lunedì 7 ottobre 2019

Augusto e Pierangeolo


Mancati a distanza di 10 anni lo stesso giorno, nel 1992 e nel 2002. 
Due voci inconfondibili, che hanno sempre cercato di parlare degli ultimi e dei dimenticati nelle loro canzoni. Difficile sceglierne una. Se penso ai Nomadi e a Daolio la prima che mi viene in mente è "Un giorno insieme" e in particolare una versione Live cantata in uno degli ultimi suoi concerti, una poesia indimenticabile. 
Anche nell'interminabile elenco delle canzoni di Bertoli è difficile pescare, ma forse una su tutte è "A muso duro". 
So che non si dovrebbero fare confronti tra periodi musicali, ma credo che uomini, autori, poeti come questi manchino nella nostra società. Testimoni della storia che spesso viene messa da parte, accantonata, quella della quotidianità di persone sedute sull'ultimo gradino, in ombra. 
Mancano molto, la loro umanità e la consistenza di ogni parola pensata.

10 commenti:

  1. Se invece io penso ai Nomadi, comincio a cantare "Io vagabondo", la canzone preferita di mio padre, che mi manca sempre come l'aria.
    Perdona l'intrusione.
    Buon inizio di settimana.

    RispondiElimina
  2. benvenuta :-)
    Immagino... è anche la canzone preferita di mio papà.

    RispondiElimina
  3. Chissà, magari siamo solo dei nostalgici dinosauri brontoloni di mezza età (io di sicuro), ma a me sembra che quanto dici per i musicisti valga anche per registi, scrittori, pensatori vari: i grandi vecchi che se ne vanno vengono quasi sempre rimpiazzati da una masnada di imbecilli ambiziosetti senza talento e senza spessore, né intellettuale né sentimentale né morale. Magari mi sbaglio. Anzi, spero tantissimo di sbagliarmi!

    RispondiElimina
  4. Conosco poco i Nomadi ma le canzoni di Pierangelo Bertoli hanno segnato i primi anni della mia giovinezza.
    Sarà che spesso poi, Luciano Ligabue lo ha ricordato nei suoi pezzi, seguendo io il cantautore emiliano,che gli deve moltissimo, ho continuato a sentire l'eco delle sue parole, in gran parte della mia vita.
    Hai ragione, si sente davvero tanto la mancanza di chi riesce a fare la differenza.
    "A muso duro" è un capolavoro.

    RispondiElimina
  5. Ho avuto la fortuna di ascoltare Baertoli dal vivo, splendido concerto

    RispondiElimina
  6. Grazie per averli ricordati.

    RispondiElimina
  7. Bertoli è ancora tra i miei preferiti.
    Ricordo quando scomparve, ne parlarono in pochissimi.
    Stranamente, Sorrisi e Canzoni gli dedicò un articolo.

    Moz-

    RispondiElimina
  8. Anch'io sono più legato a Bertoli, ed accanto ad " A muso duro" live aggiungerei sempre live "Eppure soffia" bellissima. un uomo eccezionale, un artista vero, un poeta.

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;