lunedì 19 maggio 2014

40 anni al Cubo


In casa più o meno lo abbiamo avuto tutti.
E' una di quelle cose che di solito spunta fuori quando si rimettono a posto i cassetti. Colti da un lampo di malinconia per i tempi andati ci si riprova quei 2 o 3 minuti.
Rosso a destra, giallo a sinista, su giù e gira. Confesso di non esserci mai riuscito e anche di avergli dedicato pochissimo del mio tempo.
Ma la domanda che mi sono sempre posto è questa. A cosa pensava Erno Rubik quando inventò 40 anni fa il Cubo che ha fatto impazzire mezzo mondo? Chissà magari alla situazioni politica italiana.
Ricordo ancora le leggende metropolitane dell'amico che lo aveva finito in pochi minuti, per non parlare degli scatti d'ira per non venirne a capo.
Altri tempi. Ora girano le soluzioni su internet. 
Le nostre generazioni, con tanti difetti, non erano alla ricerca delle scorciatoie, anche perché non esistevano. C'era chi rinunciava, ma era pur sempre una scelta, chi non ci si metteva nemmeno, ed era una presa di posizione, e chi invece ce la faceva e diventava l'eroe, per poco, della scuola.
Ora abbiamo gli speedcuber, cioè concorrenti che si affrontano per la risoluzione del cubo.
5"55 il record di un olandese. Il primo italiano ha impiegato 6"86 per risolverlo.
Tenendo conto che il signor Rubik ci mise un mesetto prima di risolvere l'enigma inventato da lui, tra 30 anni forse ci riuscirò. 
Dubito.



25 commenti:

  1. Da quel che ho letto, è stato inventato non per essere un gioco ma come metodo visuale di insegnamento di ciò che è tridimensionale.
    Nemmeno io sono mai riuscita a risolverlo, però non mi ci sono mai impegnata, in quanto mi pareva non fosse una roba adatta al mio modo di pensare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se pensi che ora a scopi didattici inventano le App...

      Elimina
  2. Come direbbero i napoletani "nun me passa manco pe a capa" di provarci. Non lo feci ai suoi tempi figurati se ci provassi attualmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh lo so Aldo... come ho detto neanche io ho dedicato tanto tempo al Cubo, lo tenevo in mano giusto qualche secondo. Ma in casa c'era.

      Elimina
  3. non sono mai andata oltre il completamento di una sola faccia XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh dai allora sei messa meglio di me!

      Elimina
  4. Io al massimo riuscivo a fare due o tre facce XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per ora Moz hai il record del Blog!

      Elimina
    2. Sinceramente se riuscivi a fare tre facce voleva dire che avevi risolto anche le altre... Tutto sommato è solo questione di tecnica, non di intelligenza: una volta completata una faccia con pure tutti i bordi laterali corretti poi è solo questione di eseguire delle mosse standard per giungere a vari risultati intermedi specifici fino alla soluzione.

      Elimina
  5. già 40? cielo son proprio vecchia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehm ehm già 40 anni son passati... io ho quasi l'età del Cubo :-)

      Elimina
  6. La politica italiana è veramente un cubo impossibile da risolvere.

    RispondiElimina
  7. Io l'ho fatto ... togliendo gli adesivi e incollandoli uno a uno (vuoi mettere la fatica?).

    RispondiElimina
  8. L'ho scoperto stamattina aprendo google e... mi sono sentito vecchio accidenti!

    Ciao Ernest. Me lo ricordo e come sto cubo infernale! Però non immaginavo fossero passati già 40 anni (e non solo per lui!!!!). Un enigma che, all'epoca, immaginavo celasse anche uno schema di solizione. Infatti, ricordo che qualche compagno di scuola più "dotato", te la prospettava facile facile: ruota così, fai cosà e i colori sono associati. In pratica, anche facendo "così e cosà" non sono mai andato oltre le 2 facciate e se lo dovessi riprendere in mano oggi (deve essere in qualche cassetto, dimenticato) penso che non andrei molto lontano. So che in rete ci sono le "soluzioni" ma... che gusto c'è ad eseguire meccanicamente le istruzioni di qualcun altro?

    Però non sapevo che vi fossero anche delle gare. Mostri!!

    Sono convinto, infine, che la nostra politica sia peggio, molto peggio del cubo di Rubik

    RispondiElimina
  9. Ma a dirla tutta, perché dovercela fare per forza?
    Io mi divertivo quando riuscivo a completare una o due facce.
    Ma non ne ho mai avuta l'ossessione.
    Però da me in classe si organizzavano veri e propri tornei!
    Chissà perché ho sempre preferito un buon libro. Ma anche ora è così.
    Avete presente Ruzzle o Candy Crash?
    No grazie, preferisco leggere.

    RispondiElimina
  10. forse sono riuscita a fare una faccia. Forse.

    RispondiElimina
  11. Io ero arrivata a fare due facce! Poi, come tutte le fisse, è sfumata e l'ho lasciat in quel cassetto di cui parli. O forse, come tutte le persone di intelligenza non così superiore alla media, non sono riuscita ad andare oltre :)

    RispondiElimina
  12. Ai bei tempi avevo anch'io il mio cubo e, visto che non c'era ancora internet, mi ero comprato un libretto che spiegava le tecniche per risolverlo. Ero anche discretamente bravo anche se impensabile scendere sotto il minuto per risolverlo.
    Ho provato ora a riprenderlo ma ho scordato completamente tutte le mosse e, devo dire la verità, non ho più nemmeno voglia di re-impararle...

    RispondiElimina
  13. Io, proprio per niente!Nemmeno avere la furbizia di incollare gli adesivi nei posti giusti.Troppo sbattiemento..
    Mi piece la metafora del cubo..

    RispondiElimina
  14. Quante ore ho perso con quello ... oggi ho il pc per perdere ore :)

    RispondiElimina
  15. Senza considerare che c'erano anche i cubi tarocchi, che si incastravano in maniera irrimediabile, qualcuno bestemmiava.

    RispondiElimina
  16. Non sono mai riuscito nemmeno a completare un colore...

    RispondiElimina
  17. Non credo proprio di averlo mai risolto, ma neanche di averci perso troppi neuroni dietro; ricordo che non mi faceva impazzire, come adesso neanche guardo i ruzzle... ;)

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;