giovedì 11 maggio 2017

Festival dell'Acquedotto di Genova


Fare Teatro può avere differenti scopi. Da quello più accademico a quello ludico, dal ritrovare sé stessi al rappresentare una personalità nascosta. 
Il mezzo teatrale però spesso ha funzioni sociali, di collegamento tra i territori, di valorizzazione delle periferie. In molti casi si occupa degli ultimi, di quelli che vengono dimenticati, quelle persone che nei bilanci sono solamente dei pesi da eliminare. 
Il Teatro dell'Ortica di Genova col quale collaboro da anni lavora con la psichiatria, col carcere, con la disabilità, con le donne maltrattate e i maltrattanti. 
Inoltre, da ormai nove anni organizza a partire da giugno il Festival Teatrale dell'Antico Acquedotto, con spettacoli, dibattiti e camminate che si svolgono proprio sulle vie dell'acquedotto. Un percorso pedonale lungo quasi 28 km, una meraviglia architettonica immersa nel verde.
Sette settimane di spettacoli all’aperto, conferenze, percorsi spettacolarizzati (le “stondaiate”), in luoghi dall’atmosfera magica, magari a pochi passi da casa ma spesso nascosti. 
Come al solito non ci sono certezze sui finanziamenti pubblici per eventi come questi. Tenete presente che la maggior parte degli eventi è gratis per dare a tutti la possibilità di accedervi. Per questo motivo da oggi è possibile sostenere il Festival anche con una piccola donazione andando sul sito https://www.produzionidalbasso.com/project/festival-teatrale-dell-antico-acquedotto-2017/. Una campagna crowdfunding con ricompense.
Al nono Festival dell'Antico Acquedotto parteciperanno 6 compagnie teatrali esterne (Stalker Teatro di Torino, Teatro Invito di Lecco, Beppe Casales, Mimmo Sorrentino e i Teatro dell'Argine di Bologna, Teatro Ipotesi di Pino Petruzzelli)  oltre agli artisti del Teatro dell Ortica, per un totale 14 spettacoli, 2 laboratori teatrali, 5 incontri culturali e 2 "stondaiate". Quest'anno ci sarà anche l'anteprima festival dal 15 al 19 giugno dedicata al Teatro dei bambini.
Organizzeremo anche le stondaiate. Percorsi lungo l'antico acquedotto accompagnati dalle narrazioni di Mauro Pirovano e dalla chitarra di Marco Cambri.
Le donazioni andranno a coprire le spese di gestione organizzativa e permetteranno di mantenere la maggior parte degli spettacoli gratuiti.
Capisco che in questi momenti per tutti non sia facile donare qualcosa vi sono comunque grato per aver letto tutto fino a qui. Se potete condividete.

5 commenti:

  1. Bellissime iniziative, davvero!!! *_*
    (certo che divulgo!)

    RispondiElimina
  2. Fatto! Sarebbe bello esserci

    RispondiElimina
  3. Bello davvero, ti sostengono da lontano.

    RispondiElimina
  4. queste son iniziative lodevoli, bravi

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;