venerdì 7 marzo 2014

Che con lentezza si vive

"C'è un legame stretto tra lentezza e memoria, tra velocità e oblio."
Milan Kundera, La lentezza, 1995

Decisamente troppo veloci al punto di non vedere chi abbiamo davanti, di scambiare i passanti per suppellettili e i rumori come suoni in continua  filo diffusione.
Il rosso del semaforo che innervosisce.
La macchina davanti che attende qualche secondo prima di partire al verde ricevendo insulti e colpi di clacson.
Incarichi al lavoro da finire per ieri.
Sbuffi ed espressioni di insofferenza in coda al forno.
Dita che battono nervosamente sul touchscreen perché il nuovo smarthphone è trooooppo lento.
Scale scese a 200 all'ora a tal punto che il mento balla da solo.
Corse dietro gli autobus.
Parole che non hanno più nemmeno una vocale.
Film che non piacciono perché troppo lenti.
Cartellini timbrati lanciandosi nel'atrio del posto di lavoro.
300 mail in attesa.
Troppo veloci noi, quando lenta è la bellezza.
Ma quando esattamente abbiamo dimenticato la lentezza?

35 commenti:

  1. Lo aveva detto anche Piero che la Lentezza è bella.
    https://www.youtube.com/watch?v=-ZFAh5o1XjQ

    La Lentezza non deve essere esasperante, ma solo un rallentamento dell'inutile frenesia quotidiana. Il corrore infinito verso qualcosa che... boh.
    Sì, meglio assaporare le cose.
    La lentezza è riflessione.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Moz hai ragione meglio assaporare, prendersi il tempo e ascoltare e guardare non passare davanti e basta... bisogna farlo

      Elimina
    2. E' difficile, in questo mondo frenetico, ma ci si può provare: farà bene a noi stessi ;)

      Moz-

      Elimina
  2. Hai dimenticato la gente che si fa le camminate sulle rampe mobili dei supermercati, e pretende che chi le sta salendo lasciandosi trasportare si scosti per lasciarli passare.
    (Quanto al dormire ai semafori, invece non è minimamente giustificato. Se dormi al semaforo e ti becchi una clacsonata dalla macchina subito dietro di te, che magari vorrebbe passare senza beccarsi il giallo perché in teoria ne avrebbe tutto il tempo, non azzardarti a mandarlo a fanculo.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero quelle delle scale mobili sono memorabili! Per il semaforo a quelli che dopo 1 secondo di verde suonano sinceramente attaccherei una scossettina al clacson... :-)

      Elimina
  3. quelli che ti superano per tornanti di montagna per arrivare primi a sciare dove li mettiamo?

    RispondiElimina
  4. Lentezza=Intelligenza. Quindi non mi stupisce che la loro sparizione sia contemporanea!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. direi decisamente assente! percentuale bassissima :-(

      Elimina
  5. Personalmente ho smesso di "correre" da parecchio in quanto mi sono beccata l'ipertensione a meno di trent'anni di età.
    A quel punto, la scelta era tra smettere di "correre" o crepare alla svelta.
    Ho scelto la prima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. direi che la scelta è giusta... anche io da un po' ho deciso di andare più piano

      Elimina


  6. Gli uomini hanno i riflessi lenti; in genere capiscono solo nelle generazioni successive.

    Stanisław Jerzy Lec, Pensieri spettinati, 1957

    RispondiElimina
  7. Forse è l'ora di fermarci.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  8. Ogni volta che so di dover attendere porto un libro con me, alla posta, al sindacato, dal medico...
    Quando infine arriva il mio turno quasi rimpiango che tocchi "già" me.
    Il dover aspettare per forza è un ottimo modo per riappropriarsi degli attimi senza sentirsi in colpa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le attese riempite da un libro sono le migliori, quelle ricercate e che ci salvano

      Elimina
  9. Oh finalmente un post a favore della lentezza...Grazie!

    RispondiElimina
  10. Sarà per questo che a me capita di far passare persone avanti a me in fila se non ho fretta, e loro mi guardano allibite :)
    Bello il tuo elogio della lentezza Ernest, buon lento weekend!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh sarai guardata come un extraterrestre... alle casse succede di tutto

      Elimina
  11. Vedi? Rispondo qui - a cecio, come si dice a Roma - per la tua "preoccupazione": tutto benissimo, caro. Ma sto prendendo la vita lentamente per assaporarla meglio. Proprio come suggerisci tu in questo bel post.
    Grazie del pensiero, Ernest.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. figurati... allora buona lentezza ci vuole ogni tanto! :-)

      Elimina
  12. Mi sa che è andato troppo veloce anche il mio commento...

    scrivevo che, a volte, cerco di riprendermi al lentezza, così, come cura disintossicante...

    RispondiElimina
  13. Io mi domando dove diavolo stiamo correndo...

    RispondiElimina
  14. ... forse l'abbiamo dimenticata quando abbiamo permesso a questo sistema di risucchiarchi nel vortice del " solo per me tutto e subito", chissà...
    Buona serata.
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si lo credo anche io, basterebbe ricordarsi come eravamo tanto tempo fa

      Elimina
  15. Lo scriverti a quest'ora racchiude una delle risposte possibili. Dilatiamo il tempo per farci entrare tutto il possibile. Scompaginare le convenzioni è già un metodo. Fermarsi a godersi un tramonto mentre tutto ti sfreccia attorno è un bel rallentare. Mettere in conto di poter rallentare è un altro bel "non dimenticare". ...ed ora non rispondere fra quattro giorno per cortesia.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccomi con la risposta! non velocissima perchè altrimenti non in linea col post ma nemmeno troppo lenta dai... quante volte passiamo davanti ad un immagine, un panorama o altro senza dare peso, semplicemente ce lo perdiamo perchè presi dal tempo. Ecco credo si debba smettere.
      A presto... lentamente però :-)

      Elimina
  16. La lentezza è l'unica strategia che ci ricongiunge alla nostra biologia. Consente di avvicinarsi all'utopia realizzata che si concentra negli anfratti della memoria e nel dettaglio di cose che, un eccesso di accelerazioni e velocità non consentono di vedere, tanto meno di apprezzare. Ottimo post! Sottoscrivo, se non altro per condivisione di pratiche!

    RispondiElimina
  17. qualche decennio fa ci dissero che i computer avrebbero fatto il lavoro per noi, presto e bene e che noi poi avremmo potuto spendere il tempo che ci facevano risparmiare per fare altre cose gratificanti alla esistenza.... si sbagliavano

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;