi li investiamo in armi, in mega costruzioni e progetti mai portati alla fine... un vero schifo

      Elimina
  9. La manutenzione non porta voti e finanziamenti. Per "questi" si può affogare tutti. Ma sono fiducioso, anche il Papa ha detto "basta". Domani sole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non so io davvero non so cosa dire...

      Elimina
  10. Non c'è solo la cementificazione selvaggia, c'è anche l'idiozia di chi progetta e fa manutenzione col culo (o con le mazzette?), vedi quel che è successo alla stazione Garibaldi di Milano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero manutenzione e prevenzione non rientrano negli elenchi delle cose che ti fanno prendere voti!

      Elimina
  11. Il problema è l'utilizzo sconsiderato del suolo ma bisogna anche ammettere che il clima sta velocemente cambiando. Piogge torrenziali erano più tipiche dei tropici che delle nostre latitudini ed ora invece mi sa che dovremo abituarci ad averci a che fare sempre più spesso. E con lo stato ingessato (e pure spesso con il menefreghismo di tanti) sarà molto difficile gestire la situazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Giulio in parte credo sia vero.... ma io ricordo quando ero più piccolo che pioveva parecchio e per giorni ma i fiumi non esondavano...

      Elimina
    2. Anche da me ha sempre piovuto tanto, il lago è sempre uscito ogni dieci anni circa, e a volte anche più di adesso, ma prima che cominciassero a cementificare dappertutto non c'erano disastri di questa portata. Il lago usciva e rientrava, ma le colline non erano disboscate e non franavano ammazzando la gente come è successo ieri.

      Elimina

Latest Tweets

 
;