mercoledì 24 febbraio 2010

Un uomo libero


Grazie Sandro.
Grazie a te e a tutti quegli uomini che hai rappresentato e che come te hanno combattuto e lottato per noi fino alla fine.

(Stella San Giovanni, 25 settembre 1896 – Roma, 24 febbraio 1990)

30 commenti:

  1. penso a sandro,a mio padre in guerra e nei campi di prigionia tedeschi,a mia madre ,a cui le brigate nere fasciste,strapparono le inghie delle mani ed aveva solo 15 anni e mi vergogno di cosa è diventata questa povera Italia,loro hanno lottato per la nostra libertà e noi siamo schiavi di una banda di malfattori...che pena,per fortuna sono morti.....

    RispondiElimina
  2. Sempre grazie e uomini così!?!

    RispondiElimina
  3. Quanto ci manchi caro Presidente Pertini.
    Faremmo parte di un' Italia migliore se tutti gli attuali pseudo-governanti avessero preso esempio da te. Ma lo vedi in che mani stiamo? Tantissimi
    quaquaraquà, uomini da quattro.

    Ciao Ernest, il tuo blog mi fa ben sperare per te e per quelli della tua e delle altre future generazioni.
    Io ormai conto sempre di meno.

    RispondiElimina
  4. Abbiamo davvero avuto un Uomo così Onesto come Presidente, o me lo sono sognato?!

    RispondiElimina
  5. Be' non potevi non celebrarlo meglio (avrei voluto farlo io ma penso che basti questo tuo post). Un uomo che manca al mondo intero

    RispondiElimina
  6. Di lui ho un ricordo confuso - ero davvero piccola quando è stato il nostro Presidente - eppure vivido. Lo ricordo esultare allo stadio, lo ricordo nei tg (che non seguivo, ero una bimba interessata solo ai cartoni) e ricordo con estrema tristezza quando ne hanno annunciato la morte: avevo 14 anni, allora, mi ero appena avvicinata a quella cosa misteriosa che si chiama "politica", avevo appena iniziato a capire che grande uomo - prima ancora che grande politico - fosse.
    Visto come siamo messi, però, credo sia un gran bene che non sia qui a vedere l'Italia odierna...

    RispondiElimina
  7. Mio padre era partigiano proprio con Sandro Pertini.

    RispondiElimina
  8. Mi associo per questo ringraziamento nei confronti di un uomo onesto e democratico.
    certo che se all'epoca della sua presidenza ci avessero prospettato questo orrore in cui siamo impantanati, nessuno ci avrebbe creduto e avremmo riso a crepapelle. Il massimo della schifezza era la D.C.!

    RispondiElimina
  9. Graaaaaandeeee Sandro Pertini :)

    RispondiElimina
  10. @anonimo. davvero parole importanti le tue e una testimonianza importante
    @chit. per sempre!

    RispondiElimina
  11. @ilmonticiano. già una mancanza incredibile, io ero piccolo quando era presidente e i ricordi sono vaghi ma lo spessore dell'uomo che era è sempre presente.
    Ti ringrazio e la speranza ci sarà sempre e contiamo tutti credimi tu per primo amico mio. un saluto

    RispondiElimina
  12. @zioScriba. sembra davvero un sogno e quello che viviamo un incubo
    @matteo. grazie matteo, un vuoto incolmabile e ancora di più in momenti come questi

    RispondiElimina
  13. @viviana. andrebbe a prendere per le orecchie ad uno ad uno tutti quelli che abusano della loro posizione e che tentano di stracciare la nostra costituzione

    RispondiElimina
  14. @magocamillo. un grande padre, un grande uomo, amico mago che ha combattuto per noi con un altro grande uomo!

    RispondiElimina
  15. @luz. ora il massimo della schifezza non sappiamo mai se lo abbiamo raggiunto!
    @GMC. grande grande!

    RispondiElimina
  16. @pupottina. altri uomini altro popolo!

    RispondiElimina
  17. All'epoca in cui Pertini venne eletto Presidente, mi dissero che era stato votato solo perché credevano di avere poi a che fare con un uomo docile e malleabile, da manovrare a piacere. Il che vuol dire che non lo conoscevano proprio.

    RispondiElimina
  18. @dalle8alle5. non lo conoscevano decisamente, Pertini non ha mai smesso di essere partigiano neanche da presidente della Repubblica. Questi sono eroi... non quelli che certa gente porta sul piedistallo.

    RispondiElimina
  19. Grazie per avergli dedicato il post, volevo farlo, ma avrei inserito troppi personalismi, compagno di partito e di corrente, al primo posto la dignità, un aneddoto per dartene la misura:
    In prigione, sapendo che da un giorno all'altro sarebbero andati a prenderlo, metteva i pantaloni sotto il materasso per mantenerli "con la piega stirata" perchè
    "La dignità passa anche dall'essere in ordine fuori, non solo dentro".
    Capisci il mio orgoglio dell'appartenenza?
    Buona giornata Ernest.
    Tina

    RispondiElimina
  20. @Tina. cara amica tina ti capisco, come ho detto prima io non ho avuto la fortuna di viverlo completamente Pertini per tutto ciò che era, mi ricordo le parole del mio bisnonno vecchio socialista, e le parole di mia nonna. Ricordo la sua mano e il suo sguardo quando è morto Berlinguer e tutte le sue parole.
    La dignità Tina davvero questo paese non sa più cosa sia.
    Buona giornata a te

    RispondiElimina
  21. Lui non è un eroe. Lui non è un socialista da celebrare come Bettino.

    RispondiElimina
  22. Esagero se dico che è l'unico politico di cui possiamo essere fieri tutti quanti?

    RispondiElimina
  23. Sì, esageri. Ce ne sono almeno altri 5-6.

    RispondiElimina
  24. @sciuscia1. bettino è l'eroe del NUOVO MONDO
    @sciuscia2. un nome mi viene in mente... Enrico. Da contare sulle dita davvero.

    RispondiElimina
  25. @Euterpe. è la persona che ci fa capire cosa vuol dire davvero essere liberi e voler essere liberi sempre!

    RispondiElimina
  26. Tanto libero da commemorare la morte di un dittatore come Tito, baciando la sua bara in veste di Presidente della Repubblica, plasmato dal volere di una tirannia come quella russa. Un buon politico semmai, ma uomo libero manco per scherzo (perché un uomo libero non fa la corte a dittatori del calibro di Stalin e Tito, macellai di popoli).

    RispondiElimina
  27. @anonimo. uomo libero che ha lottato per permettere a te di dire delle cose del genere, logicamente da anonimo, che non meriterebbero neanche un commento.

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;