mercoledì 24 maggio 2017

Soluzioni 2.0

Mi spaventano le certezze di molti.
Viviamo in un'era in cui abbiamo la possibilità di comunicare in ogni momento ma spesso non diciamo niente. Di leggere qualsiasi cosa, ma se è più lunga di 5 righe ci stufiamo subito. Di documentarci ma la fatica poi ci frena. Postare in un nano secondo ciò che succede nella stanza accanto, ma quando siamo in ascensore col vicino parliamo del tempo.
Leggendo commenti in giro per il web, sui social, sotto gli articoli di giornale spesso sembra di essere circondati da persone che non hanno dubbi. Quelli che hanno una soluzione per tutto, quelli che un minuto dopo una strage, un evento drammatico, una crisi o quant'altro hanno pronta la soluzione descritta in poche righe, rigorosamente solo su internet.
Già perché poi tutta questa gente con le soluzioni in mano di solito sparisce, dimenticando totalmente il reale significato della parola partecipazione.
Preferisco avere sempre dubbi, seguire i miei valori, le mie idee e perché no anche quelle brutte e sporche ideologie che sembrano ormai colpevoli di qualunque cosa. Ma avere sempre dei dubbi e non arrivare un secondo dopo con la soluzione pronta presentata con un nickname per giocare a fare il razzista magari con un post scritto mentre si sta entrando in Chiesa. 
Tempi moderni dico, forse era meglio il Medioevo.

24 commenti:

  1. Cinque righe? Ma chi riesce ancora a leggere cinque righe è l'orbo nella terra dei ciechi! Una riga, leggono, e recepiscono solo le parole tiraclic! Magari ci fosse ancora qualcuno, nell'immenso marasma dei webeti, in grado di leggere cinque righe...

    RispondiElimina
  2. Si infatti, questa cosa che taluni possano dire tutte le cattiverie del mondo, restando nell'anonimato è vergognosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' così Sara in pratica il Bar di una volta si è spostato on line solo che al bar uno ci metteva la faccia, qui invece tutti eroi anonimi

      Elimina
  3. "SOLO L'ASSENZA DI CERTEZZE PUÒ AIUTARCI A RESTARE LIBERI"
    (Roberto Esposito)

    RispondiElimina
  4. Forse il medioevo no.. ma dopo Manchester s'è di nuovo scatenata la caccia all'estremista, anzi, al musulmano che non si integra, e pure se si integra non è vero che si è integrato, per cui ricacciamoli tutti fino alla terza generazione, ributtiamoli in mare, chiudiamo le frontiere, che Trump ci aiuti a costruire muri, restiamocene qua...e guai a te se ti rivedo con un kebab in mano!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spesso Il Medioevo mi sembra avanti in molte cose rispetto a noi

      Elimina
  5. Eh bel dilemma!
    Beata ignoranza?!?

    Siam fratelli Ernest!
    Hai scritto bene.

    Non leggo mai i commenti ai giornali web, ho un amico che me li riporta e salvati cielo. Che spreco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io spesso cerco di evitarli ma purtroppo con questa gente dobbiamo anche farci i conti, perché sono le stesse persone che poi abbiamo vicino. E' spaventoso...

      Elimina
  6. Più aumenta l'orrore e più crescono le mie incertezze

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già e non solo quello. Prendiamo ad esempio la faccenda dei vaccini ora come per magia tutti medici esperti...

      Elimina
  7. Siamo tutti uomini che non devo chiedere mai, non devono chiedere più.
    Che pregano per e #iosono, ma finisce qui.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sembra una corsa verso un muro a 200 all'ora

      Elimina
  8. Sicuro che era meglio il medioevo. A quei tempi gli schiavi si chiamavano schiavi, mica co.co.co. o co.co.pro.

    Io quando sento i racconti di mio padre che è cresciuto nel dopoguerra, vivo delle atmosfere che sembrano lontanissime ma capisco che si viveva in un modo diverso e non voglio dire meglio o peggio. C'era più socializzazione, c'era dialogo e senso della comunità. Abbiamo guadagnato nel tempo i progressi tecnologici, medici, scientifici però abbiamo perso in umanità. Ed è questo il fatto grave. L'essere umano ha perso l'empatia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, c'era più comunità ora sembriamo delle schegge impazzite a 200 all'ora solo portate dal bisogno individuale, non è così per tutti ma la sensazione è di essere sempre più soli

      Elimina
  9. Paradossalmente hai ragione, era meglio il medioevo perché almeno in quei tempi gli amanuensi raccoglievano la cultura per i secoli futuri Oggi stento a vedere amanuensi moderni ed è vero tutto si deve concentrare in poche righe dense di verità assolute e possibilmente con fotina allegata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ora mi domando quanti prendono ancora una penna in mano... troppo tempo ci vuole

      Elimina
  10. I tuoi dubbi sono anche i miei, sono perfettamente d'accordo con la tua analisi.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  11. Concordo con il tuo post.

    Tra certezze e incertezze scorre una realtà sempre più liquida.
    La demonizzazione delle ideologie ha addormentato lo spirito critico e diluito il pensiero autonomo in quello unico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi spaventa tutto ciò, se poi vogliamo parlare di tutti quelli che hanno preso una laurea in medicina su internet

      Elimina
  12. A me spaventano più questi molti con tante certezze :) Una massa di imbecilli :))

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;