lunedì 15 settembre 2014

Il primo giorno

Quello dell'asilo non riesco proprio a ricordarlo. Qualche piccolo flash, come ad esempio il portone di ingresso e poi un'enorme sala, che sarà stata sicuramente piccola, con tantissimi bambini ed una suora che li faceva giocare.
Stessa cosa per quello delle elementari, niente da fare rimosso.
La memoria invece ha mantenuto ben saldo il primo giorno di scuola alle medie. Una massa di studenti con felpe di tutti i colori nel piazzale, erano gli anni 80!
Così come quello delle superiori. Ricordo ancora la voce del bidello scandire chiaramente i cognomi e le classi. Una scala da salire con tanto di paura di inciampare proprio il primo giorno di scuola davanti a tutti. Qualche ripetente che si conosceva già e poi l'aula piccola, due file di banchi orizzontali. Cinque maschi che diventeranno poi amici inseparabili e tante ragazze. 
Il resto è storia si dice... cancellini tirati nei corridoi come segni indelebili, ansia pre interrogazione, amori iniziati e finiti il giorno dopo, ma anche tante risate, erano gli anni 90!
E poi l'amico pino, il nostro albero, che già dal primo giorno di scuola avevamo individuato come rifugio quando si doveva decidere se entrare in classe o andare sugli scogli... e al posto del libro di storia in mano si teneva la focaccia.

24 commenti:

  1. Non ho ricordi del primo giorno, però tanti dell'asilo, delle elementari, delle medie e, ovviamente, delle superori.
    E, non ci crederai, pure della focaccia (meravigliosa) che un prestinaio genovese faceva in un negozietto vicino all' ITC P.Verri di Via Lattanzio - Milano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si anche io ho altri ricordi dei giorni dell asilo ed elementari ma il primo è proprio andato... la focaccia non si batte!!! :-)

      Elimina
  2. Non ricordo il primo giorno di asilo, ci sono stato anche poco, mammone come ero...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh capisco io lo sono ancora adesso :-)

      Elimina
  3. Non ricordo i primi giorni, ma ho altri ricordi legati alla scuola.
    Saluti a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh quello dell asilo e delle elementari è sfuggito anche a me purtroppo...

      Elimina
  4. Io ho vaghi ricordi del primo giorno alle elementari... Però, ancora adesso apprezzo il fatto di aver finito la scuola :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si ci sono episodi particolari che rimangono decisamente impressi... altri invece spariscono mah!

      Elimina
  5. ora ci riprovo che prima mi ha mangiato il commento blogger.
    della prima elementare ricordo la felicità di ritrovare la mia amica dell'asilo Lisetta sembravamo Stanlio ed Ollio, delle medie non ricordo il primo giorno. Della 4 ginnasio ricordo il panico, dovevo essere in sezione B in sede centrale, fanno l'appello e il mio nome non c'è, salgono tutti in classe tranne 5 sfigati pallidissimi per il panico. Arriva il preside e ci dice "ragazzi non si riusciva a fare una classe di francese per le poche richieste , così ieri sera abbiamo estratto a sorte 5 nomi nelle classi di inglese e voi andrete a far parte di una classe mista, ora il bidello vi accompagnerà in succursale, peccato che la centrale fosse a due minuti da casa :(, inutile dire che una delle altre 4 divenne una delle mie migliori amiche

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah h cercato il commento ma è sparito... caspita che memoria Amanda. Come ho detto prima in alcuni casi ho dei flash delle situazioni che tengo a mente... ad esempio mi dispiace non ricordare alcune voci... che storia la tua già dal primo giorno di superiori panico.
      Però hai visto alla fine come si dice il destino ti ha fatto incontrare un'amica

      Elimina
  6. Per quanti sforzi faccia non mi è proprio possibile rammentarmi dei miei primi giorni di scuola ma credo sia comprensibile. Ritengo però che si provano certamente delle emozioni che rimangono nella mente di ognuno per molto tempo.
    Un salutone,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si Aldo sono emozioni forti forse perchè effettivamente si era più giova e quindi sembra tutto più bello

      Elimina
  7. Cavolo, che memoria! Io non mi ricordo neanche cosa ho mangiato ieri sera!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già... la cosa buffa è rivedere i posti che si frequentava da piccoli ora, prima sembravano così grandi

      Elimina
    2. Questo è vero... è successo anche a me quando sono andata a votare alle mie vecchie elementari.

      Elimina
  8. chissà che bello quando accompagnerai la tua bimba!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma lascialo gioire del primo dente, del primo passo, della prima volta che lo chiamerà papà, della favola della buonanotte, del primo giro in bici con le rotelle prima!

      Elimina
    2. ah ah se ci penso... so già che mi scioglierò in tutte le situazioni che mi avete elencato, praticamente questa bimba mi ha già in pugno! :-)

      Elimina
  9. Non sono andato all'asilo e neanche mi ricordo il primo giorno di scuola ma mi ricordo l'esame di 5 elementare :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ricordo bene l'esame delle media e naturalmente la maturità...

      Elimina
  10. primo giorno della quarta ginnasio.......liceo Andrea Doria....puoi capire il mio panico?( ...ed ora non ci manderei neppure il mio cagnolino...). Mi ero vestita "bene", gonnellina, camicina e....calze velate blu, per la prima volta nella vita...avevo le gambette talmente secche che mi cadevano a fisarmonica! Emanuela
    PS ....dopodichè ho continuato a mettere i jeans.... poi periodo freak...cerca di capirmi, avevo 16 anni a metà anni 70, gonnellone lunghe a fiori e zoccoli neri e maglioni di lana tanto belli, ma che facevano passate tutto il vento genovese....

    RispondiElimina
  11. Io ricordo molte cose delle elementari ma il primo giorno di scuola proprio non lo rammento. Chissà dov'è sepolto.

    RispondiElimina
  12. fra non molto, avrai anche il ricordo del primo giorno della tua piccola

    RispondiElimina
  13. Ora che mi ci fai pensare... dove sono finiti i miei ricordi dell'asilo?

    Ciao Ernest. Però ho il ricordo nitidissimo di sensazioni vissute il primo giorno delle elementari, tipo il grembiule azzurro con un'enorme fiocco bianco, il "colletto" rigido chiuso da una clip, il cestino in plastica con il quaderno, le matite colorate e la merenda... e ricordo ancora il nome del maestro che mi accompagnò per 5 anni. Maurizio Perinxxxx, una montagna d'uomo, giovanissimo all'epoca, che usava saggiamente la temuta "bacchetta nera"!! Oggi rischierebbe una denuncia per maltrattamenti da uno dei "moderni" genitori... ma all'epoca ha formato una generazione.

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;