lunedì 25 maggio 2015

Vite come romanzi

Avevo studiato all'università i suoi testi sulla teoria dei giochi, lo confesso, con molta noia perché non ho mai amato l'economia.
Poi nel 2001 il film "Beautiful Mind" dove la vita di John Nash viene raccontata in maniera molto romanzata con un'ottima interpretazione di Russel Crowe capace di portare sul grande schermo una lotta di molti anni contro la schizofrenia.
Ieri la notizia della sua morte in un incidente stradale a bordo di un taxi assieme alla moglie mentre tornavano a Princeton dove il professore insegnava ancora. Il destino li ha voluti assieme ancora una volta.
Una storia incredibile la vita di Nash che si conclude in una maniera inaspettata.
Ci sono alcune vite che sembrano scritte dal migliore dei romanzieri, eventi che si susseguono uno dietro l'altro come capitoli che vengono divorati dal lettore per arrivare poi ad un finale tragico come questo.
Esistenze indimenticabili.


24 commenti:

  1. Che vita, davvero. E che morte. Ho sentito che lasciano un figlio con una grave malattia mentale, che adesso rimarrà solo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ho davvero parole... a volte il destino sembra davvero seguire uno schema incomprensibile

      Elimina
  2. Certe storie aprono interrogativi che fanno pensare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si lasciano decisamente a bocca aperta

      Elimina
  3. Vidi il film con piacere ma non ricordo se racconta del loro divorzio e del loro ri-matrimonio nel 2001, mi pare.
    Evidentemente era scritto che dovessero vivere una vita tanto travagliata assieme, con una breve interruzione, ma assieme anche nella fine.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, direi che nel film la parte sul divorzio è stata omessa, diciamo che si capisce, il film è stato leggermente romanzato

      Elimina
  4. Anche questo finale del tutto inaspettato fa parte del "romanzo" di questo genio.

    RispondiElimina
  5. Finale da romanzo, da film, degno del personaggio ... hai scritto bene.

    RispondiElimina
  6. Non sapevo fosse morto così...
    Assieme anche nella morte.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ce li immaginiamo ancora così come nel film....

      Elimina
  7. Ho amato molto anche io quel film.
    Credo di averlo visto (e ri-visto) qualche decina di volte.
    Una morte del genere è degna del suo protagonista.
    Ineccepibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! :-)
      si anche io l'ho rivisto parecchie volte

      Elimina
  8. Persone eccezionali, vite eccezionali.

    RispondiElimina
  9. Io, che non ho studiato economia, l'avevo conosciuto solo grazie al film. Certe vite ti fanno amare di più il genere umano..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quando studiai la teoria dei giochi non sapevo chi fosse Nash... un uomo incredibile

      Elimina
  10. in un caso del genere io credo si possa parlare di DESTINO

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;