lunedì 28 settembre 2015

Sempre più soli

Aveva ragione Pietro Ingrao, indignarsi non basta.
In questi anni non lo abbiamo ascoltato, o forse troppo poco. Lui che si è sempre domandato nella sua vita cosa poteva fare di fronte ad un'ingiustizia e noi fermi ad aspettare che altri facessero o ci indicassero dove andare.
Ora è tempo di masse sempre più spaventate, di individualismo che prevale mettendo da parte i concetti di collettività e di comunità. In questi giorni assisteremo alle lacrime di coccodrillo che coloro che si spacciano per politici utilizzeranno per Ingrao, a partire dal premier Renzi pronto a rilasciare la sua dichiarazione... A tutti noi mancherà la sua passione, la sua sobrietà, il suo sguardo, la sua inquietudine che ne ha fatto uno dei testimoni più scomodi e lucidi del Novecento, della sinistra, del nostro Paese.
100 anni di politica anche nell'ultimo periodo in cui le forze erano sempre di meno e molti insegnamenti che dovremo tenere stretti, come quello indirizzato ai giovani.
"Pratica il dubbio ogni volta che l’agire collettivo contrasta col tuo sforzo di essere libero"
Uomo d'altri tempi in cui compagno voleva dire qualcosa.


23 commenti:

  1. In generale essere un politico aveva un altro significato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e anche essere un elettore aveva un altro significato

      Elimina
  2. Già, hai detto bene: erano altri tempi, altra sinistra, altra politica in generale.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e c 'era anche Andreotti però...

      Elimina
  3. De mortuis nihil nisi bonum. Lasciamo perdere, va'.

    RispondiElimina
  4. Se ne stanno andando gli ultimi uomini che in un tempo che sembra oramai lontano, coltivarono ideologie e diffusero ideali e idee. Rimane il peggio: il vuoto e l'arroganza di una politica che ci governa.

    Ciao Ernest, credo che il più commovente tributo a Ingrao l'abbia dato Vauro con la sua vignetta: "se n'è andato in una notte di luna rossa".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. una Luna rossa che avremo sempre lì davanti a noi

      Elimina
  5. Mi sono quasi rassegnato,i Politici con la P maiuscola non ci sono più,non ci resta che accontentarsi del meno peggio,o entrare in politica.
    Io ho già dato (LC)
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quello che dici è vero... servirebbe più impegno diretto ma dove? con chi? ora c'è anche questa difficoltà fare politica da qualche parte

      Elimina
  6. Una morte che mi lascia tristissimo.L'ultimo Comunista vero.

    RispondiElimina
  7. Ieri pensavo che è nato l'anno in cui l'Italia è entrata nel primo conflitto mondiale ed ha passato la sua giovinezza in mezzo alle guerre; praticamente il testimone perfetto della nostra società, della nostra storia, il suo spirito critico

    RispondiElimina
  8. Ecco la vera tristezza: "uomo d'altri tempi".

    RispondiElimina
  9. Risposte
    1. mi domando veramente quando hanno smesso di nascere certe persone

      Elimina
  10. Comunisti, per favore, non lasciateci soli con gli italiani!

    Parafrasando un acuto graffito che recitava: "Immigrati, per favore, non lasciateci soli con gli italiani"
    https://andreapanerini.files.wordpress.com/2010/12/immigrati.jpg

    RispondiElimina
  11. Eravamo già orfani, ma adesso di più.

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;