venerdì 27 gennaio 2017

Le nostre fondamenta

Mia nonna in casa nostra era la memoria. Quella che ci raccontava dei fatti di una volta, delle corse in galleria lasciando tutto da una parte per ripararsi dalle bombe. Quella che si ricordava nome per nome, soprannome e dettagli compresi.  Quella che con un aneddoto ci ricordava ciò che era successo nelle stesse strade dove ora passeggiamo.
Momenti spesso dimenticati ora, come se quella storia non ci riguardasse più. Troppo lontana da noi, roba d'altri. Ora non abbiamo tempo per ricordare.
Ma la memoria non può essere messa da parte.
Senza i racconti di mia nonna non saremmo diventati ciò che siamo adesso. 
Senza  memoria non c'è futuro.

"La memoria umana è uno strumento meraviglioso ma fallace. È questa una verità logora, nota non solo agli psicologi, ma anche a chiunque abbia posto attenzione al comportamento di chi lo circonda, o al suo stesso comportamento." Primo Levi

22 commenti:

  1. xpisp (Stefano)27 gennaio 2017 16:29

    Credo che la nostra memoria sia spesso parziale mettendo la cattiveria tutta da una parte(gli altri) e dimenticando le cose brutte che abbiamo fatto.
    La memoria dei fatti storici di più di 70anni fa è ancora parziale e quando qualcuno cerca di evidenziare fatti storici volutamente dimenticati piovono critiche.
    Invece secondo me è importante ricordarsi che anche se si lotta per una causa giusta ci si può perdere nel "male", che il male è una facile tentazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si credo che l'analisi storica dei fatti debba cercare di staccarsi il più possibile dalla faziosità, non è facile perché l'uomo spesso cade in queste cose.

      Elimina
  2. Vale lo stesso per me.
    Bisognerebbe fare una sorta di raccoglitore delle memorie del passato appena trascorso, per non perderle.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero e ti capisco. Quando si ascoltano i racconti dei nostri cari, dei nostri nonni bisognerebbe davvero registrarli in modo da riportarli poi in futuro... un ritorno alla storia raccontata e tramandata con le parole come una volta attorno ad un fuoco

      Elimina
  3. Io credo, spero di sbagliarni, che la giornata della memoria sia diventata un marchio registrato. Fa comodo tirarlo fuori una volta l'anno e poi fregarsene per tutto il resto del tempo. Questo vale per tutte le memorie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco quello che dici, sta a noi cercare di ricordare poi per il resto dei giorni e non dimenticare. Purtroppo vedo in giro persone che pubblicano cose solo per far vedere che si ricordano del giorno della memoria per poi fregarsene per il resto dei giorni

      Elimina
  4. Speriamo che questa giornata non si riempia pian piano di retorica che ne svuoterebbe il significato.
    Tu non sai quante volte citi, parlando con parenti o amici, mia nonna Bianca per tutta la memoria che mi ha lascito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. immagino, i nostri nonni ci hanno lasciato enciclopedie di ricordi
      teniamoli stretti

      Elimina
  5. ricordare per evitare di ricaderci in futuro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. xpisp (Stefano)28 gennaio 2017 11:41

      Scusa Enio ma guardando in Palestina ho l'impressione che i primi a dimenticare siano proprio quelli che hanno subito di più questa situazione:
      Senza contare delle troppe volte che situazioni simili si sono comunque ripetute anche vicino a casa nostra.

      Elimina
    2. Concordo. E continuiamo a commemorare senza renderci conto che un altro olocausto si sta svolgendo davanti ai nostri occhi, o meglio ai nostri schermi.

      Elimina
    3. purtroppo ci ricadiamo più di una volta, anche senza andare in Palestina basta vedere ciò che succede in Europa con rifugiati costretti in fila sotto la neve per un pezzo di pane

      Elimina
  6. Se potessi tornare indietro nel tempo vorrei re incontrare i miei nonni. Ora sono solo memoria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io, mio nonno poi non l ho mai conosciuto se n'è andato via troppo presto. Ma ricordo il mio bisnonno vecchio socialista di una volta

      Elimina
  7. Io non ti dico niente perchè tu gia' sai cosa ti direi!

    RispondiElimina
  8. Non dimenticare sembra non serva. Quando in effetti i primi a non dover/poter dimenticare, è come se non avessero capito un tubo dal passato, Probabilmente non si tratta solo di non dimenticare, ma di capire che certe storture non vanno ripetute. In nessun caso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La storia alla fine conviene spesso non leggerla o interpretarli ai propri fini purtroppo

      Elimina
  9. Anche i miei nonni mi hanno raccontato della guerra e di tutte quelle atrocità che hanno visto.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordi importantissimi, un saluto a te

      Elimina
  10. Ogni giorno dovrebbe essere dedicato alla menoria perchè ogni giorno è un anniversario.
    La memoria come esercizio quotidiano e civile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono assolutamente d'accordo, da lì deve proprio ripartire la costruzione di un paese civili

      Elimina

Latest Tweets

 
;