giovedì 3 dicembre 2015

Come ti cancello il sociale

Da parecchi anni collaboro col Teatro dell'Ortica di Genova. Un teatro sociale, uno di quelli che operano nei quartieri più difficili, che fa laboratorio con pazienti psichiatrici segnalati dalla salute mentale spesso dimenticati dalle istituzioni, laboratori teatrali con i carcerati in collaborazione con scuole elementari e medie per creare spettacoli in cui i detenuti e i bambini recitano assieme. Poi ancora laboratori con i ragazzi down, iniziative per la tutela delle donne che subiscono violenze, oltre alla stagione teatrale ed ai vari corsi di teatroterapia. Un luogo che per molti è una casa.
Ecco tutto questo rischia di sparire. 
Perché?
La domanda andrebbe posta alla Regione Liguria, che ha cancellato in un solo colpo tutti i finanziamenti, stiamo parlando di cifre irrisorie 20mila euro all'anno, che servivano per portare avanti il laboratorio Stranità (psichiatria), quello del carcere e quello sulla violenza sulle donne. Oltre a noi hanno pensato bene di non finanziarie anche un laboratorio interculturale e Music for Peace che si occupa di aiuti umanitari.
Abbiamo domandato perché. Risposte? Zero. O meglio una lettera con 5 righe in numero in cui si dice che "pur riconoscendo la validità dei progetti non si finanziano". Poi porte sbattute in faccia, telefoni che squillano a vuoto, e un assessore Ilaria Cavo, già quella dei plastici di Porta Porta, che si dovrebbe occupare del sociale che tramite i giornali fa sapere che la colpa è di quelli che c'erano prima, che lei ha solamente gestito quello che c'era e dato i soldi ai trasporti per disabili.
Fare una classifica sui bisogni è pericolosissimo, dire  a questi si e a questi no, ci pone ricordi nella mente che fanno rabbrividire. Tutti hanno diritto a questi finanziamenti soprattuto in situazioni in cui i soldi vengono spesi per altro. La sede della Regione Liguria costa parecchi euro all'anno, il signor Toti governatore, quello che pensava che Novi Ligure fosse in Liguria,  pare si stia facendo una nuova sala per il costo di 35mila euro per non parlare della sua auto blu... potrei andare avanti ma evito altrimenti rischio di sembrare grillino.
Noi lotteremo, andremo avanti, stiamo cercando come sempre forme di protesta che si basano sulla creatività sull'uso delle parole che queste persone non ci porteranno mai via. Inoltre stiamo cercando anche metodi di autofinanziamento, persone che magari dall'alto dei loro conti correnti potrebbero dare una mano a dei progetti che alla fine fanno risparmiare soldi alla comunità.
Potete seguire la vicenda tramite il nostro profilo Facebook, se avete da segnalare qualcosa, ogni consiglio è ben accetto.

24 commenti:

  1. Sì appunto, è davvero terribile pensare che si debbano fare delle distinzioni nel dare a chi ha bisogno. Cosa dire oltre al fatto che le istituzioni sempre più scollate dalla realtà e tronfie di parole al vento, costringono i cittadini a rivolgersi al privato per ottenere diritti che dovrebbero essere scontati? Ernest non ho Fb, se riesci aggiornaci anche da qui. Se vuoi possiamo parlarne nel mio blog! Contattami con il modulo nel mio spazio che creo uno spazio apposito. Più si sparge la notizia e meglio sarà vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mariella è vero ormai certi diritti e servizi riescono a rimanere a galla solamente tramite il lavoro dei volontari e a delle donazioni o sovvenzioni... ti aggiorno sicuramente sulla situazione

      Elimina
    2. appena riesco faccio un passo da te....grazie

      Elimina
  2. Una politica sempre più inumana, e ammirevoli i vostri sforzi per andare comunque avanti. Vado a vedere su fb.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In più diciamo che non hanno idea neppure di cosa stiamo parlando... grazie Alberto su fb trovi gli aggiornamenti

      Elimina
  3. Ma no, che orrore! Preparate anche una petizione!

    RispondiElimina
  4. PS: ho cercato di condividere il post su fb, ma mi dicono che il contenuto è bloccato :-/

    RispondiElimina
  5. Potreste pensare anche a altri tipi di finanziamenti, fondi perduti, bandi... se le cose stan così, io chiamerei pure la tv XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Moz coi bandi ci lavoriamo già, il problema come sicuramente sai è che non ce ne sono tanti, spesso partecipano in molti ed è una lotta ad accaparrarsi quello che c'è, inoltre non si sa se arrivano. Servono certezze per servizi come questi, perché stiamo parlando proprio di servizi che si sostituiscono a quelli che spesso lo stato dimenticano di fare... se ne stanno anche occupando le tv locali... grazie

      Elimina
  6. Ma Ernest, il blog si è mangiato i miei due commenti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no no ci sono ma inspiegabilmente gmail continua a mettere i tuoi commenti nello spam... non capisco. Che cosa ti da come contenuto bloccato? il mio post?

      Elimina
  7. i soldi ci sono sempre per chi ne fa pessimo uso, per il buon uso, invece, chissà perché i soldi non ci sono mai

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e ci metto anche quelli che prima erano in Regione

      Elimina
  8. Io andrei intanto a chiedere un po' di soldi al cardinal Bertone visto che la chiesa dovrebbe essere in prima fila per il sociale...

    RispondiElimina
  9. Uff, si smetterà mai di leggere di miliardi spesi per auto blu e attici vari invece che per i servizi, le persone, le necessità REALI? Un grandissimo in bocca al lupo a voi Ernest!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non la finiranno mai purtroppo, e noi lo permettiamo

      Elimina
  10. Una politica sempre più inumana dice @Alberto;
    infatti la politica di governo la praticano esseri (inumani?) come quel tizio che non sa che Novi Ligure non è in Liguria.

    In tema di suggerimenti, concordo con quello di @Giulio GMDB sopratutto per tutti i soldi che i cittadini italiani "regalano" ogni anno al monarca assoluto e la sua corte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'unico che in passato ci è stato vicino è stato Don Gallo...

      Elimina
  11. sono tornata a Genova ieri e solo oggi leggo ciò che hai scritto. Non ho fb ma conosco bene la vicenda, essendo di Genova. Tienici informati, soprattutto sulle iniziative qua , in questa città che vorrebbero sempre più spenta......ma non ce la faranno: io ci sono.
    Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Emanuela, stiamo organizzando delle iniziative faremo delle cene per raccogliere fondi e poi delle incursioni teatrali nella città, protestiamo con la creatività.
      Ieri l'assessore Cavo ha risposto ancora una volta dicendo che ha dato quello che c'era in cassa per i trasporti dei disabili... non ascoltano nemmeno

      Elimina
  12. I soldi per le banche ci sono, mentre per la cultura e il sociale mancano; una vera vergogna senza fine.
    Se ci sono iniziative metto il mio blog a disposizione.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringraziano molto! ti terrò aggiornato allora sulle iniziative grazie

      Elimina
  13. Hanno la faccia come il culo parte III!

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;