martedì 27 ottobre 2009

Rutelli in fuga da Casini... uno di cui non sentirà la mancanza nessuno

"Con Pier Ferdinando Casini, ma non subito e non solo...Deve formarsi una forza nuova- per favorire aggregazioni che nascano da questa crisi, un confronto tra moderati del centrodestra e democratico-riformisti del centrosinistra", Rutelli

...è uno che è abituato a fare i salti tripli carpiati per atterrare nello schieramento che in quel momento gli può offrire una poltroncina... radicali ad inizio carriera al fianco della Bonino e di Pannella... poi con i Verdi nella federazione... ministro per un giorno nel governo Ciampi... poi il duello con Fini per il Campidoglio... poi Ulivo presentato anche come candidato alla presidenza del consiglio... poi I Democratici... la quasi balena bianca Margherita... poi di nuovo il campidoglio regalando Roma ai fascisti... poi il Pd... e ora...

Stia tranquillo Rutelli nessuno sentirà la mancanza della sua presenza politica... stia tranquillo... anzi fossi Casini starei attento perché ovunque è stato ha lasciato perdite di voti... figuracce... mai una frase da ricordare in un dibattito... mai un appunto... e pensare che il centro sinistra ha anche avuto il coraggio di presentarlo come possibile presidente del consiglio nel 2001... e poi c chiediamo come mai ci sia Berlusconi da 15 anni al governo...

...vada Rutelli... ma faccia anche un pensierino... cercare un lavoro vero... sarebbe l'ora...

7 commenti:

  1. ...aggiungerei s'accomodi pure...

    RispondiElimina
  2. Rutelli ha uno strano senso della democrazia, che è tale solo se vince lui....i cittadini delle primarie sono gli stessi che l'hanno sostenuto nel 2001. Per accettare le sfide a viso aperto bisogna avere gli attributi, non scappare....comunque buon viaggio.

    RispondiElimina
  3. Rutelli e consorte dovrebbero iniziare a lavaorare davvero invece di campare sulle spalle degli italiani... il suo contributo politico alla crescita del paese è sotto lo zero...

    RispondiElimina
  4. non mi va di accodarmi al Taffazzismo di chi nel Pd gode nel vedere che le persone se ne vanno . L'uscita di Rutelli è un sintomo di un più vasto malessere che coinvolge i moderati di centro, che stanno traslocando verso Casini o addirittura verso il PDL. IL PD sta fallendo nel suo progetto di riunire le due anime della margherita e dei DS. Alla fine contandosi si rimarrà compiaciuti nell'essere rimasti in quattro gatti duri e puri



    La fuga di Rutelli e la diffidenza dell'elettorato moderato verso il PD

    RispondiElimina
  5. no sinceramente nessun taffazzismo... uno come Rutelli è improponibile per un partito che vuol fare della politica vera ed occuparsi dei problemi delle persone, uno così cerca solamente un posto al sole e l'esempio lo abbiamo davanti... il trasloco nell'udc

    RispondiElimina
  6. @Storico: se per "fondere le due anime" devo dare voce in capitolo ad un poltronaro rompicazzo ed inopportuno, oltre che incompetente, allora è sbagliato il progetto del PD. Cosa che non credo, ancora.

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;