martedì 20 dicembre 2011

La quotidianità della fine del mondo

Segnatevi questa data.
21-12-2012, la fine del mondo.
Ora segnatevi anche il 20, poi il 19, il 18, il 17, poi tutto il mese precedente, quello ancora prima, l'anno scorso e ancora l'altro. Insomma tutto.
Qui non si tratta di Maya o altro ma di noi.
Perchè la fine del mondo è già in atto da anni, sotto i nostri occhi. La profezia parla di distruzione e disastri. Provate ad aprire gli occhi quando uscite di casa, guardate quello che succede nella quotidianità e allora vi accorgerete che la fine del mondo è nello sguardo di quella persona che all'uscita dalla chiesa manda un'occhiataccia al mendicante quando qualche minuto prima ha recitato un passo del vangelo a memoria.
E' nel razzismo che ogni giorno si manifesta in diverse maniere da soft a violento.
E' nelle manovre di quelli che in mezzo al traffico ti devono superare per forza, magari sulla destra, magari mentre dall'altra parte sta arrivando una moto e magari vogliono avere anche ragione,
E' nelle persone che non capiscono che da uniti si possono raggiungere obiettivi e quindi rimangono a lavorare durante i giorni di sciopero, magari guardandoti anche male perchè tu lo fai.
E' in quelli che si fanno chiamare giornalisti ma sono solo compilatori di veline governative.
E' nelle scarpe consumate delle persone che marciano dagli anni 70.
E' nel rifiuto di un mutuo.
E' nello 0,5% in più che guarda casouna banca mette sempre a suo favore.
E' nel voler far passare per ricchi chi ha 5mila euro sul conto magari in due.
E' nel costringere chi lavora con disabili, anziani, tossici, uomini e donne senza fissa dimora, immigrati a scendere in piazza per chiedere un trattamento più dignitoso e magari un contratto.
E' nei conti correnti e nei redditi di tutti i dirigenti capici solo di chiedere disponibilità ed elasticità ai loro dipendenti, quando l'unico posto fisso nel paese è il loro.
E' nei ministri dalle lacrime facili, che non riescono a dire la parola sacrifici perchè loro non li hanno mai fatti, perchè piangono e due minuti dopo ti dicono con "garbo" e "gentilezza" che per far andare bene il paese devi essere licenziabile e guadagnare sempre meno.
Qui neanche l'Arca...

30 commenti:

  1. Pensavo la stessa cosa: la fine è già in corso - bisogna vedere se il collasso sarà repentino come il crollo delle torri, oppure se sarà con un effetto domino orizzontale. In ogni caso i sistemi chiusi (come è anche la vita umana sul pianeta in cui viviamo) tendono sempre all'omoestasi, quindi ci saranno compensazioni che neanche, forse, possiamo immaginare ancora...

    RispondiElimina
  2. giusto: le persone che si stanno tanto a preoccupare della fine del mondo farebbero meglio a osservare con più attenzione ciò che hanno accanto.

    RispondiElimina
  3. Il tuo post è una splendida fotografia.
    Anche se drammatica.

    RispondiElimina
  4. ma nemmeno Nostradamus l'aveva vista così brutta ...

    RispondiElimina
  5. Il problema è che non è la fine del mondo, così come non lo è stato la seconda guerra mondiale, il sessantotto, il quarantotto, la peste bubbonica.

    E' l'umanità e la vita umana, una eterna battaglia che non finirà finché non sarà passato l'ultimo uomo sulla terra.

    E' tutta questione di scegliere di lottare o meno.

    RispondiElimina
  6. I sacrifici li devono sempre fare gli altri, chi li decide mai.
    Come la guerra, uguale.
    Che mi sia venuta in mente la guerra come paragone, non è un caso.

    RispondiElimina
  7. Certo la fine del mondo è lì dove dici che sia, ma se non vogliamo crederci, forse qualcosa tutti insieme si può ancora fare

    RispondiElimina
  8. Tanta verità nel tuo post.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  9. Cruda verità! Ma la data Maya non era nel 2012?

    RispondiElimina
  10. @Conte di Montenegro. Oops piccolo errore di battitura... o forse volevo essere ottimista. Rimandare. Sorry!

    RispondiElimina
  11. Da un po di tempo, è un susseguirsi di trasmissioni pseudoscientifiche dove nomi altisonanti di studiosi di storia e di scienze, si "accappottano" dopo aver affrontato voli pindarici allo scopo di trovare le corrispondenze tra il calendario dei Maya e le profezione di Nostradamus, e dimostrare la catastrofe imminente.

    Ti prometto che dei prossimi prenderò il nome e mi impegnerò a contattarli per invitarli a leggere questo post. Altro che Maya!!!

    Ciao Ernest, buon pomeriggio a te.

    RispondiElimina
  12. L'hai scritto, quelli che hanno scordato cos'è la lotta unitaria.
    Il repentino cambiamento di fronte di bonanni e angeletti mi danno da pensare, la Camusso poteva intervenire prima, nella manovra di luglio, l'unico sindalista che merita il mio rispetto tra i confederati è Landini della FIOM e anche Cremaschi, pochi per riannodare i fili.

    RispondiElimina
  13. @Tina. li aggiungo eccome... ieri infatti in corteo quando ho visto la Fiom ho ripreso fiato!

    RispondiElimina
  14. La terra tirerà a campare ancora qualche centinaio d'anni.E' la civiltà che si è istinta da un bel pezzo.

    RispondiElimina
  15. Ernest per noi è la fine della nostra dignità, della nostra libertà, della nostra vita sociale.

    ps. Grazie per il tuo cordialissimo commento al mio ultimo post.

    RispondiElimina
  16. Sono anni che appena si provava a discutere di questi fatti la gente ti rideva contro, appellandosi a fantasiose supposizioni dei loro media preferiti. Sono stanco di gridargli contro e fargli capire che la teoria della farfalla non è un'ipotesi fantasiosa, che la vita su questo fottutissimo pianeta non è una parentesi temporale, ma un complesso ciclico evolutivo...si può continuare ad urlare, ma in pochi ascolteranno.

    RispondiElimina
  17. ..alcuni ancora aspettano il botto. O il fischio d'inizio..

    RispondiElimina
  18. Ma noi siamo degli instancabili ricostruttori! poi chi non voleva capire, adesso dovrebbe aver capito!

    RispondiElimina
  19. Ti auguro anche a te delle serene feste; salutoni a presto.

    RispondiElimina
  20. niente da dire su quello che dici. voglio continuare a sperare, in fondo non sei il solo "ernest" in giro fortunatamente...

    RispondiElimina
  21. Come sempre tagliente e veritiero. Purtroppo è la loro fine e la fine di tutte le assurdità che non vedremo mai.
    Ciao Ernest, io per distrarmi accendo e fotografo candele,ogni tanto datti un po' di pace anche tu.
    Francesca

    RispondiElimina
  22. E' nell'azienda che ti obbliga a smontare macchinari da portare all'estero e sta delocalizzando e praticamente ti chiede un suicidio lavorativo.

    RispondiElimina
  23. Il 21 Dicembre 2012 non finisce il mondo lo si cambia RIVOLUZIONE ROSSA!!! MAGARI!!!

    RispondiElimina
  24. Ciao Ernest, sei troppo ottimista..o troppo pessimista. In fondo il mondo non è mai davvero peggiorato..e a seconda del momento potrebbe essere un bene, o un motivo di sconforto! Cmq buon anno :)

    RispondiElimina
  25. E meno male che non c'è manco l'arca, forse un mondo così non merita un futuro.

    RispondiElimina
  26. Tanti auguri Ernest, Buon Natale!

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;