giovedì 1 settembre 2016

Reality day

Ora mi aspetto la richiesta di portare al ministero le fedi come dono alla patria natia. Se non fosse la realtà quella della campagna del fertility day, si potrebbe pensare ad un pezzo del film di Antonio Albanese.
Invece si tratta della triste realtà di un governo imbarazzante, composto da ministri impresentabili e impreparati, una su tutte la Lorenzin.
Quella che senza laurea si ritrova a capo del ministero della Sanità, e non ci sarebbe niente da ridire sulla mancanza di titoli se non per il fatto che ai comuni mortali un titolo del genere viene richiesto solo per mandare un curriculum al giorno d'oggi.
Forse il ministro non sa, o forse si, che la scelta di diventare genitore rientra nella sfera privata di una donna, di una coppia, non sa che in questo momento ci sono persone che per anni provano ad avere figli non riuscendoci, a volte andando incontro a momenti difficili, non sa che ci sono persone che scelgono consapevolmente di non averne e non vanno biasimati per questo,
Forse il ministro non sa, o forse si, che gli stipendi in questo paese sono fermi da anni, che non si rinnovano più contratti, che la stabilità di un posto di lavoro si ha solamente per pochi minuti, che il suo capo ha preso in giro tutti con la storia dei co.co.pro diventati voucher, che i Marchionne Boys ad un colloquio di lavoro chiedono ad una ragazza se vuole mettere su famiglia.
Magari ignora il fatto che i comuni mortali per mantenere i figli devono fare ore e ore di straordinario, che molti solamente grazie all'aiuto dei nonni riescono ad andare avanti, che vicino agli asili hanno aperto gli sportelli della Findomestic, che tra poco inizieranno le scuole e per quella che si chiama scuola dell'obbligo per comprare i libri ci vorrebbero 1400 giacche di Geppetto.
Consiglio un giro in quella che si chiama realtà.

20 commenti:

  1. Non sapevo dell'ultima cazzata del governo (difficile stare al passo, vista la forza propulsiva in questo campo), e sottoscrivo rigo per rigo quello che hai scritto tu.

    RispondiElimina
  2. "Feconda una donna ogni volta che l'ami
    così sarai uomo di fede:
    poi la voglia svanisce e il figlio rimane
    e tanti ne uccide la fame."
    Dalla canzone Il testamento di Tito, Faber.

    RispondiElimina
  3. Troppo choosy o bamboccioni per vedere la realtà

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono decisamente in un altro mondo.

      Elimina
  4. Mi viene in mente Enrico Beruschi quando a Drive in faceva il politico che voleva eliminare la poverta'facendo fare i figli ai ricchi e non facendoli fare ai poveri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Okkio che se ti sentono la mettono nel programma

      Elimina
  5. Infatti... ha sbagliato su tutti i fronti, un disastro a partire dall'oscena "campagna pubblicitaria". Bah.

    RispondiElimina
  6. Altra mancanza di rispetto dell'attuale governo.

    RispondiElimina
  7. ..so sanno lo sanno e non gliene frega un benemerito tubo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. inizio a pensare che siano anche molto limitati

      Elimina
  8. la Lorenzin forse non sa neanche quanto costa un litro di latte....

    RispondiElimina
  9. Ma poi scusate non è sempre della stessa banda che rompe le scatole a chi vuol fare la fecondazione etrologa? Per non parlare poi del diritto di genitorialità delle coppie omosex.
    Ma forse ricordo male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco la parola banda direi che suona bene

      Elimina
    2. a parte che il diritto di solito è del nascituro, almeno ricordo così.
      Forse questa campagna espressa male e proposta peggio voleva ricordare alcune cose banali:
      1° senza natalità il futuro è nero
      2° Più aspetti più è difficile

      Questo, volendo guardare oltre potrebbe essere anche una campagna di risparmio per la sanità pubblica che in questo settore vede i numeri sempre in aumento.
      Immagino le critiche (già lette) sulla mancanza di lavoro, sulla precarietà, sui servizi, ecc.
      Eppure gli immigrati lo fanno, spesso sono famiglie monoreddito(e non chissà quale reddito) e praticamente mai monofiglio
      Ma forse loro hanno poteri speciali o noi abbiamo altre priorità.
      Ripeto, licenzierei in tronco i responsabili della comunicazione ma non credo sia tutto sbagliato ciò che viene comunicato!

      PS
      Vera non faccia confusione, capisco che preferisce una posizione comoda e di facciata ma eterologa e utero in affitto(questa è l'unica genitorialità omosex) sono argomenti con mille sfaccettature, troppo comodo guardare solo ai diritti degli adulti senza pensare ai piccoli!

      Elimina
  10. Ernest, guarda che se questo Paese va avanti come sta andando, dovremo portare ben altro alla "patria natia", insieme alle fedi nuziali!!

    Ciao Ernest. Espresso il mio pessimismo, passo a considerare la recente campagna sulla fertilità by Lorenzin. Comicità, pessima comicità alla quale, una minoranza, ha giustamente replicato, indignata. Se, però, si fa un giro in rete, ci si accorge che molti, tanti in verità, la difendono... e, quindi, perfettamente in linea con quello che è questo Paese. Tragicamente comico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carlo
      concordo e aggiungo che come spesso dico si sta a criticare i politici o gli amministratori dimenticando che nella spesso chi li elegge è peggio, oppure molti concordano con quello che fanno... che dire.
      un saluto

      Elimina

Latest Tweets

 
;