giovedì 6 marzo 2014

Caro Farmaco

Buongiorno dottore...
Dica...
Guardi ho questo problema...
Si, ecco il farmaco per lei...
Ma non c'è un prodotto meno caro?
No, mi dispiace, sul mercato c'è questo.

Sul Mercato... 
Quando parliamo di mercato, e lo dice uno che vorrebbe statalizzare tutto (con uno stato non corrotto, utopia), parliamo di concorrenza, di domanda e offerta.
Bisogna riscrivere i libri di economia e i programmi scolastici. Mercato significa anche accordarsi per mettere in vendita il prodotto più caro, giocando sulla pelle dei pazienti, mettendogli le mani nel portafoglio e pesando sul sistema sanitario nazionale.
Questo è quello che hanno fatto Roche e Novartis, due case farmaceutiche (che solo a pronunciare questa parola ho delle fitte), spingendo un farmaco caro (Lucentis costo 900 euro, prodotto da Novartis) per la cura della più diffusa patologia della vista tra gli anziani e di altre gravi malattie oculistiche, non sponsorizzando quello meno caro (Avastin costo 81 euro, prodotto da Roche). 
Per questo motivo l'Antitrust ha deciso per le due società una multa da 180 milioni di euro.
Uno potrebbe chiedersi perché? Quale vantaggio per Roche? La risposta sta alla voce società controllata da Roche  (la Genentech) che ha sviluppato i due farmaci. Inoltre Novartis ha una quota di partecipazione superiore al 30% in Roche.
Della serie loro ci guadagnano sempre.
Il servizio sanitario nazionale è trattato come bancomat (45 milioni di euro nel 2012, con possibili costi futuri fino a 600 milioni di euro)
E a noi mentre ci parlano di libera concorrenza e regole ci portano via anche le scarpe mentre siamo in piedi.

17 commenti:

  1. Dobbiamo cambiare radicalmente le nostre abitudini di vita e stare attenti a non ammalarci più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tipo uscire bardati con qualunque sciarpa, mangiare sano e non avere contatti... non ce la posso fare

      Elimina
  2. Io evito di prendere farmaci fino a che proprio non faccio i bocchi di sangue strisciando a terra. Non gli do una lira a questi.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sarebbe da fare ma purtroppo in alcuni casi non si può...

      Elimina
  3. e dove stava l'AIFA? Ma non temete i responsabili di così accurati controlli avranno un posto da sottosegretario nel prossimo governo

    RispondiElimina
  4. Siamo troppo dipendenti da poche aziende che alla fine lavorano in regime di monopolio. E questo non vale solo per la farmaceutica anche se le speculazioni in quel campo sono le più odiose.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo esatto siamo accerchiati da monopolii

      Elimina
  5. Dopo il danno, anche la beffa.
    Prova ad indovinare chi pagherà la multa comminata.

    RispondiElimina
  6. bene, bravi, complimenti a questi signori, possono andarne fieri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anzi possono anche riceve un posto nel governo o in parlamento direi

      Elimina
  7. il mondo va di fretta oggi, tutti corrono, ma dove correranno poi ?

    RispondiElimina
  8. Dovevo farla la famosa iniezione di Lucentis per la mia maculopatia, e l'oculista mi ha detto: "Si, costa 900 euro ma la passa il Servizio sanitario nazionale.. nessun problema.." E' questo il problema dell'Italia. Nessun problema.

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;