lunedì 18 aprile 2011

Dalle suore al comunismo. Cogito ergo pericolo

"perché i genitori possano scegliere liberamente quale educazione dare ai loro figli, e sottrarli a quegli insegnanti di sinistra che nella scuola pubblica inculcano ideologie e valori diversi da quelli della famiglia"

Io sono andato dalle suore, per la precisione le Dorotee.
Io ho fatto il catechismo, con tanto di libretto.
Sono stato chierichietto fino all'età di 11 anni circa, credo.
Alle elementari avevo anche fatto un libretto dove scrivere i fioretti per la prima comunione.
Cantavo nel coro, lo giuro.
Mi mettevano una divisa estiva azzurra.
E poi una divisa marrone invernale.
Calze bianche logicamente.

Però pensavo, e questo non va bene.

Io sono di sinistra, sono comunista, credo fortemente nei valori che ho appreso da mio padre, badate bene appreso ho detto.
Ho fatto le medie alla scuola pubblica dove non ricordo di aver avuto dei professori comunisti.
Ho fatto le superiori in una scuola pubblica dove ogni mattina appoggiavo il Manifesto sul banco e venivo puntualmente ripreso dalla prof di inglese che mi chiamava "fascista rosso" e non mi sembrava francamente comunista quella donna.
Ho fatto l'università qui a Genova e ricordo ancora alcune lezioni di professori di Scienze Politiche decisamente molto distanti dalle idee di sinistra.
Nessuno, dico nessuno, mi ha inculcato niente.

Perchè pensavo, e questo non va bene.

Io, come molte altre persone, penso.
Io, come molte altre persone, rappresentiamo un problema.
L'indipendenza di pensiero fa male al re.
Quindi l'obiettivo è raccontare la storia che chi ha idee di sinistra le ha solo perchè gliele hanno inculcate con pericolosissime letture di poesie anarchiche di Leopardi, con pericolossissime letture sinistroidi quali l'Odissea o magari l'Eneide, con vergognosi teoremi stalinisti di Pitagora.
Meglio dire che i cattivi maesti sono quelle dietro le cattedre e non quelli nel tubo catodico.

Cogito ergo pericolo.




26 commenti:

  1. Gli insegnanti che ho avuto hanno sempre trasmesso una grande carica di critica e m'hanno sempre, SEMPRE, testimoniato, oltre che detto, che l'accettazione prona di tutti i precetti, dogmi e verità assolute non è mai stato un bene per alcuno! Ci credo, e la trasmetto! ;)

    RispondiElimina
  2. mi chiedo solo: visto che i testi scolastici sono filo-comunisti, e visti i risultati delle elezioni, possiamo dire che gli italiani vanno a scuola? e ammesso che ci vadano, con che profitto?

    RispondiElimina
  3. Chi dice che il re è nudo, umilia il re.
    E, peggio ancora, instilla il dubbio nella mente di chi lo ha sempre visto vestito.

    RispondiElimina
  4. Erne', scusami, devo rispetto a te, al tuo post, al tuo blog e a tutti i blogger ma se non lo dico
    mi sento male: " a berlu', a carlu', a gelmi' e a tutti quelli che ve danno retta ma perché nun annate a favve fotte teste vote che nun siete artro?"

    RispondiElimina
  5. Mi hai fatto ricordare, alla mia veneranda età di 63 anni, che al saggio di 5ª elementare, ci fecero cantare "Oh bianco fiore simbolo d'amore"; e in un'altra occasione, delle medie, ci imposero di cantare "Giovinezza".
    Ordunque...

    RispondiElimina
  6. Ragazzi, io mi ricordo ancora della "discea in campo" del nanerottolo. I suoi disinteressatissimi tiggì, andavano in giro ad intervistare la gente e ricordo di aver capito che era finita quando, intervistando un sciùr brambilla milanese, questo si diceva entusiasta dell'idea che il berlusca scendesse in campo, perché -PAROLE SUE- "era ora...! Che i comunisti finora hanno fatto solo danni!".
    Ora: i "comunisti" al governo, in Italia, non ci erano MAI stati.
    Il tipo era milanese, per cui non è che si potesse dire che -che so- era un Emiliano stufo del governo appunto di sinistra della regione...
    Quindi, ragazzi, il "terrore del pericolo comunista" la maggior parte degli italiani ce l'ha nel sangue, il nanerottolo l'ha capito, e ci marcia.
    Anche se il "pericolo comunista" non esiste più, esiste nella merda che hanno nella testa una cifra di italiani, e questo gli basta e gli avanza per vincere.
    Come possiamo ampiamente notare, del resto.

    RispondiElimina
  7. Bello bello quello che hai scritto. Vorrebbero ridurre l'Italia a una caserma e noi a dei soldatini ubbidienti come lo sono già gli inebetiti dal nano. Si sbagliano, questi maledetti.

    RispondiElimina
  8. Con tutti i precedenti preteschi che ti ritrovi,
    ti farò nominare Cardinale Vicario.
    Sua Eminenza Ernest..!
    Futuro Papa Gattocomunista I°.
    Eh..! Eh..!

    RispondiElimina
  9. Parola d'ordine : NON PENSARE.
    Ma io penso e penso che sarebbe ora che si facesse INCUL(C)ARE lui.
    Cristiana
    PS. Scusa Ernest,ma quando ci vuole....

