lunedì 22 febbraio 2010

Marciando tra i resti di un paese fatto di intermezzi da soap opera e mezzi uomini





Un popolo si alza ad un certo punto.
Scende in strada guarda in alto, guarda l'altro che lo accompagna ormai da mesi in una lotta impari, una lotta contro il silenzio, una lotta contro un grande occhio che mostra solo ciò che vuole fare vedere.

Intermezzo di un eroe..."mi sento un alluvionato"

Un popolo marcia, scansando quelle che una volta erano case.
Parla il sindaco.
"Calmi... state calmi è vero, è una indecenza che dopo dieci mesi ci sono ancora quattro milioni e mezzo di metri cubi di macerie. Ma questo problema lo deve risolvere il Governo. La Protezione Civile ci ha salutati venti giorni fa senza trovare una soluzione al problema. Ma io dico che spetta a loro trovare una via d'uscita, liberarci dalle macerie".

Intermezzo di un eroe... "Sono Guido, buongiorno...sono atterrato in questo istante dagli Stati Uniti...se oggi pomeriggio Francesca potesse...io verrei volentieri...una ripassata"

Una ripassata come quella che non è stata data alle strade dell'Aquila, ma data in pasto alle iene degli appalti.

Intermezzo delle iene... "Alla Ferratella occupati di sta roba del terremoto perché qui bisogna partire in quarta subito, non è che c'è un terremoto al giorno".

Un popolo fatto di giovani che non vuole più ascoltare solo i proclami dei politici, vedere le passerelle dei potenti vantandosi con gli altri...

"Sindaco non ti sei fatto valere in questi mesi... Non ci hai difesi. Pensi solo alle telecamere... Non parlare alla Rai, parla con noi, con i tuoi cittadini"

Rai?!?!? Rai?!!?? Servizio pubblico?!?!?!? Pagato con i soldi dei contribuenti?!?!?! Quella?!?!? Già...




Intermezzo orwelliano...

Dialogo tra un cittadino incazzato e una giornalista zerbino.
Spinta dalla foga dello scoop si avvicina la Busi..
"C'è il Tg1... Vergogna! Minzolini è al servizio di Berlusconi! Vergogna! - urla un ragazzo - sono dieci mesi che raccontate che all'Aquila va tutto bene. Grazie a voi gli italiani sono convinti che qui hanno ricostruito le case. Sono mesi che lo dite..."
"Non io...", risponde la Busi.
"Mesi", ribadisce il ragazzo.
"Non io..." e aggiunge "e poi che ci posso fare..."




"L'Italia ha finalmente il suo Impero. ...Impero di pace perché l'Italia vuole la pace, per sé e per tutti..." B. Mussolini

25 commenti:

  1. Il perfetto simbolo di tutto questo schifo è quella scuola appena ricostruita e subito sbriciolatasi senza neanche bisogno di nuove scosse... La feccia sciacalla si spartisce miliardi sulla pelle della gente, ma il messaggio che arriva dal Nano Figlio di Putnana è che loro almeno FANNO... Mezzi uomini? Come ti permetti di SOPRAVVALUTARLI così?! :D

    RispondiElimina
  2. Molto particolare lo stile che hai scelto per questo post. Colpisce chi conserva ancora qualche sensibilità verso la verità e la giustizia per la vita delle persone, e fa male. Ma alimenta anche una speranza: che su esempio dei cittadini aquilani tutti gli italiani trovino presto il coraggio di alzare la testa, e di far sentire la loro voce.

    RispondiElimina
  3. Stamattina quattro occhiate veloci alle notizie e già avevo la nausea. Questo tuo post mi ha dato il colpo di grazia! Se gli alieni esistono, chiedo solo che mi rapiscano. Non importa se poi mi usano tipo piantagione di pomodoro modello Matrix o mi si fanno in fricassea tipo i Visitors, basta che mi portino via da qui. Non ne posso piùùùùù!!!!!

    RispondiElimina
  4. Scudi umani Anti Berlusconi? Fammi indovinare: Feltri!

    RispondiElimina
  5. @zioscriba. effettivamente sono stato molto molto di manica larga a chiamarli mezzi uomini

    RispondiElimina
  6. @matteo. esatto risposta esatta!

    RispondiElimina
  7. @vivianaB. quanto hai ragione! ogni giorno si spera di avere il blocco del blogger perché magari non c'è niente da dire... un paese normale magari con qualche difetto ma normale... e invece no, ogni giorno abbiamo milioni di motivi per aspettare gli extraterrestri!

    RispondiElimina
  8. @ross. esatto ross il succo del post era proprio questo, far vedere che ci sono persone che non si fermano, tirano su la testa e vogliono farsi sentire urlare ancora più forte di un maledetto servizio televisivo mai andato in onda

    RispondiElimina
  9. PIù passa il tempo più mi sembra che il dolore per il terremoto d'Abruzzo sia destinato a crescere.
    Sara

    RispondiElimina
  10. Sarebbe interessante sapere qual'è mediamente il margine operativo lordo di chi smaltisce macerie. A naso direi di parecchio inferiore rispetto al costruire prefabbricati e piazzarli da qualche parte; per non parlare di chi di mestiere fa vaccini e le case le dona (ogni riferimento a fatti realmente accaduti è puramente casuale).

