giovedì 6 ottobre 2011

Silviochet ha trovato il modo di riempire gli stadi di calcio...

Si lo so. Pare che i nostri blog non verranno toccati dal decreto. Pare.
Vittoria? Mezza forse, direi più un contentino per far star bravi i bambini che passano le ore notturno a scrivere poesie, ricette, post sulla politica, sulla cultura, sui libri invece di guardare con le pantofole addosso e la copertina una bella intervista a Omar trasmessa da Matrix.

Chi vi dimora — nella tomba — ha un privilegio che non è esercitato da nessun’altra persona vivente: la libertà di parola. Chi è in vita non è del tutto privo, in senso stretto, di un tale privilegio, ma lo possiede solo come vuota formalità: sa di non poterne fare uso, e non può dunque essere considerato come un effettivo possesso. (Mark Twain, Libertà di stampa)

Già perchè ciò che aleggia in queste ore è un'aria malsana di dittatura similcilena, una sorta di mano che getta il sasso in una siepe per far guardare dall'altra parte mentre con l'altra fa qualunque cosa senza le noiose interruzioni democratiche.

A volte sopprimiamo un’opinione per ragioni che ci fanno onore, non onta, ma più spesso lo facciamo perché non possiamo sostenere l’amaro costo di dichiararla. Nessuno vuole essere odiato e a nessuno piace essere evitato. Il risultato naturale di questa condizione è che, consciamente o inconsciamente, prestiamo più attenzione ad accordare le nostre opinioni con quelle del nostro vicino e a mantenere la sua approvazione, piuttosto che a esaminarle con scrupolo per vedere se siano giuste e fondate. (Mark Twain, Libertà di stampa)

La prigione. Le sbarre. La reclusione. La sfida più grossa... rinchiudere le parole. Portare le persone, in questo caso i giornalisti, a non provarci nemmeno altrimenti "in gabbia". E guardate che la sensazione è quella che alla fine questo provvedimento faccia schifo anche a pochi politici dell'opposizione. Perchè quando il popolo sa è un problema, quindi meglio il silenzio.

Questa abitudine conduce necessariamente a un altro risultato: l’opinione pubblica che nasce e si alimenta in questo modo non è affatto un’opinione, è semplicemente un’abitudine; non suscita riflessioni, è priva di princìpi e non merita rispetto. (Mark Twain, Libertà di stampa)

Meglio che si continui a parlare solo di processi alla Jessica Fletcher, di diete e gossip e lasciar perdere il resto che non è "attinente", che certe cose non si devono sapere su, che se uno fa i festini mentre poi proclama l'importanza della famiglia DOC nella società non deve interessare, che se uno invita un ricercato a scappare non deve interessare, che se uno durante un capodanno chiama un amico dicendogli che devono parlare con quello che ci "aiuta per le televisioni" mica deve interessare al popolo.

Silence Please! Silviochet ha trovato il modo per riempire gli stadi in futuro...



...naturalmente in diretta su Premium.



20 commenti:

  1. "la sensazione è quella che alla fine questo provvedimento faccia schifo anche a pochi politici dell'opposizione"
    A me pare ben più di una sensazione.

    RispondiElimina
  2. Penso che faccia schifo anche ai giornali di regime e mi aspetto, da parte della Stampa tutta, una protesta epocale,anche se ciò ci porterà ancora una volta sulle facciate del mondo.
    Cristiana

    RispondiElimina
  3. Resta solo una cosa da fare, radicalmente! (Evidentemente i tempi non sono ancora maturi).

    RispondiElimina
  4. niente, sei proprio un pessimista, che fa rima con comunista.... ahah!
    ciao compagno, nulla da aggiungere

    RispondiElimina
  5. Taglio ai finanziamenti e ora prigione per i giornalisti.. Il coro sarà sempre più ad una sola voce :-(

    RispondiElimina
  6. io ho dato un'occhiata all'intervista a quel ragazzo, mi ha fatto una brutta impressione. Non lui ma il contesto. Senza pubblico, senza spot prima della trasmissione: cos'è avevano paura che qualcuno lo uccidesse o che un telespettatore abituale non si collegasse?

    E poi le domande di Vinci "tu cosa pensi di quello che hai fatto?" Bah... non so che dire, ho resistito 5 minuti poi ho spento il televisore.

    RispondiElimina
  7. Leggi fasciste contro la libertà di tutti.

    RispondiElimina
  8. Se ci rinchiudono ci intervistiamo a vicenda? :-P

    RispondiElimina
  9. Sì, forse sei troppo pessimista. Non che le cose come sono adesso non siano destinate a trascinarsi per mesi ancora ...

    RispondiElimina
  10. splendide le citazioni da Twain

    un abbraccio

    RispondiElimina
  11. La legge bavaglio è un missile a due stadi.
    Quando si sono accorti che uno non bastava, hanno fatto finta di rinunciare all'obiettivo.
    In futuro, una volta tacitata la stampa, per loro sarà un gioco da ragazzi, oscurare i blog.

    RispondiElimina
  12. è già una dittatura. anche se sono stati esclusi i blog, resta un provvedimento che limita la libertà e creerà dei casini enormi

    RispondiElimina
  13. Ho il timore che magocamillo abbia ragione...

    RispondiElimina
  14. Il nano è più pericoloso di Pinochet,perchè agisce nell'ombra,è mille volte più infido.Il contentino ai blogger,è la pillola per indorare la mannaia per gli altri.Siamo alla dittatura,ne più ne meno.

    RispondiElimina
  15. Che dire, è il momento più illiberale della Storia repubblicana, come minimo.

    RispondiElimina
  16. Mi sa che i delitti sono sempre stati una manna per distrarre l'opinione pubblica in tempi di crisi.

    RispondiElimina
  17. leggevo su wired una statistica interessante, ovvero che le rivolte in medio oriente, in Egitto, Tunisia e Libia, hanno avuto una svolta decisiva quando i regimi hanno bloccato internet. ovvero è come se la gente, non avendo più lo strumento telematico per comunicare, si sia riversata nelle piazze per passare alle vie di fatto. se accadesse anche qui, saremmo in grado di fare lo stesso?

    RispondiElimina
  18. Leggevo proprio in questi giorni di un nuovo museo sulla stampa a Washington. Fra le altre cose c'è un grande plastico sulla libertà di stampa nel mondo. In Europa l'unica nazione che ha il bollino rosso è l'Italia.

    RispondiElimina
  19. @harmonica. no direi proprio di no amico.

    @volpe. un abbraccio a te Volpe! Ma da te non si può più commentare?

    @alberto. appunto....

    RispondiElimina
  20. Visto che Alberto mi ha preceduta...Buona giornata Ernest ;-))

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;