lunedì 3 settembre 2012

Niente da fare, troppo comunisti

Si dice che il tempo piano piano metta a posto tutto, accomodi le cose, risolva i problemi andando a smussare ciò che è spigoloso e a volte pericoloso. Così sembra anche la soluzione adottata dalla politica italiana, il tempo e i suoi tagli, la mannaia della spending review che si abbatte a destra e a sinistra calpestando in molti casi la dignità delle persone e il diritto almeno alla sopravvivenza.
Così abbiamo letto in questi giorni di disoccupazione giovanile aumentata, di sanità ridotta ai minimi termini e tutto quello che già sappiamo.
Qualcuno potrebbe dire che è l'unica soluzione, qualcun altro potrebbe dire che le altre vie sono solo utopistiche. 
Altri, invece, in altri paesi le mettono in atto. Così leggendo una mail che mi ha passato un'amica si scopre che l'utopia a volte può essere realtà.
Accade che in Francia un certo signor Hollande non si allinei completamente alle soluzioni delle banche. Abolendo il 100% delle auto blu mettendo all'asta il parco macchine indirizzando il ricavato sul  welfare. Inviando lettere di "invito" all'uso della propria macchina agli ali funzionari con tale allegato “un dirigente che guadagna 650.000 euro all’anno, se non può permettersi il lusso di acquistare una bella vettura con il proprio guadagno meritato, vuol dire che è troppo avaro, o è stupido, o è disonesto. La nazione non ha bisogno di nessuna di queste tre figure”. Fate voi, 345 milioni di euro risparmiati utilizzati per finanziare istituti di ricerca dando lavoro a 2560 giovani scienziati disoccuapti. E ancora, abolendo il concetto di scudo fiscale, stabilendo un'aliquota pari al 75% per tutte le famiglie che al netto guadagnano più di 5 milioni di euro all'anno. Già ci sono anche quelle. Assumento così 59.870 disoccupati.
Inoltre, udite udite, ha sottratto sovvenzioni statale alla chiesa pari a 2.3 miliardi di euro, soldi che andavano a licei privati esclusivi. Con quei soldi si costruiranno 4500 asili nido  e 3700 scuole elementari.
E non è finita. 
Bonus cultura presidenziale che  consente di pagare tasse zero per cooperative che aprono librerie indipendenti assumendo almeno due laureati disoccupati o cassintegrati. Aboliti i sussidi governativi a rivistucole e fondazioni, e istituzione di comitati per u maggior contollo dei finanziamenti.
Stipendi dei funzionari governativi decurtati del 25%...
Del 32% quello dei parlamentari...
Del 40% quelli di tutti i dirigenti statali che guadagnano più di 800mila euro.
Utilizzando il risparmio dei tagli per un fondo garanzia welfare  per "donne mamme singole"  in situazione disagiate, assicurando loro uno stipendio garantito mensile per la durata di 5 o 3 anni (a seconda dell'età del bambino).
Come per magia tutto ciò in pareggio di bilancio, con spread sceso  e inflazione stazionaria.
Tolto che ogni paese ha i suoi problemi, ma dico  perché da noi si punta sempre sui tagli alla sanità, alla scuola  e alle buste paga mentre il resto è visto come  utopia?

27 commenti:

  1. La soluzione è facile, finché gli italiani si dedicano più all'ultimo modello dell'i-phone oppure a quello che fa la Belen, i politici colpiranno sempre il welfare e i cittadini.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  2. la francia cade da piu' in alto. ma cade. io ci vivo a un passo. qui tantissimi lavorano a montecarlo, per esempio. cade, certo, e probabilmente per schiantare i francesi si aspetta che siano soli. inoltre la francia e' una polveriera multietnica, che vive internamente una forte contraddizione nazionalista.

    RispondiElimina
  3. Avevo bisogno di leggere questo post Ernest caro! Nonostante il paragone con noi venga fin troppo facile! Fra l'altro la Francia non è solo questo tipo di coraggio! E' anche quello di milioni e milioni di lavoratori che, quando decidono di scioperare, fanno fermare veramente tutto!!! Senza aver paure di nulla! Dice bene il cavaliere oscuro, qui c'è ben altra gente! Anche se, dico la verità, io credo ancora in certi giovani che abbiamo! E ce ne sono! Un abbraccio amico mio

    RispondiElimina
  4. anni luce più avanti...noi dormiamo!

    RispondiElimina
  5. Bisogna mandare il nostro presidente del consiglio ad aggiornarsi..

    RispondiElimina
  6. gli italiani hanno incominciato a tagliare le spese superflue e quelli che non lo fanno stanno erodendo i loro risparmi... finiti questi si va in defoult e si fa la fine della grecia.Se non si guadagna, non si può spendere o se lo fanno lo fanno sempre più meno italiani e la ripresa diventa un'utopia... il magna magna è finito e fra un pò la "miseria" toccherà anche i ministri.

    RispondiElimina
  7. il Cavaliere Oscuro ha ragione, purtroppo la maggior parte della gente sembra avere altre priorità e quindi certe cose avvengono nell'indifferenza o distrazione generale. quando poi i problemi toccheranno da vicino, allora ci si lamenterà, ma sarà troppo tardi.

