mercoledì 18 gennaio 2017

Sempre in testa


E così la nostra storia si è conclusa in questa maniera. 
In una fredda e ventosa mattina domenicale, sotto i portici a pochi passi dal mare. Dopo avere passeggiato in mezzo alle saracinesche tirate giù del Luna Park, dopo aver salutato e difeso mia figlia da  Bruco Mela, vinto un pupazzo costato una fortuna e sorriso ai calci in culo che in un attimo mi hanno riportato indietro nel tempo.
D'altra parte la nostra storia era iniziata in una mattina ventosa in Scozia, precisamente a John O'Groats uno dei punti più a Nord a pochi miglia dalle Orcadi. Da lì è iniziato il nostro cammino insieme, a volte sulla mia testa, altre su quelle della mia ex. Assieme abbiamo attraversato il mare di Scozia, visto le foche, sfidato il vento delle punte, affrontato la macaia genovese, assistito a troppe partite, accompagnato in lunghi e freddi viaggi.
Forse era destino, chi lo sa? Ma in pochi attimi dalla mia tasca sei caduto, raccolto dopo pochi minuti da qualcuno.
L'unica speranza è che ti abbia raccolto qualcuno per coprirsi dal freddo e che possa portarti ad affrontare nuove avventure, tenendoti stretto però l'oceano atlantico, il tuo gemello che è qui con me e quel sapore di Fish and Chips che ti portavi dietro.

21 commenti:

  1. Risposte
    1. chissà... lo spero, oppure sta vivendo altre avventure

      Elimina
  2. Risposte
    1. eh già... devo dire che per parecchie ore sono rimasto intontito dalla perdita, destabilizzato. Mi dispiace molto, spero davvero che in questi giorni di freddo possa essere utile a qualcuno

      Elimina
  3. Bel saluto hai saputo dare al compagno di tanto cammino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. davvero tanto cammino e tante storie

      Elimina
  4. bella storia per un cappello smarrito o che ha cambiato semplicemente proprietario.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. speriamo possa riparare dal freddo chi ora ne ha bisogno

      Elimina
  5. Quasi una coperta di Linus :(

    RispondiElimina
  6. Bella storia, e ancora più bello che tu pensi al buon utilizzo che ne farà qualcuno, magari sfortunato e al freddo ... ti capisco perché i berretti/cappelli/baschi sono nel mio guardaroba una presenza costante (ne ho una ventina, e ne sono geloso/goloso).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. aveva un valora particolare poi, speriamo davvero che possa servire a qualcuno

      Elimina
  7. Si peccato magari qualcuno l'ha raccolto e appoggiato li' attorno perché tu lo ritrovassi o forse qualcuno lo sta indossando... chissà

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh sono tornato indietro ma niente da fare in 30 minuti era già sparito...

      Elimina
  8. Storia bella e simpatica, anche perchè non avevo mai sentito rimpiangere un cappello :)
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. speravo di non raccontarla :-) ;-)

      Elimina
  9. E allora immaginiamolo davvero mentre tiene caldo a qualcuno che ne ha bisogno :-)

    RispondiElimina
  10. Certe cose è duro perderle. Non per il valore materiale ma per tutti i ricordi che sono legati... Io ancora rimpiango un anello che mi si è sfilato su una spiaggia a Maiorca, immediatamente inghiottito dalla risacca e dai ciotoli. Pochi grammi d'oro ma quintali di ricordi visto che mi accompagnava da quando avevo 7 anni

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;