giovedì 19 aprile 2012

Nemmeno le bambole vorrebbero essere pettinate da lui

In fondo se ci pensate bene è un po' come giocare a calcio con 2 giocatori in meno. Oppure fare una finale e a pochi minuti dalla fine e il vostro centravanti mentre si trova davanti al portiere, lo scarta si dirige verso la porta, vuota, e tira... fuori.
Oppure essere sopra ad un otto con mentre il timoniere si fa i cazzi suoi... fare un disegno magnifico mentre arriva uno e ci tira una riga sopra... pestare una cacca ogni 2 metri di passeggiata... vincere al superenalotto per accorgersi poi di non aver giocato la schedina... scendere da un autobus per una multa salire su un altro e prenderne un'altra... insomma avete capito no?
Sto parlando di quello che non sta li a pettinare le bambole e ad asciugare  l'acqua sugli scogli.
Quello che alla richiesta dei sindaci della Val di Vara di ritorno da Roma con un solo biglietto di auguri, hanno chiesto al Pd di devolvere la somma dei rimborsi agli alluvionati del 25 ottobre.

"Cerchiamo di non morire di demagogia"

...già. Nel frattempo si muore di incuria dello Stato e dei partiti delle amministrazioni, si muore di lavori mai fatti,  di promesse elettorali mai mantenute e di condoni edilizi votati a destra e a manca, che manca proprio.
Vero lo Stato dovrebbe occuparsi di questo, concordo. E invece di aiutare le banche e gli amichetti dovrebbe pensare alle regioni che dopo le calamità perdono anche quelle poche attività commerciali e industriali che c'erano.
Ma credo profondamente che un partito di sinistra (?) non dovrebbe nemmeno arrivare a farsi fare certe domande, ma dare direttamente risposte.
Non come quella di sopra.

20 commenti:

  1. Che inauditi schifosi! Via, via, via da questi partiti e queste dinamiche. Via da questo stato, e sempre più vivere nonostante quello. Se ci si sottrae a puntellarlo crollerà a un certo punto, no? Via, via!

    RispondiElimina
  2. "Ma credo profondamente che un partito di sinistra (?) non dovrebbe nemmeno arrivare a farsi fare certe domande, ma dare direttamente risposte.
    Non come quella di sopra."

    esatto...

    RispondiElimina
  3. A Milano, un vecchio proverbio, riferito a quelli di sinistra dal dopoguerra in poi, recita: cumpagn de chi, cumpagn de là, cumpagn de prima.
    Tradotto significa: compagni di qui, compagni di là, tutto come prima.
    Nel senso che pur dichiarandosi con il popolo, fanno anche loro sempre e solo i propri interessi.
    Il gioco di parole è possibile grazie ai due diversi significati di "cumpagn".
    Ah, la saggezza popolare! ;-)

    RispondiElimina
  4. Dove sta scusa, il partito di Sinistra?

    RispondiElimina
  5. @El Gae. nel punto di domanda...

    RispondiElimina
  6. Figurati io gli avevo chiesto di pagare le spese processuale ai familiari delle vittime di Piazza della Loggia, per fortuna quelle le paga il governo (rifilando altre tasse a noi) altrimenti avevano un bell'aspettare

    RispondiElimina
  7. Un momento di grande rivolta verso i partiti ma guai a dare spazio all'antipolitica, ci troveremmo dei politici ancor peggiori e pericolosi

    RispondiElimina
  8. Un partito di sinistra? forse wikipedia ci può aiutare...

    RispondiElimina
  9. Soffio ha ragione anche se anche io c'è l'ho a morte con questa classe politica cialtrone ... speriamo bene ...

    RispondiElimina
  10. Si stanno scavando la fossa con le loro mani. Ma non hanno ancora capito che aria tira?

    RispondiElimina
  11. In questo momento vedo solamente un vuoto politico.

    RispondiElimina
  12. OT (perdonami, Ernest, ma voglio capire): Qualcuno mi spiega questo concetto di "antipolitica"? Perché sto vedendo troppa gente che lo usa come sinonimo di 'anarchia' - dove questa continua a mio avviso a rimanere una parola bella, sana e positiva - e se così fosse mi girerebbe l'anima per la propaganda perversa che si fa contro quelle che sono le prassi anarchiche e libertarie (che per me continuano a rimanere le più luminose)... Ciao e grazie :-)

    RispondiElimina
  13. Il punto è caro Ernest, sapere se riusciranno i nostri "eroi"??? di sinistra a dire o meglio a fare qualcosa di sinistra.
    Io penso di no ma sapessi quanto vorrei sbagliarmi.

    RispondiElimina
  14. ... se ne accorgerà presto di cosa morirà! E' finito, è lontano anni luce non solo da chi si definisce "di sinistra" ma dal Paese intero. Come tutti i politici che conosciamo, d'altronde! Allora gridano all'antipolitica: soprattutto verso coloro che vogliono riappropriarsi della "politica", intesa come amministrazione della cosa pubblica, per il bene di tutti e con il concorso di tutti i cittadini. Ci vogliono sudditi ma hanno i giorni contati.

    Ciao Ernest, buona serata.

    RispondiElimina
  15. in questi giorni di grandi manovre, di sbancamenti di partiti io predterei molta attenzione al CENTRo per non dovercela prendere in quel posto alle prossime elezioni.

    RispondiElimina
  16. La sinistra?
    Perchè mi sento come Diogene che con la lanterna cerca l'uomo?

    Ci accusano di fare antipolitica?
    Hanno ragione, loro sono la cattiva politica e noi siamo contro.

    RispondiElimina
  17. Se ci fosse Ernesto
    Lui saprebbe cosa fare..

    RispondiElimina
  18. il bersa non mi diverte...

    il beppe già di più !

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;