giovedì 12 luglio 2018

Liberi tutti


Forse la soluzione è questa. Trovare qualcuno ancora disposto a giocare, accoglierlo, tenendo aperte le porte. Dare la priorità al sorriso, alla follia, alle regole inventate, cambiate e ancora una volta ridisegnate. 
Trovare un muro, c'è l'imbarazzo delle scelta, e poi contare, ma non come vogliono tutti, come comandano. Passare dall'uno al cinque per poi tornare indietro e fare un salto in avanti. 
Barare perché no!!! Con la coda dell'occhio cercare di capire se c'è qualcuno dietro a quel muro, se lo vogliamo trovare davvero, oppure fare i conti con il nostro istinto che ci porta a nasconderci con lui, ad essere lui prima o poi. Anche se non lo vogliamo capire, non lo vogliamo ammettere. 
Ascoltare i rumori. Passi veloci, lenti, passi pesanti, che scappano. Porte che si chiudono, chiavi che girano per non fare entrare nessuno, proprio nessuno. 
E l'odore? Perché no. Pochi istanti per tornare a quel profumo di ragù di prima mattina, di minestrone alla sera, a quel dell'arrosto per il giorno dopo rubato dalla pentola di terracotta. Odori che ci rassicurano come il rientro a casa, così prezioso, così unico, spesso dato per scontato. Per molti inesistente. 
Domani sarà il caso di trovare un altro posto. 
Oppure no. 

10 commenti:

  1. La foto che hai scelto è splendida mi fa venire in mente le interminabili partite a nascondino nelle sere d'estate, quando si era autorzzati a stare fuori fino a che c'era luce e scovare trenta compagni di gioco era un'impresa che durava fino al libera tutti o finché le mamme urlavano di salire che era tardi

    RispondiElimina
  2. Che bel post ! Mi ricordo i giochi estivi e l’immancabile nascondino!

    RispondiElimina
  3. Insomma scatenare la fantasia da grandi vuol dire riprendersi un bel po' di libertà.

    RispondiElimina
  4. Foto bellissima e scelta con molta intelligenza. C'è muro e muro, quello unificativi del nascondino e quello divisorio di ben altro genere, quello che potrebbe sgretolarsi se ci fosse la curiosità di sentire i suoni e magari anche poi vedere i volti dalle altre parti. Resta il fatto che cmq il problema dei migranti va in qualche modo risolto e la cooperazione a questo punto mondiale deve essere la strada altrimenti l'altra "soluzione" la stiamo già vedendo in atto.

    RispondiElimina
  5. Il profumo di ragù di prima mattina, mi fa sempre pensare alla mia adolescenza e a mia nonna... al suo sugo della domenica. E' un'immagine che mi commuove e mi emoziona. Un post bellissimo e delicato, come l'immagine che hai scelto.

    RispondiElimina
  6. Bellissimo post, non si può aggiungere altro, e forse non si deve *___*

    Moz-

    RispondiElimina
  7. Mi hai fatto venire in mente, con un groppo allo stomaco, i vicoli di Genova.

    RispondiElimina
  8. Io lo vedo molto profondo questo post e ringrazio...
    Profondo perché ha come titolo la libertà di tutti,dall'interpretazione soggettiva ...all'introspezione che scava nei ricordi ...nei sapori ....negli odori e nei legami di un tempo andato ma non per questo escluso al continuare a credere nella possibilità che oltre il muro ,oltre le porte si possa scorgere l'amicizia ,l'amore e la condivisione per i veri valori...magari quelli di un tempo sempre presente..sempre in noi.

    Buona serata !

    L.

    RispondiElimina
  9. Finche sogneremo saremo liberi.

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;