lunedì 30 marzo 2015

I minuti più brutti

Puri attimi di terrore.
Questa è stata la nostra domenica mattina.
Svegliarsi sentendo la propria compagna gridare aiuto, andare di corsa in sala, vedere tirare su la bimba rigida e con gli occhi sbarrati... cercare di connettere... vedere la prontezza della propria compagna che gira la bimba per fare la manovra di Heimlich... ripetuta due volte.... telefonare al 118 (mi veniva da fare il 113) e nel frattempo pensare che non è possibile... toccare quei pugnetti chiusi sperando di vederli aperti... e poi all'ennesimo colpetto vedere uscire dalla bocca un po' di schiumetta subito dopo il solito sorriso come se non fosse successo niente.
Guardare la propria compagna e amarla sempre di più.
Tutto questo dopo dei lavaggi nasali che sembrano aver provocato questa reazione di soffocamento. 
Poi all'ospedale lo show... sorrisi sdentati a tutti i medici che non smettevano di giocarci, e noi chiaramente con un infarto in corso. Hanno parlato di possibile spasmo affettivo, sostanzialmente perché la bimba si sarebbe trovata paura.
Anche questo vuol dire essere genitori.
Ora posso dire di saper rispondere alla domanda... Quali sono stati i minuti più brutti della tua vita?
Ne avrei fatto davvero a meno.

50 commenti:

  1. Cavolo *_____* .. mi dispiace davvero tanto che ti sia accaduto tutto questo. Dev'essere stato terribile. Spero tanto che ora sia tutto passato. Un abbraccio. A presto .. Dream Teller

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille.... si sono stati momenti davvero terribili... ma credo che siano anche da mettere in conto

      Elimina
  2. L'importanza che adesso va tutto bene. Purtroppo anch'io con i miei figli ho avuto brutte esperienze e con il secondogenito sono mesi che facciamo ping pong in vari ospedali, per cercare la causa di alcune crisi convulsive che gli sono venute.
    Sono momenti terribili e ti capisco benissimo.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accidenti mi dispiace molto spero troviate la causa... ora tutto bene chiaramente siamo rimasti decisamente scossi. un abbraccio

      Elimina
  3. Si, confermo. Terribile. È proprio vero che le gioie della genitorialità portano con loro ansie e paure impossibili da provare senza figli. Facciamoci idealmente una birra assieme... allo spavento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si portano momenti bellissimi, gioia e anche questi è tutto da mettere in contro... guarda ieri ci voleva un Negroni quindi beviamoci volentieri questa birra :-)

      Elimina
  4. Momenti terribili che sembrano non finire mai, che la paura la senti dopo e ti immobilizza, ti porta nausea, ti fa sentire minuscolo.
    E' passata. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si infatti all'ospedale quando mi ha chiesto quanto è durato ho detto 3-4 minuti... la dottoressa mi ha detto impossibile.... infatti è stato meno di un minuto

      Elimina
  5. Il lato positivo è che probabilmente mai nella tua vita avrai conosciuto la parola SOLLIEVO come quando tutto è finito bene. (A me da piccolo era successo per motivi più semplici e meccanici: una caramella andata di traverso, come succede anche a Corradino in Quattro soli...) Un grande abbraccio a te e alla tua piccola splendida famiglia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si è vero Zio alla fine è come aver corso 2000 Km di seguito... in pochi attimi si rinasce.... un abbraccio a te

      Elimina
  6. Che terribile vicenda! Per fortuna, è finito tutto bene.
    Un baciotto alla Piccola. E un abbraccio ai genitori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh si decisamente brutta... grazie un abbraccio a te

      Elimina
  7. Per esperienza personale ho capito che ai bimbi bisogna starci sempre dietro, ogni attimo, ogni minuto. Come ti capisco amico mio. ... Adesso è tutto a posto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh infatti meno male che la mamma era lì pronta, ora tutto bene, ma subito dopo stava bene, passato tutto era subito pronta a sorridere e protestare per la pappa che non aveva ancora preso

      Elimina
  8. Oddio... immagino!!
    Un abbraccione a tutti, per fortuna è passato! :)

    Moz-

    RispondiElimina
  9. gli spasmi affettivi fanno impressione ne ho visti diventare blu parecchi, ricorda il naso va lavato sempre con la bimba coricata sul fianco, lavando la narice alta. Una volta in ambulatorio una lattantina andò in arresto respiratorio per poi ripartire in bradicardia, cianotica e solo stimolata strofinandole lo sterno, credo di essermi giocata dieci anni di vita e non era mia figlia, passò un mese in terapia intensiva, immagino come abbiate potuto sentirvi voi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie dei consigli amanda... oggi abbiamo fatto visita dal pediatra, ha parlato di riflesso vagale (in pratica tipo spasmo affettivo)... di solito facciamo i lavaggi proprio come hai descritto tu, si vede che sta volta doveva andare così... cmq ora ci ha consigliato di provare lo spray per i lavaggi...
      Credo che faticherò a dimenticare il volto della bimba in quel momento... cmq si va avanti
      grazie

      Elimina
  10. E' successo anche a mio figlio( da piccolo) e la cosa l'ha risolta mia moglie (io non c' ero, la paura sel'è presa tutta lei)..Son contento per voi. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sante mamme! è giusto dirlo e santi corsi di pronto soccorso

      Elimina
  11. Posso immaginare il panico puro... Sono cose che capitano, l'importante è che sia andato tutto a finire bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si hai ragione Giulio sono cose che capitano ed è quello che dobbiamo metterci in testa altrimenti si vive solo di ansia... essere genitori è anche questo
      grazie

