mercoledì 25 settembre 2013

Pronto, chi compra?


Chiariamo subito una cosa. Sono uno di quelli che ha frequentato la scuola tecnica come si diceva, nello specifico Perito Aziendale corrispondente in lingue estere, compreso il genovese. Sono laureato in Scienze Politiche e confesso di avere lasciato per ultimo l'esame di Economia perché in fondo a me quell'incontro tra domanda e offerta non mi ha mai convinto del tutto.
Però sono sempre stato bravo con i numeri, al punto che per vedere il voto del mio primo saggio di matematica alle superiori arrivarono da tutti i piani, 8 con uno di quei prof terribili. Aggiungo che essendo genovese so benissimo che i "puffi", debiti, non sono così positivi... per noi persone normali.
Allora qualcuno mi può spiegare, domanda retorica dell'anno, come possa un'azienda come la spagnola Telefonica con  un debito di 50miliardi di Euro controllare grazie all'accordo raggiunto il 70% di Telecom, il tutto ad insaputa di governo e presidente della compagnia telefonica italiana?!?

10 commenti:

  1. Purtroppo non ne capisco niente... all'esame di economia aziendale ho fatto una fatica assurda XD

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Neliberismo bellezza... o ci poniamoancora una volta il problema di uscirne, oppure divorerà i nostri poveri resti.

    RispondiElimina
  3. Forse perchè qualcuno, per l'ennesima volta, ci prende per i fondelli?
    O forse perchè chi di dovere mente sapendo di mentire, tenendo bene a mente la memoria debole del popolo italiano, qualunque sia la risposta una cosa è certa anche questa non è una buona soluzione per noi tutti ma ... tant'è!!
    Francesca

    RispondiElimina
  4. A pensar male,,,Ernest sento puzzo di speculatori di Borsa tanto che mi pare che Piazza Affari abbia chiuso le contrattazioni del titolo Telecom. E sì che io non ne capiso un tubo.

    RispondiElimina
  5. Oltre alla tua che gira nel mio cervelletto da qualche giorno senza tregua, mi pongo anche un'altra "modesta" domanda: e come mai il Presidente Telecom non era al corrente della proposta?
    Boh...

    RispondiElimina
  6. me ne incarti un etto e mezzo!

    RispondiElimina
  7. Quanto all'insaputa del governo e di Bernabè, non saprei.

    Riguardo a come han fatto a comprare non avendo i soldi, è semplice: pagheranno coi quattrini che succhieranno da Telecom stessa.
    Esattamente come i precedenti proprietari.

    RispondiElimina
  8. Neanch'io ci capisco una beata fava di come funziona l'economia: è chiaro che se mettessero in piedi manovre economiche perfettamente comprensibili anche da parte della gente, perfino i polli più citrulli si ribellerebbero; quindi, tutto nell'oscurità e nel fumo. La mia teoria è che se Telefonica ha comprato Telecom vuol dire che il pacchetto azionario di maggioranza era già in mano sua; ha solo ufficializzato la cosa, alla luce del sole, adesso. E il presidente di Telecom non la smeni con le scajolate: lo sapeva, eccome se lo sapeva. (Quanto ai politici, ormai non ci si stupisce più di tanto quando si mettono a scajolare a tutto spiano...)

    RispondiElimina
  9. Be', di economia non ci capisco nulla. Ma un genovese - come te e ME! - una volta mi ha spiegato che per fare molte "palanche" (soldi), devi avere molti "puffi" (debiti). Perché, gli ho chiesto stupita?

    «Perché se hai molti debiti è facile che tu li abbia con le banche. E queste - se le metti di fronte all'alternativa ('o mi foraggiate ancora per questa impresa che forse mi rimette in sesto o fallisco') - preferiscono investire ancora su di te che perdere tutto».

    Non so se ci sia della verità in questo ragionamento, ma è pur vero che l'ho ricordato proprio in questi giorni...

    RispondiElimina
  10. http://testimonedeltempo.blogspot.it/

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;