    RispondiElimina
  11. Qui l'impresa di non far più sapere niente della realtà mi sembra un po' più complessa che per i rifiuti a Napoli.
    Vicinanza e sostegno al popolo terremotato, nessun rispetto e nessuna parola (meglio va) per chi ha giocato sulla loro sciagura per qualche voto in più?!?

    RispondiElimina
  12. @sara. vero come ogni tragedia passato il tempo si cerca di portare l'attenzione su altre cose, distrarre l'opinione pubblica dalla verità, allontanare le telecamere oppure inquadrare solo ciò che si vuole... il dolore aumenta e la verità è sempre più distante

    RispondiElimina
  13. @dalle8alle5. già interessante quesito! come molti altri che però al cittadino modello mediaset non è dato sapere!

    RispondiElimina
  14. @chit. l'impresa è difficile ma il grande fratello può farcela in questa impresa... qualche editoriale, qualche filmatino, un supereroe da mettere sul piedistallo e poi tanta tanta speranza nel distogliere lo sguardo della gente. Ma qui non si molla!

    RispondiElimina
  15. Ottimo stile. I contenuti, non c'è bisogno di essere pericolosi comunisti giustizialisti, per condividerli al 100%.

    RispondiElimina
  16. @sciuscia. Grazie! Eh già è molto chiaro ma il paese non ce la fa proprio a capire questi contenuti... sta aspettando che arrivi il prossimo reality

    RispondiElimina
  17. Sempre più in gamba nel descrivere i fatti Ernest, condivido tutto e ribadisco che bisognerebbe calare all'Aquila per prendere una pietra a testa, deviare a Roma e tirarle tutti assieme sul giusto bersaglio.
    Hai visto il reportage di rai3 ieri sera?
    Il progetto C.A.S.E illustrato nella piena interezza della sua distruzione di una città e dei suoi abitanti.
    Buon pomeriggio Ernest...e...condivido alla grande il commento di Sciuscia.
    Ariciao
    Tina

    RispondiElimina
  18. @tina. Grazie davvero Tina io sono pronto a scendere a L'Aquila! Che dire su il reportage su Rai3... speriamo solo che resista ancora quel tipo di informazione altrimenti... beh altrimenti...
    un saluto e buon pomeriggio

    RispondiElimina
  19. lo dico io per te; sono uomini di merda !

    RispondiElimina
  20. @harmonica. e io ti ringrazio avevo finito gli aggettivi!

    RispondiElimina
  21. Io lo sapevo... avrei voluto sbagliarmi e dire bravi complimenti... abbassare la testa e sorridere per quella gente che avrebbe risolto i propri problemi... ma lo sapevo... e non mi sono sbagliato... e consentitemi... porca miseria.

    RispondiElimina
  22. nei due anni terribili del governo prodi (terribili per come la sinistra si è mostrata al paese, fragile e spaccata su tutto, aprendo lo spazio per il decisionismo di s.b.) il medesimo s.b. (detto anche nano puzzone) ha mandato in giro per tutta l'italia, ovunque ci fosse un membro del governo ed una telecamera, il suo popolo per la libertà (probabilmente integrato da gente pagata apposta) a manifestare e contestare il governo
    dando così l'immagine di un governo icapace e contestato ben più della realtà,

    avendo queste ottime occasioni,
    adesso,
    e considerando la debolezza di s.b. proprio davanti alle contestazioni,
    perchè il pd o la sinistra in genere non organizza lo stesso "servizio"?

    ovunque vadano i ministri ci sono sicuramente licenziati, cassintegrati, pensionati, dipendenti che non ce la fanno più
    mentre l'italia ladrona del berlusconismo continua a comprare suv e ville in costa smeralda,

    ed invece di contestazioni
    accendo la tv e vedo bertolaso che bacia bambine,
    ma è possibile che la sinistra non sappia più neppure contestare?

    RispondiElimina
  23. @ratto. a quanto pare è possibile visto che il Pd (che non è neanche più sinistra) non riesce a dire una parola sensata... mentre il resto della sinistra è stata logicamente allontanata da tutto e oscurata dai media.
    hai ragione quando dici che il berlusca mandava in giro i suoi a creare contestazione e in più ci aggiungerei i servizi nei suoi tg su furti nelle ville e crisi generale
    un saluto

    RispondiElimina
  24. Potrei denunciare i TG per incitamento all'anoressia, ogni volta che mi capita di doverli "visionare" durante i pasti, mi prende un attacco di gastrite senza precedenti (se sono fortunata).

    RispondiElimina
  25. @tonks. quello nuoce gravemente alla salute!

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;