    RispondiElimina
  10. Sottoscrivo quanto hai scritto (sono un ex chierichetto lettore e abbonato a il manifesto, quotidiano comunista come me, che il 28 aprile farà 40 anni) e quoto il commento ironico di robydik.

    RispondiElimina
  11. Ciao Ernest e buon inizio di settimana. "Cogito" sembrerebbe diventato un lusso, nell'era berlusconiana! Pure nel PD, dove ci sarebbe gente che si definisce di sinistra e dove, invece, c'è un bel carrozzone di gente omologata. E' di oggi la notizia che l’amministrazione di Scandiano (maggioranza PD), ha negato l’autorizzazione a tenere, nei locali comunali, un incontro tra Peppino Englaro e la popolazione, nel corso delle Giornate della laicità, tenute tra venerdì e domenica scorsa in diversi comuni reggiani. La motivazione del diniego è stata che.... reggiti forte.... tale occasione "avrebbe disturbato lo svolgimento domenicale del rito delle Palme".

    Invece, a conferma che lo spauracchio "comunista" è una ricetta buona per qualsiasi italiota, la proposta di legge della Gabriella Carlucci e di altri 18 parlamentari pdl di (addirittura) costituire una commissione d'inchiesta "sull'imparzialità dei libri di testo scolastici" perché... spero tu sia seduto.... a suo dire i libri di storia sono troppo "comunisti"! Affermazione subito condivisa da quella "cosa" chiamata gelmini!

    Ancor prima, la proposta di altri parlamentari pdl per abrogare la disposizione XII della Costituzione che vieta la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del partito fascista.

    A me, (ed a tutti quelli della cena di sabato sera) i segnali appaiono chiari e netti... spero che certe "impressioni" si diffondano prima di una nuova "marcia su Roma"!!

    RispondiElimina
  12. Sinceramente non ci credo che tu sia stato dalle suore. D'altro canto si potrebbe pensare che è per questo che tu sia diventato komunista!!

    RispondiElimina
  13. ho avuto il tuo stesso percorso e sono diventata libera pensatrice e se questo è di sinistra allora sono comunista anch'io!

    RispondiElimina
  14. io avevo una prof di italiano e latino che ci ha insegnato a riflettere, ad avere idee nostre, a non lasciarci condizionare dai pregiudizi, a parlare solo di cose che conoscevamo. Una prof straordinaria. Punto.

    RispondiElimina
  15. Se con insegnanti non comunisti si può continuare a pensare, dopo vent'anni di catechismo televisivo, possiamo affermare che non è stato inculcato niente?

    RispondiElimina
  16. ho fatto il chierichetto anch'io e non me ne vergogno... la mia mamma mi disse che ogni 7 messe una era per me e io le collezionavo come le figurine panini...

    RispondiElimina
  17. Pensare con la propria testa e quello che non vuole questo governo.Saluti a presto

    RispondiElimina
  18. Dici bene, caro Ernest, il pericolo arriva dal pensiero. Per fortuna (del Berlusca e della sua cricca) sempre meno gente pensa. E a me torna in mente lo spettacolo di Giorgio Gaber "E pensare che c'era il pensiero".

    RispondiElimina
  19. in realtà p professori non sono tutti tutti di sinistra, ma sono comunque tutti tutti molto incazzati.

    RispondiElimina
  20. Io concordo con Calvino, il padre di noi Liguri, che un'educazione religiosa in età giovanile induce un feroce anticlericalismo.

    RispondiElimina
  21. mah, io di professori comunisti ne ho conosciuti pochi, magari ce ne fossero stati di più.

    RispondiElimina
  22. bravi! continua a pensare, che di teste pensanti se ne trovano sempre di meno...

    RispondiElimina
  23. @guchi. benvenuta e grazie, pensare sempre.

    @sara. concordo Sara :)

    @wiwipedia. decisamente

    @forsenontutti. e aveva ragione... c'era.

    @cavaliereoscurodelweb. e ci sta riuscendo

    @adriana. grazie un saluto

    @nonno-enio. io pativo quella delle 8!!!

    @berica. quello della Tv è il catechismo più produttivo direi

    @turistadimestiere. e sono proprio quelle le persone che loro ritengono comuniste

    @marisa. se lo sanno le suore!!!

    @inneresauge. lo giuro ma non avrete mai una mia foto col saio!!!

    @carlo. grazie carlo per il tuo intervento, io lo spero che non si ripeta una marcia, ma credo che sia già in atto una marcia diversa quella sui cervelli
    un saluto

    @alligatore. dovremmo fondare un club!

    @cristiana. quelle si!

    @magocamillo. eh eh un titolo che in questo periodo può servire

    @alberto. si alberto se lo possono scordare

    @sciuscia. quotissimo!!!!!!!!!!!!!!

    @arcureo. si hai ragione è una cosa storica tramandata anche, infatti anche le giovani leve pidielline parlano come se fossero state minacciate direttamente da stalin... allucinante!

    @riverinflood. ops... io le canzoni non me le ricordo. :)

    @ilMonticiano. lo sai Aldo che sottoscrivo tutto!

    @dalle8alle5. il re non deve essere mai nudo

    @robydick. vei roby tu pensi troppo!!! :)

    @petrolio. e fai bene petrolio

    @amanda. grazie ancora amanda!!!

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;