      Elimina
  12. L'importante e che la piccola stia bene e continui a regalarvi sorrisi gengivosi.
    Un abbraccio a tutti e tre :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si si quelli li ha regalati a tutti già in ospedale
      grazie :-)

      Elimina
  13. Mamma mia...per fortuna è andato tutto bene...un bacione alla piccola!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto bene :-) glielo darò sicuramente

      Elimina
  14. Mamma mia che terrore. E che gioia che sia andato tutto bene. Un abbraccio anche da me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si la gioia alla fine era immensa... come rinascere
      Grazie un abbraccio

      Elimina
  15. Erne', mi permetto di parlartene col sorriso sulle labbra per cercare di tirarti ancora più su il morale sia a te che alla mammina della birichina che vi ha fatto prendere un tale grande spavento. Pensa che ancora oggi, quando una o due volte la settimana, il mio unico figlio che ha 56 anni va a giocare a basket o a calcetto io sto sempre in ansia finché, la sera tardi, non mi telefona per salutarmi. I genitori avranno sempre da soffrire se amano i loro figli.
    Un abbraccio a tutti voi,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Aldo mi sa che hai proprio ragione, come ho detto prima oltre alle gioie del sorriso ci saranno anche attimi di ansia quando dovrà uscire... ma ce la possiamo fare! :-)
      un abbraccio e grazie

      Elimina
  16. Ciao Ernest,
    come genitore e insegnante conosco bene l'emergenza assoluta che si presenta in tutta la sua drammaticità, quando la velocità di una appropriato intervento diventa vitale, per i propri figli o gli alunni, cambia relativamente, e posso immaginare il tuo terrore e il tuo sollievo!
    Saluti ...e salute!! a te e alla tua famiglia:)
    Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in questi giorni effettivamente pensavo agli insegnanti che devono avere mille occhi per evitare cose del genere... e quanto vengono poco considerati dallo stato avendo un ruolo fondamentale per la crescita dei nostri figli e una responsabilità incredibile... grazie un abbraccio

      Elimina
  17. Ora che tutto è passato,
    vi auguro solo innumerevoli minuti, anzi ore, anzi giorni, anzi anni, bellissimi!
    Un grande abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e noi ce li prendiamo tutti queste ore giorni e anni grazie :-) un abbracci a te

      Elimina
  18. Io non riesco ad aggiungere nulla. Penso tu abbia vissuto momenti di terrore puro. Vi abbraccio forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. momenti che non dimenticheremo mai e speriamo davvero di non doverli rivivere... grazie mille

      Elimina
  19. Bene che sia finita così, e un abbraccio a tutti e tre...

    RispondiElimina
  20. Quanta tenerezza in questo post.
    Sono passata attraverso la paura e un ricovero di urgenza, poi tornato a casa (aveva 3 anni) si è fatto una bistecca ;-))
    Coraggio Papà, è andata e domani quei sorrisi sdentati diventeranno sorrisi a 6 denti e tu assieme alla tua Compagna vi scioglierete, poi...le incazzature arriveranno tra i 12 e i 14 anni.
    Ora godetevi la Pupa e le vostre inesperienze.
    Notte buona Ernest.
    Tina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tina
      mamma mia immagino lo spavento anche in quell'occasione... si ora è andata e ci godiamo il sorriso sdentato... aspettando il dentino che credo stia per arrivare.
      Un abbraccio grande
      grazieeee

      Elimina
  21. xpisp(stefano)31 marzo 2015 09:45

    Ciao Ernest
    Che paura!!!
    Leggerti mi fa pensare che aver perso i primi anni di vita di mio figlio mi ha evitato qualche spavento(pallido tentativo di fare come la volpe con l'uva ;) )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefano... eh si proprio paura... effettivamente se uno non c'è e non la vive nn si rende conto, ho ancora il suo viso davanti agli occhi... cmq ora tutto bene
      grazie

      Elimina
  22. mi è venuto il batticuore solo a leggere, anche se il mio cervello intanto pensava che se eri qua a scrivere doveva esserci un lieto fine! Un abbraccio stretto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in quei momenti nn c'è nemmeno il tempo del batticuore... poi arriva dopo e ti rendi conto di quello che hai appena vissuto... un abbraccio

      Elimina
  23. ho dato 10 anni di vita ogni volta che uno dei miei figli ha ....combinato qualche scherzo che ci ha fatto finire al Gaslini: pertanto, con tre figli stravivaci com'erano, credo di averne ormai 350 almeno!
    un abbraccio, grande papà e goditi ora, dopo lo spavento, tutti i meravigliosi sorrisi sdentati della tua ragazza! ....lo sai, vero, che le bimbe adorano i loro papà?
    un grande abbraccio Emanuela

    RispondiElimina
  24. sono con te e ti capisco, situazioni del genere non si vorrebbero mai vivere.

    RispondiElimina
  25. Leggo solo ora, ma leggo e sorrido, pur immaginando i momenti di terrore che avete vissuto. A mia figlia, sui 4-5 anni, restò in gola un'oliva ; mio marito la ribaltò dandole un forte colpo sulla schiena e l'oliva uscì.
    Un abbraccio a tutti e tre!
    Cristiana

    RispondiElimina
  26. Panico !! Ci son passato anche io ..tra qualche anno tu e tua moglie ci sorriderete e lo racconterete ridendo alla " mocciosa " ;o) ciao un abbraccio

    RispondiElimina
  27. Mamma mia Ernest, che paura mi hai fatto...io non credo sarei stata così brava come la tua compagna...fantastica. Un abbraccio a tutti e tre!

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;