venerdì 22 gennaio 2016

Vista sull'alluvione


Spesso ce la prendiamo con le istituzioni, con i politici, con le amministrazioni. Poi succedono cose che dovrebbero far riflettere, che fanno capire che il problema a volte sta anche alla base.
Come sapete Genova ogni anno, sto toccando ferro, ha la sua alluvione. Quei morti sono ancora nei nostri pensieri, vite che sono state portate via in pochi minuti. Danni che non potranno mai essere risarciti.
Ultimamente pare che la soluzione, o almeno una parte, del problema possa essere la costruzione di uno scolmatore per il famoso, purtroppo, torrente Fereggiano. Una struttura che stanno costruendo in Corso Italia, per chi conosce Genova la promenade con vista sul mare, quartiere diciamo così di "ricchi", persone che stanno bene, a volte anche "non genovesi" che si fanno vedere ogni tanto con la casetta a due passi dal mare.
Fin qua semplice cronaca. 
Peccato che 9 famiglie, anzi 8 perché una si è ritirata, hanno pensato bene di fare un ricorso contro la copertura del cantiere dello scolmatore perché secondo loro danneggia l'immagine, definita "uno sfregio al paesaggio".
Nessuno vuole togliere il diritto di fare un ricorso, ci mancherebbe, quindi il movimento 5 stelle di Genova può stare tranquillo. Ma mi domando come si possa minimamente pensare di provare a bloccare la costruzione di una struttura che potrebbe essere utile alla causa di tutti per questioni di "bellezza".
Non mi piace ragionare in termini di classi, che esistono ancora sia chiaro, ma qui sembra davvero di avere a che fare con quelli che vivono in una palla di vetro.
Per noi che viviamo con gli allerta ogni volta che piove, meglio avere l'occhio infastidito da una bruttura architettonica, tra l'altro temporanea perché sparirà una volta finiti i lavori, piuttosto che svegliarsi con un metro di acqua in casa.
Noi negli ultimi anni quando parlavamo di vista intendevamo l'immagine in alto... sotto tutta quell'acqua c'è via Fereggiano e purtroppo delle vite.
Ma spesso il termine collettività non si riesce proprio a capire.

20 commenti:

  1. La morfologia del territorio di Genova, richiede urgente bisogno di grandi lavori per evitare nuove tragedie; la vita viene prima di tutto.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io non so se quest'opera potrà risolvere effettivamente i problemi, non sono un tecnico ma sembra che cmq possa aiutare in caso di piena.

      Elimina
    2. xpisp(stefano)26 gennaio 2016 10:33

      Attenzione perchè con la giustificazione "la vita viene prima di tutto" poi si potrà fare di tutto!
      Non conosco il problema "estetico" ma credo che basterebbe una decisione "celere" della giustizia e tutti sono contenti!

      Elimina
    3. Se si trattasse di questioni strutturali e pericolo per i cittadini sarei d'accordo con il ricorso ma qui ti assicura che è un'altra roba...

      Elimina
    4. xpisp(stefano)26 gennaio 2016 19:11

      Scusa Ernest ma pensavo a quando la protezione civile con Bertolaso aveva campo libero usando la parola magica EMERGENZA
      Facendo spesso più male che bene.
      Per il resto non ho dubbi sulla tua parola e sul fatto che sia assurdo.
      Parli con uno che ha vissuto in una città bloccata per anni dai lavori di un attraversamento sotterraneo , lavori allungati dalla causa di un privato che non voleva farsi abbattere la portineria della villa(che poi gli avrebbero ricostruito!!!)

      Elimina
    5. si Bertolaso e co intendevano la parola emrgenza a modo loro, quindi è giustissimo vigilare anche perché a volte, e purtroppo soprattutto in Italia, quando ci sono delle tragedie il marcio riesce sempre ad inserirsi. io spero davvero che i giudici accantonino questo ricorso e che prendano provvedimenti contro gli avvocati in caso di infondatezza giuridica

      Elimina
  2. il bene comune non sta di casa in italia

    RispondiElimina
  3. Egoismo ottuso, imbecillità totale.

    RispondiElimina
  4. Risposte
    1. già, incomprensibile. Poi se il ricorso fosse su dei problemi strutturali potrei anche capire ma qui si parla di immagine, senza parole

      Elimina
  5. Mi auguro che li ignoreranno, o forse sarebbe meglio che qualcuno facesse loro notare quanto sia inopportuno prediligere la forma alla sicurezza delle persone.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ignorarli probabilmente sarà impossibile, mi auguro che in caso di infondatezza giuridica passino dei guai anche gli avvocati

      Elimina
  6. Va beh, far ricorso è lecito e gli imbecilli non mancano mai in giro, l'importante è che il buonsenso ce l'abbia almeno il giudice!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero, speriamo. il problema però è che se i lavoro si fermano o si rallentano poi ci va di mezzo la città intera

      Elimina
  7. Come ti dimostri ottimista, Ernest, quando affermi che ".. il problema a volte sta anche alla base..." Contrariamente, io sono invece arciconvinto che il problema sta solo alla "base". Nasce lì, si alimenta della stessa, si propaga e appesta tutto il paese. E questa tua riflessione è solo un piccolo esempio di quanto io credo e affermo. 8 individui che magari in quella zona interessata dai lavori neanche ci vivono tutto l'anno, pensano ai loro interessi, temporaneamente messi a rischio da un cantiere che rovina il "paesaggio". Ernest, quanto durerà questo cantiere? Penso qualche annetto, visto come vanno le cose in Italia. E allora, Ernest, se la loro casetta l'affittano per l'estate? Chi sarebbe disposto a pagare, con vista su un "paesaggio sfregiato"? E quando anche loro verranno, nei fine settimana, con gli amici e le famiglie, per quanto tempo dovranno sopportare sto brutto "paesaggio"? Dai, su, arrangiatevi voi genovesi... e se poi arriva l'alluvione, loro probabilmente saranno altrove!

    Ciao Ernest, buon pomeriggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh si hai centrato il problema, molto probabilmente questi no sanno nemmeno cosa vuol direi alluvione. Ti assicuro che il mio quartiere vive nel terrore ogni volta che piove un po' più forte, lo sguardo che lanciamo al Bisagno e al Fereggiano non è più quello di una volta ma è pieno di paura per le immagini che ancora abbiamo negli occhi...

      Elimina
  8. Ancora una volta caro Luca siamo allineati, ritrovo nel mio piccolo quello che ho scritto nel mio ultimo post sui pentastellati. Ti posso dire solo grazie di ricordare, di tenerci informati! Occorre sapere! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certamente vi terrò informati e lo dirò anche a Luca da parte di Ernest :-) :-) :-)

      Elimina

Latest Tweets

 
;