giovedì 14 maggio 2015

Che roba contessa!

Ci sono fatti difficili da commentare, avvenimenti che dovrebbero uscire dai riflettori dei media per intraprendere il loro corso giudiziario, soprattutto quando come protagonisti ci sono dei ragazzi giovani.
Il caso è quello dello studente di Padova morto in gita cadendo dal balcone della camera dell'hotel in cui pernottavano.
Lasciando perdere i particolari della storia, ciò che mi ha colpito sono le parole della preside del liceo Nievo di Padova, sul silenzio dei compagni di stanza del ragazzo...

"Non penso che siano omertosi, sono ragazzi intelligenti, figli della migliore borghesia di Padova e sono convinta che i loro genitori siano disponibili a parlare con loro perché capiscono che le cose verranno fuori comunque"

...ebbene sì, esistono ancora persone che ragionano in questi termini. Sentire una preside, ed evito di polemizzare sul potere che avranno d'ora in poi, parlare di "figli della migliore borghesia" mi fa venire in brividi. Chissà magari la professoressa cataloga anche gli studenti secondo il metodo lombrosiano, oppure si limita alla solita distinzione di classe... il figlio dell'operaio non può fare l'università, non può capire i classici e soprattutto non si può iscrivere al liceo, al massimo un professionale.
Meno male che esiste ancora la migliore borghesia in questo paese, mi fa sentire tranquillo.
Però... che roba Contessa!

34 commenti:

  1. Senza parole! tristissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. davvero triste Sara e pensa cosa può insegnare questa donna...

      Elimina
  2. E' il classismo più sbagliato, e te lo dice un classista convinto ;)
    Purtroppo, ci sono ancora queste facili equazioni sottotraccia. Facili e sbagliate.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e direi nemmeno tanto sotto traccia.... la realtà è che per anni ci hanno detto che le classi non ci sono più, invece...

      Elimina
    2. Eh, ma la colpa è anche di chi vuol fare la lotta di classe sempre e comunque XD

      Moz-

      Elimina
    3. no Moz mi dispiace ma non siamo d'accordo... le classi esistono ancora, magari non sono definite come una volta ma ci sono, basta fare un giro in certi quartieri... poi un altro discorso è giudicare una persona solamente dalla fascia di reddito o dalle radici

      Elimina
  3. A me pare che la cosa interessante della dichiarazione sia più che altro una velata minaccia ai propri ragazzi di raccontare al più presto la verità. O no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho capito cosa intendi... però a me sembra di più un preconcetto di classe

      Elimina
  4. Al liceo ci va la migliore borghesia, si sa ... che tristezza (io ho fatto l'Agraria).

    RispondiElimina
  5. Lo sai che non riesco a leggere più i tuoi post.. mi saltano diverse lettere e la lettura diventa impossibile.. e succede solo con te...scrivo a blogger oggi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh mamma! ma credo che succeda solo a te però, altrimenti lo avrebbero segnalato anche gli altri, fammi sapere grazie

      Elimina
  6. la preside non poteva usare espressioni meno appropriate alla situazione che si è trovata tra capo e collo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in una scuola normale non ci dovrebbero essere presidi del genere

      Elimina
  7. Eh, beh, insomma. La migliore borghesia vale di più del comune volgo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. noi siamo bassa plebe non possiamo capire...

      Elimina
  8. la mamma era mia compagna di classe al liceo, non ho fatto altro in questi giorni che pensare a come si possa scendere a patti con l'inaccettabile che non è rappresentato unicamente dalla perdita del proprio unico figlio, ma di averlo perso così

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non riesco nemmeno ad immaginare il dolore che i famigliari del ragazzo stanno provando, una perdita del genere e il modo in cui si è perso sono inaccettabili... mi dispiace molto

      Elimina
  9. Parole vergognose e che devono far riflettere.

    RispondiElimina
  10. Che poi quante volte sono proprio gli annoiati figli di papà che combinano i casini peggiori? Di esempi ne abbiamo a iosa...
    P.S.: poi sarei anche curioso di vedere quello che ha detto veramente la preside e quello che ai giornali piace pubblicare...

    RispondiElimina
  11. certo che se " essere figli della miglior borghesia" rappresenta, per qualcuno (...e non è certo solo la preside, sono ancora in tanti), una GARANZIA......
    A me fa un po' riflettere, invece, che dica che i genitori sono disposti all'ascolto, perchè capiscono che tanto la verità verrà fuori ugualmente.....come se questa fosse l'unica ragione per indurli ad affrontare la responsabilità di raccontare ciò che è successo!
    Davvero, che tristezza!
    Emanuela

    RispondiElimina
  12. Tutto molto tragico, ma a me stupisce anche un'altra cosa, quel " ho affidato" ma vvvvia si parla di uno di 19 anni non di 9. Sono adulti smettiamola di prenderli per ragazzini. Si presume che nessuno debba vigilare sugli atti e le decisioni di un maggiorenne. Dare la colpa ai docenti, alla scuola questa volta mi pare fuori luogo. La frase è di un genitore sconvolto e va bene, , ma perfavore fermiamoci li è un fatto tra adulti non tra bimbi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh non sono d'accordo, è vero che sono maggiorenni ma quando si portano classi o squadre fuori composte da ragazzi si ha sempre la responsabilità e bisogna cercare di vigilare nei limiti del possibile...

      Elimina
  13. "figli della migliore borghesia" proprio quella più ipocrita, della migliore ipocrisia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è spaventoso che ci siano personaggi del genere in una scuola...

      Elimina
  14. xpisp(stefano)18 maggio 2015 09:45

    Ernest
    questa è un preside e prima un'insegnante di questa scuola
    Quella che non si deve toccare, quella dove nessuno deve giudicare il lavoro di nessuno e dove si avanza per anzianità!
    comunque ho letto tra i commenti pari livello discriminatorio classista!
    Questi fatti da persone che non erano sotto pressione per un fatto simile
    Ah già, in alcuni casi è lecito!
    Come è lecito(vedi post precedenti) fare accuse e poi non dire nulla di fronte ad un'analisi che sconfessa le tue parole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefano quella preside ha rilasciato un'intervista vergognosa, con frasi imbarazzanti e in più ha parlato di un "slavo" che girava tra i corridoi... lasciamo perdere dai

      Elimina
    2. xpisp(stefano)19 maggio 2015 09:28

      Ernest se vuoi lasciamo perdere ma questo dimostra che in certi settori non si sale per merito, che gli errori non si pagano.

      Elimina
  15. Queste cose esistono sia nella migliore borghesia che nella peggiore borghesia .. che non se esista una migliore o peggiore borghesia, forse no, forse si, forse boh. Ciò che ha detto quell'insegnante a me non piace, e penso che comunque dovevano essere vigilati sia che avessero 5 anni o 30. A presto .. Dream Teller

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;