martedì 21 febbraio 2017

Ecce Pd


"No, veramente, non mi va. Ho anche un mezzo appuntamento al bar con gli altri. Senti, ma che tipo di festa è? Non è che alle dieci state tutti a ballare i girotondi e io sto buttato in un angolo, no? Ah no, se si balla non vengo. No, allora non vengo. Che dici, vengo? Mi si nota di più se vengo e me ne sto in disparte o se non vengo per niente? Vengo. Vengo e mi metto, così, vicino a una finestra, di profilo, in controluce. Voi mi fate: "Michele vieni di là con noi, dai", e io: "andate, andate, vi raggiungo dopo". Vengo, ci vediamo là. No, non mi va, non vengo. Eh no, sì. Ciao, arrivederci. Buonasera."

Non dedico molto tempo alle vicende del Pd, ma quello che sta succedendo nella direzione di casa Renzi ha qualcosa di cinematografico, di teatrale. Con personaggi caratteristici che lasciano intendere di voler fare le valigie per poi ripensarci all'ultimo minuto  quasi sul pianerottolo di casa. 
Non si scherza in questi casi, trattasi di alta politica. 
Manca solo la finestra e un po' di penombra poi la scena potrebbe essere la stessa, basta sostituire Michele Apicella con uno dei presenti a caso.

25 commenti:

  1. Una commedia su cose troppo serie che non fa ridere.

    RispondiElimina
  2. Ahaha, quanto hai ragione!
    Perdipiù così facendo continuano a darsi la zappa sui piedi da soli, consegnando il paese a altri...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per non parlare appunto degli altri...

      Elimina
  3. Il Signor G definirebbe la situazione: operetta.

    Mah, leggo qualche titolo e poi penso che sono ridicoli.
    Renzi, poi non l'ho mai digerito. Mi ricordo che lo stesso Moretti qualche anno fa su un palco a Roma disse: " ... con questi dirigenti non vinceremo mai."

    https://youtu.be/LZ-J3eaHEO0

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e alcuni di quelli ci sono ancora pensa.

      Elimina
  4. D'Alema poteva andarsene 20 anni fa ed era meglio per tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cosa penso di D'Alema probabilmente lo sai, dico anche che non sarebbe cambiato poi molto, perché il concetto sbagliato è quello di avere paura o non voler essere un partito di sinistra. Ci sono problemi al mondo che richiedo una risposta vera di sinistra ma qui si continua a fare la corsa alla destra a proposte populiste il risultato è sotto gli occhi di tutti

      Elimina
  5. Un bel modo di porgere il fianco ad altri...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questi non hanno nemmeno più fianchi
      a presto

      Elimina
  6. Divertentissimo e tragicamente amaro :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e aggiungerei che fanno anche tristezza

      Elimina
    2. Quella è sempre certa, ahimè -_-

      Elimina
  7. Oramai il Pd renziano è alla farsa con un nuovo capocomico,Michele Emiliano.

    RispondiElimina
  8. e l'intrattenimento continua...
    Armi di distrazione di massa mentre i fascisti si riprendono le piazze.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le piazze sembrano davvero in mano a chi sbandiera slogan contro il diverso, quello che ha la colpa di tutte le disavventure. Preoccupante

      Elimina
  9. Se non fosse da piangere ci sarebbe da,ridere

    RispondiElimina
  10. Scissione o non scissione: questo è il problema!
    In fondo l' economia va alla grande, ormai siamo la terza potenza mondiale. La scuola è stata rimessa in sesto, la corruzione debellata, la mafia cancellata, il traffico non c'è più perché l' Italia è piena di piste ciclabili. Cosa vuoi di più? Ora il pd si può sbizzarrire a perder tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. va tutto a gonfie vele direi, mi sembra davvero assurdo

      Elimina
  11. Sintesi perfetta ed anche divertente... se non fosse che il paese reale è completamente allo sbando. Ho seguito questa fase politica del Pd assalito da continuo disgusto e rabbia. Disgusto per i tanti che hanno offerto un penoso spettacolo, dopo aver minacciato fuoco e fiamme. Disgusto per l'arrogante atteggiamento dei così detti renziani, ieri contestati ed oggi blanditi dalla maggior parte dei "secessionisti". Se, forse, nel recente passato avevamo posto una seppur minima speranza verso questo Pd, se non altro per mettere fine all'epoca berlusconiana, oggi, carissimo Ernest, siamo sicuramente rimasti senza riferimenti e senza speranze. E lo saremo chissà per quanto tempo ancora.

    Ciao Ernest

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carlo
      ormai è un partito che ha deciso di non essere più interessato ai temi di sinistra, ha sposato la causa del centro con deviazione a destra, temi legati alla Chiesa e quant'altro. E' l'eterno errore di avere paura di osare a sinistra mentre dall'altra parte avviene completamente l'opposto.
      La sensazione è davvero quella di essere sempre più isolati
      a presto

      Elimina

Latest Tweets

 
;