    RispondiElimina
  8. Ciao Ernest, quello che mi lascia un po' perplesso riguardo quella mail è il fatto che leggendo o parlandone e scrivendone con qualcuno mi è stato detto che non è affatto tutto vero ciò che si dice abbia fatto Hollande.
    Ad ogni modo qualsiasi cosa abbia fatto sono certo che è meglio del "malfatto" di chi ci sta sgovernando a tutti i livelli.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
  9. Vuoi vedere che aveva ragione il AlTap1 (in Italia si stà bene, i ristoranti sono sempre pieni, ecc ecc) ? Mha sì dai come dare torto al Cavaliere oscuro del web ? C'è poco da dire, vedo le reazioni nel resto del mondo ma non comprendo le reazioni degli italiani ...

    RispondiElimina
  10. “un dirigente che guadagna 650.000 euro all’anno, se non può permettersi il lusso di acquistare una bella vettura con il proprio guadagno meritato, vuol dire che è troppo avaro, o è stupido, o è disonesto. La nazione non ha bisogno di nessuna di queste tre figure”... Be', indipendentemente da tutti gli altri discorsi, come non applaudire una sacrosanta frase del genere? Grande Hollande! Questo non è comunismo, è buon senso, giustizia, intelligenza! Lo stesso discorso dovrebbe valere (per fare un esempio su mille) per quei politici che non si vergognano di pretendere biglietti gratis per entrare negli stadi: dovrebbero pagare doppio, con quello che guadagnano.

    RispondiElimina
  11. Mancanza di fantasia? Di lungimiranza?

    RispondiElimina
  12. Tanto di cappello monsieur Hollande!

    RispondiElimina
  13. Allons entafants de la Patrie!

    RispondiElimina
  14. Caro Compagno, l'avevo letta su Liberation, esattamente dopo 56 giorni di mandato ha adottato questi provvedimenti.

    Ti aggiungo anche:

    "Ha varato un provvedimento molto complesso nel quale si offre alle banche una scelta (non imposizione): chi offre crediti agevolati ad aziende che producono merci francesi riceve agevolazioni fiscali, chi offre strumenti finanziari paga una tassa supplementare"

    Hasta
    Zac

    RispondiElimina
  15. Il Cavaliere oscuro ha messo in chiaro perchè da noi sarà solo un miraggio.

    Mi collego al Compagno Zac, ne ha scordato un pezzettino, la Francia, quando una sua azienda di importanza rilevante mostra crepe, prima di offrirla al peggior offerente, la nazionalizzano.

    Questo spiega perchè da loro i servizi primari e di base non sono deficitari come da noi.

    Noi stiamo aspettando ancora l'equità promessa 10 mesi fa.

    Notte buona Ernest ;:-))

    RispondiElimina
  16. Davvero tanto di cappello a Hollande!
    Concordo poi con Zio Scriba:

    "...Questo non è comunismo, è buon senso, giustizia, intelligenza! Lo stesso discorso dovrebbe valere (per fare un esempio su mille) per quei politici che non si vergognano di pretendere biglietti gratis per entrare negli stadi: dovrebbero pagare doppio, con quello che guadagnano."

    Ciao Ernest,
    Lara

    RispondiElimina
  17. Anch'io avevo letto che girava una e-mail su Hollande con dati non veri, però non ho fonti certe al riguardo.
    Di sicuro c'è che in Francia il governo non è gestito da burocrati delle banche e per giunta incompetenti.

    RispondiElimina
  18. Mah, mi sembra strano che non l'abbiano sbandierato tutti i giornali.
    Grazie comunque, mi hai incuriosita.
    Ciao Ernest, bentornato.
    Cristiana

    RispondiElimina
  19. Meno male che c'è qualcuno che non promette solo e agisce. Soprattutto agisce indicando una via diversa dalla solita.
    Se posso ti "ruberò" il post, citandoti ovviamente. Questa notizia va diffusa il più possibile.

    RispondiElimina
  20. E il bello qual'è? che se ne parli con qualcuno qui ti dicono: secondo me non dura...
    Un po' triste, no? invece di augurarsi un premier così.

    RispondiElimina
  21. si taglia il pubblico e si finanzia il privato...

    alcuni lo spacciano per un sistema economico,
    invece è solo "l'arte di rubare legalmente"...

    eh, ma la colpa è di Grillo... e di DiPietro...

    RispondiElimina
  22. Con il francese me la cavo benone.
    A Parigi ho una cugina con villa di lusso.
    Quasi quasi parto..

    RispondiElimina
  23. Ho controllato un po' in giro e pare che la notizia dei provvedimenti di hollande sia una bufala almeno nelle dimensioni descritte nella mail... mah rimane la speranza che qualcuno prima o poi attui cose del genere

    RispondiElimina
  24. http://www.fanpage.it/cosa-ha-fatto-davvero-hollande-bufale-a-parte/
    Un link con alcune informazioni al riguardo...

    RispondiElimina
  25. E dove si trova in Italia, ahinoi, un Hollande?

    RispondiElimina
  26. personalmente trovo parecchio schifoso 10500 forestali nella sola Calabria dove non cresce un cazzo di albero mentre l'intero Canada ne ha poco più della metà.

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;