giovedì 4 ottobre 2012

Chi la fa più grossa vince un vitalizio!

Quello a cui stiamo assistendo è una sorta di gioco infantile a chi la fa più grossa, una specie di gara a premi dove il vincitore si aggiudica un vitalizio da migliaia di euro, una pensioncina baby d'oro oppure un incarico a vita.
Mancano solo le gradinate per accomodarsi, le palette per votare con solo voti positivi perchè guai a essere critici e poi il format potrebbe essere pronto per un palinsesto televisivo neanche tanto trash.
Potremmo assistere in questa maniera alla carrellata di politici ladri, funzionari travestiti da Arsenio Lupin, portaborse pieni di documenti compromettenti, aspiranti amministratori con tanto di curriculum di Project Party.
Perché questo è quello che stiamo vivendo.
Un reality vero dove i concorrenti non hanno copione, lo creano da soli, puntando sempre verso il peggio. Perchè episodi, che ormai non lo sono più ma rappresentano la routine, come quello di Tributi Italia che si intascava le tasse come li vogliamo catalogare?
E vogliamo parlare del fatto di Lecco dove il presidente dell'Aler  (Azienda lombarda per l’edilizia residenziale), del Pdl,  beccato a parcheggiare la sua "povera" Jaguar in un posto per disabili è stato multato a causa  della "chiamata" dei vigili da parte dell'uomo che aveva realmente diritto a quel posto. Finito qua? Ma figuramoci, nel nuovo reality bisogna spararla ancora più grossa anzi farla. Quindi perchè non tagliare le gomme della macchina della persona disabile?!? Detto, fatto.
Avanti il prossimo che la classifica va mossa.

15 commenti:

  1. Il problema è che queste cose si sanno da anni. La domanda da porsi è: perchè saltano fuori tutte ora? Probabilmente c'è una regia occulta, che, come succede spesso (sempre?) in Italia, vuole cambiare tutto, perchè nulla cambi ... stiamo attenti ai gattopardi.

    RispondiElimina
  2. Erne', dici avanti "il prossimo?", altro che "il" ce ne sono in quantità industriale di svergognati personaggi tanto che occorrerà munirli di numeretto come la fila all'Ufficio postale.

    RispondiElimina
  3. Come Alligatore, anch'io ho l'impressione che stiano tentando di farci fessi.

    RispondiElimina
  4. infatti, come dicono altri, c'è da chiederselo come mai proprio ora stanno saltando fuori tutte queste cose, quando da anni vengono compiute, evidentemente con la connivenza di molti.

    RispondiElimina
  5. Scusate, ma a sto' punto quello della jaguar farebbe meglio a posteggiarla in un'altra città pechè conoscendo la targa gliela si farebbe trovare nuova...fra uno sbrego e l'altro..
    ..e comunque, sono d'accorodo, sento puzza di bruciato anch'io.

    RispondiElimina
  6. Questa è una marea.
    Se apriamo la bocca per lamentarci.. affoghiamo..!
    Quindi cambio argomento e ti racconto una barzelletta tratta dal web.
    ---------
    In prigione a Genova

    - Perché sei qui tu?
    - Perché ho rubato dei gioielli infrangendo la vetrina con un mattone
    - E ti hanno preso sul fatto?
    - No, il giorno dopo quando sono andato a riprendermi il mattone!

    RispondiElimina
  7. Io temo che questa scalata a chi la fa più sporca, apra la strada a un "uomo forte", per il quale gli italiani hanno un naturale propensione.
    Circa il tipo della jaguar: direi che chiunque parcheggia nel posto riservato ai disabili, meriterebbe che la patente gli venisse stracciata. Chiunque.

    RispondiElimina
  8. il sonno della democrazia genera mostri

    RispondiElimina
  9. Continuo amaramente a pensare che se anche venisse fuori un grosso sdegno popolare poi questo andrebbe, come già per Tangentopoli, a rifluire o, forse, a costituire le basi per, un movimento reazionario di massa.

    RispondiElimina
  10. Lascio perdere per un attimo quello della Jaguar e mi soffermo su quello che intascava i soldi delle tasse dei comuni. Ma cosa credeva? Di farla franca?

    RispondiElimina
  11. @alberto. vero, credo però che in questi personaggi si sia creata una sorta di onnipotenza contro la legge, cioè il pensiero di poter fare qualunque cosa intanto poi eventualmente si può contestate il giudice, magari si becca solo qualche anno di servizi sociali, oppure come è già successo poi qualche amico entra in politica e ti fa la leggina per salvare tutti.

    RispondiElimina
  12. Molto arduo decidere chi merita il vitalizio.
    Ma aspettiamo, ne vedremo ancora delle belle finchè non finirà questa ondata di merda. E prima o poi DEVE FINIRE!
    Cristiana

    RispondiElimina
  13. Al tizio della jaguar ho scritto che gli aprirei un corridoio dagli occhi al cranio posteriore per far prendere aria i aui neuroni.

    Il tizio delle imposte rubate...aveva i precedenti e gli hanno riaffidato l'incarico.

    In piemonte prima sono stati eletti al Comune di Torino, nelle circoscrizioni...e dopo hanno trasferito la residenza a Cuneo, solo di rimborso chilometrico 7 mila euro all'anno pro capite, sono residenti in 89 nella stessa casa.

    Non è più tempo di correttezza, è tempo di prenderli a cazzotti.

    Anch'io sento puzza di regia occulta ma non troppo, oggi ho visto i ragazzi a Torino che le prendevano, ma non si sono tirati indietro, speriamo che non sia un fuoco di paglia.

    Buona serata Ernest ;-))

    RispondiElimina
  14. Questi giocano veramente a chi la fa più grossa....solo che noi continuiamo a tenerli lì...

    RispondiElimina
  15. Il fatto di Lecco è allucinante.

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;