giovedì 2 luglio 2015

Questione di pelle

Questi sono argomenti davvero delicati che il più delle volte non dovrebbero nemmeno essere commentati. Ma quello che ultimamente sta succedendo in questo paese porta a fare una riflessione rispetto al caso dell'arresto del militare italiano accusato di aver violentato una  quindicenne a Roma.
Nessuna parola dai politici che sono soliti cavalcare l'ondata di indignazione quando ci si trova davanti a casi analoghi. 
Provate a pensare se l'arrestato fosse stato dell'est, oppure un migrante.
Avremmo letto dopo 2 secondi il tweet di quel personaggio di Salvini con le sue ruspe, avremmo ascoltato interviste per strada con gente urlante, avremmo titoloni sui giornali e servizi in prima serata con tanto di collegamento direttamente dal posto.
Questo è il nostro paese ora, anzi meglio dire gli italiani, che poi non sono una cosa astratta ma quelli che in questo momento abbiamo vicino magari, quelli con cui condividiamo feste e cene, quelli che nella pausa pranzo stanno davanti al bancone del bar indecisi sulla tazza grande o piccola.
Le ruspe per ora stanno nella testa di qualcuno e hanno portato via parecchi neuroni.

18 commenti:

  1. Avevo letto la notizia e soprattutto in rete girano commenti di pessimo gusto di molti idioti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si ho letto certi commenti in cui si diceva che la vittima se l'è cercata... senza parole

      Elimina
    2. Per i cervelli con le ruspe, la vittima se la cerca sempre, tranne nei casi che hai già citato (migrante o cittadino dell'est)

      Elimina
    3. Ancora queste cose si dicono, delle donne? Mamma mia come siamo indietro.

      Elimina
  2. Davvero senza parole... questa bruttissima esperienza lascerà segni indelebili in una ragazzina che cominciava ad affacciarsi alla vita fiduciosa. Come si fa a non comprendere che chi viene violentato ha bisogno di conforto e di essere compreso? Mi amareggia che non si comprenda che la violenza, di qualsiasi natura essa sia, non va mai giustificata, ma solo condannata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non so davvero come non si possano capire certe cose...

      Elimina
  3. Non mi capacito di come si possa andare avanti ad ignorare certe cose, ma purtroppo questo paese è tristemente noto anche questo.
    A presto .. Dream Teller

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo che il problema non sia solamente italiano

      Elimina
  4. Oggi,purtroppo,i politici di dx,sx di sotto o di sopra,cavalcano ogni onda che possa portare un pugno di voti.
    Attenti,però,spesso l'onda si trasforma in maroso e ti spazza via.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me preoccupano gli italiani che vanno dietro a queste persone

      Elimina
  5. Caro ernest, secondo me non è solo una questione di pelle ma anche di professione (o di casta). Se il violentatore fosse stato uno dei centri sociali oppure un idraulico, te l'immagini?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. purtroppo in alcuni casi abbiamo visto anche questo... lo ribadisco il crimine non dovrebbe avere colore

      Elimina
  6. i delitti compiuti sui corpi delle donne non non hanno confini, iniziano dalle pareti domestiche ed attraversano il pianeta

    RispondiElimina
  7. xpisp(stefano)3 luglio 2015 10:32

    Vedi Ernest tu e chi mi ha preceduto nei commenti definite perfettamente la parola pregiudizio!
    Vedi sei così distratto che non ti sei accorto che nei giorni precedenti di stupri ce ne sono stati parecchi.
    Non ti sei accorto che parecchi stupri erano opera di "clandestini"
    Nessuno ha detto nulla ma ora invochi la parola della politica su questo caso?
    Sei tu che trovi il caso diverso perchè è una minore?perchè è un soldato?
    Sui commenti idioti...che novità!
    Ma anche qui pecchi di pregiudizio come molti tuoi "compagni"
    nessuno di voi è intervenuto disgustato quando qualche tempo fa, per giustificare il ragazzo rom che spaventato ha scambiato acceleratore per freno, molti commentavano che era colpa della polizia che lo inseguiva...poi perchè?per cosa? perchè era un rom(evidentemente ha la scritta sulla macchina!)
    Purtroppo di idioti ce ne sono a iosa.
    Potrei concordare con chi sostiene che una ragazza di quell'età a quell'ora dovrebbe essere a casa (che poi è una questione dei genitori!) ,ma questo non offre nessuna scusante al militare e anche se fosse vera la sua versione, una quindicenne NON la tocchi!
    Personalmente trovo una grande differenza nel fatto che chi ha commesso il reato(avrebbe, se fosse di altra etnia il garantismo deve essere assicurato) sia un militare, infatti in quanto rappresentante dello stato le sue responsabilità sono ancora maggiori!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. caro stefano io pregiudizi non e ho in casi del genere, ritengo che siano da considerare tutti criminali al di là del colore della pelle... in questo caso poi il dito era puntato sui media che cavalcano quando a commettere fatti del genere sono extracomunitari per non parlare dei politici come salvini
      I commenti stupidi che si leggono in giro in questi giorni purtroppo sono lo specchio del paese e della rete

      Elimina
  8. Bel "missionario" da mandare in giro per il mondo! Ideale per le zone dove c'e'la popolazione indifesa!
    Da pigliare a calci in lungo e in largo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già Sara... immagina cosa poteva combinare in giro questo

      Elimina

Latest Tweets

 
;