lunedì 29 giugno 2015

Démos Cràtos

"In questi tempi difficili, tutti noi dobbiamo ricordare che l’Europa è la casa comune di tutti i suoi popoli. Che in Europa non ci sono padroni e ospiti. La Grecia è, e rimarrà, parte integrante dell’Europa, e l’Europa parte integrante della Grecia. Ma un’Europa senza democrazia sarà un’Europa senza identità e senza una bussola. Chiedo a tutti voi di agire con unità nazionale e compostezza, e di prendere una decisione degna. Per noi, per le generazioni future, per la storia greca. Per la sovranità e la dignità del nostro paese."

A prescindere da come la si pensi e dall'esito del referendum, in questi giorni la Grecia sta dando a tutto il mondo una lezione di democrazia.
Perché ultimamente, soprattutto dalle nostre parti, si gioca con il voto e si comanda senza avere nemmeno il mandato del popolo, ogni riferimento non è puramente casuale.
Qui invece abbiamo un premier, eletto, che ha cercato di negoziare con l'Europa anche andando contro una parte del proprio schieramento, sentendosi rispondere picche dai banchieri abbottonati di Bruxelles, non eletti da nessuno. 
Un premier che ora chiede al proprio popolo cosa deve fare, con la possibilità anche di ricevere una risposta diversa dalla propria idea.
Qui da noi questo discorso è difficile da comprendere.

20 commenti:

  1. Riporto qui il mio commento al post di @giovanotta in mimuovofacciocose http://mimuovofacciocose.blogspot.it/2015/06/oxi.html:
    La Grecia non è solo la culla della Democrazia, è anche il primo paese dell'Unione Europea a non accettare supinamente i diktat di organismi non elettivi rispondenti solo al capitale e non ai cittadini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io credo che l'arroganza bancaria dell'Unione Europea non abbia limiti

      Elimina
  2. Questo referendum greco è importante, al di là del risultato, perché, per la prima volta!, viene chiesto a chi deve pagare le conseguenze delle decisioni UE, se gli va bene di pagarle.
    Insomma, invece che da sudditi i greci vengono trattati da cittadini, quali essi sono. Cosa che sinora era solo in teoria, ma mai in pratica.
    Spero che l'esempio venga seguito da altre Nazioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ed è per questo che a noi sembra così strano...

      Elimina
  3. Non lo so. Sono triste per la Grecia, credo che i suoi problemi partano da lontano. Come i nostri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si vero, sono problemi che partono da lontano hai ragione. E le colpe sono anche di Bruxellex visto che i controllori non hanno poi così controllato bene i conti

      Elimina
  4. E come sai, sono d'accordo anch'io.

    RispondiElimina
  5. Infatti, è un grande esempio. Chissà cosa accadrà.

    Moz-

    RispondiElimina
  6. A me sembra il modo di agire di un vero Statista

    RispondiElimina
  7. quì da noi la gente, sbagliando, non vota più perchè è schifata dei politici e questi gle lo mettono in quel posto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in parte è vero, poi ci sono quelli che non si sono mai interessati e quelli che sarebbe meglio non votassero...

      Elimina
  8. Io non la vedo cosi semplice. Tsipras ha già messo le mani avanti dicendo che il referendum non è vincolante e non escluderà nulla.
    Io favorirei il turismo. E nel mio piccolo ad agosto contribuirò all'economia greca. Andiamoci tutti (non a Amorgos possibilmente 'che mi piacciono le isole poco affollate...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sicuramente non è semplice anche perché il popolo è imprevedibile in questo caso... cmq in caso di vittoria del SI sono già state paventate dimissioni

      Elimina
  9. Lezioni di democrazia giusto, al che al democratico Renzi :D bravo Ernest

    RispondiElimina
    Risposte
    1. qui invece si sta la governo senza neanche aver preso un voto

      Elimina

Latest Tweets

 
;