venerdì 4 aprile 2014

La totalità dei 16 anni

Capita a volte guardando un film, leggendo un libro o riprendendo in mano vecchie foto  di ripensare al periodo delle superiori. A quei 16 anni. Tornano in mente le  immagini, ascoltando "Gioconda"dei Litfiba, di un gruppo di amici che cammina verso la fermata dell'autobus accompagnati dalla radio...

E spunta il prete 
Col dito in cielo
Che mi vaneggia della fedeltà 

Mimando il segno...

Vorrei parlare
Farti capire
Che questa farsa non mi cambierà 

Mostrando tutta la convinzione che si può avere quando si hanno vent'anni, quando si ha la certezza di non cambiare mai...

Ma la speranza è l'ultima a morire
Chi visse sperando morì non si può dire 

Partecipando ad un coro nel quale si inseriva anche il più timido, quello che non si ricordava mai le parole...

Il cuore no, no, non te lo do
L'anello no, no scordatelo! 

Assolutamente convinti di questa cosa, urlandolo magari verso la fidanzata di turno...

Mi sento freddo, paralizzato
Praticamente incatenato
 

Provando totalmente queste sensazioni che a 16 anni sembrano infinite quando si viene respinti, quando si viene sommersi da un amore non corrisposto, quando si partecipa, quando si protesta, quando gli altri non capiscono mai, quando i prof  sembrano così lontani, quando Leopardi e Manzoni sono nella lista dei peggiori nemici, quando una corsa per prendere l'autobus diventa una sfida, quando la scalinata per salire alla porta della scuola sembra la via per il nulla, quando un solo sguardo della ragazza che ami da impazzire ti fa rimanere imbalsamato per ore, quando in una canzone vedi solo te e lei... e a volte purtroppo anche il terzo lui, quando uno sguardo dato male può volere dire una rissa, quando i bagni diventano un rifugio e i bidelli una copertura, quando si viene riempiti da quell'età dall'inizio alla fine.
Era il 1992...

32 commenti:

  1. Con le figlie di 16 e 19 anni un po' di quelle emozioni le rivivo. Età splendida e maledetta... Età che, soprattutto, non torna più

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono momenti di quella età che mi sembra di avete qua davanti... e riviverli

      Elimina
  2. Di quell'età ricordo che avevo, presuntuosamente, tutto chiaro nella mente.
    Gli adulti erano tutti sballati ed io sapevo benissimo la strada da intraprendere, le mie passioni, le mie tendenze;
    i miei successi futuri, addirittura, erano di un cristallino lampante.
    Tutte cazzate.
    Tranne quella sugli adulti sballati.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo ricordo ancora le liti con mio padre sulla politica... pensavo di essere Karl Marx...

      Elimina
  3. A 16 anni ero uguale a come sono adesso ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per certi versi anche io ma per altri molto cambiato mantenendo sempre un filo però...

      Elimina
  4. Dei miei 16 anni ricordo poco.
    A causa di un lutto ero inebetita dal dolore, di molti mesi non sono in grado di rievocare assolutamente nulla, so solo che dentro di me c'era un gran buco nero..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace molto... Come ho detto prima è difficile immaginare l ampiezza di un tale dolore. Un abbraccio

      Elimina
  5. Per me il 1992 è stato uno dei tanti anni trascorsi a fare la chemioterapia e la radioterapia e a prendere la morfina per evitare di svenire dal dolore. Avevo otto anni...
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un abbraccio a te che sei qui a raccontare qualcosa che, spero, per quanto osceno, sia solo un ricordo :)

      Elimina
    2. Come ha scritto Amanda un abbraccio grande a te per quello che hai passato e che non posso lontanamente nemmeno immaginare... e un abbraccio ancora più grande per aver condiviso con noi tutto... a presto

      Elimina
  6. Che bella età (e viva sempre i Litfiba), io attualmente grazie all'associazione frequento gente che ha quegli anni lì, e ne ammiro la forza e la confusione positiva che hanno in testa.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e pensa che siamo la generazione del labirinto...

      Elimina
  7. i miei 16 sono stati splendidi e terribili, il che credo si possa dire per la maggior parte dei sedicenni ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi ricordo il divertimento, il fare qualsiasi cosa divorandola

      Elimina
  8. il ricordo più indelebile dei miei 16 anni? la mattina in cui rapirono Moro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh io avevo tre anni però vent'anni dopo è stato l'argomento della mia tesi

      Elimina
  9. mi mancava qualche anno alla maturità e marciavo ventre a terra sui libri.... ascoltavo i Beatles e i Rolling nei momenti di relax

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh ma che spettacolo di ascolto!

      Elimina
  10. Ci sono canzoni che profumano di vita e tracimano ricordi. Bell'articolo. Colpo di Coda fu la colonna sonora di una mia gita liceale, e non c'è nostalgia, ma un filo di rimpianto per come andava allora si...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mamma mia le gite liceali, semplicemente meravigliose. Impagabile il prof di matematica mezzo ubriaco..

      Elimina
  11. io a 16 anni ero una dark.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e io un paninaro con la roba tarroccata però...

      Elimina
  12. Hai reso benissimo l'dea del caos emozionale che succede a quell'età. Siamo tutti impulso e niente cervello.La musica (almeno per me) era la colonna sonora di tutto quello che succedeva:avevo un canale di filodiffusione sempre acceso in testa. Fantastico ma molto pericoloso.Ho un figlio di 14 che è molto ben avviato su quel trampolino di lancio..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. caos emozionale all'ennesima potenza, ogni cosa vissuta alla grande o da tragedia

      Elimina
  13. Cazzo, avevo sedici anni anche io nel 1992...

    Non so che altro aggiungere al tuo splendido post, se non tutti i miei ricordi così simili...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco lì siamo della stessa barca allora!!!

      Elimina
  14. Era da poco uscito Wish You Were Here, avevo appena imparato a fare l'amore, ed ero immortale.
    ;)

    RispondiElimina
  15. I miei sedici anni sono così lontani...ma ricordo bene il ragazzo che mi faceva uscire di testa e la mia inadeguatezza all'essere spregiudicata per andare a prendermelo!!!!!!!!!!!!!
    Poi...è arrivato da solo,ma il mio essere inadeguata è rimasto come un macigno!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti dico solo che per 5 anni ho perso la testa dietro ad una mia compagna di classe... no comment!

      Elimina

Latest Tweets

 
;