giovedì 8 aprile 2010

Berlutopia

Roma, un giorno qualunque.
Anno 2095
Quirinale

Un anziano signore sale le scale.
Nonostante l'età nessun bastone e neanche l'ombra di un girello.
"Certo che tutte le volte fare queste scale, devo proprio pansare ad un decreto per togliere anche questa stupida usanza"
"Buongiorno presidente", in coro due corazzieri davanti alla porta.
"Buon lavoro buon lavoro"
Senza neanche bussare l'uomo entra nella stanza.
"Ehi Giorgio! Allora come stai ti vedo molto bene, vedo che i miei consigli sul tenerti in forma sono serviti, e poi dopo averti consigliato i trattamenti da Don Verzè guarda che età abbiamo raggiunto, te l'avevo detto io che ti dovevi fidare!"
"Caro Silvio ma sai che alla fine avevi ragione... bisogna vivere, vivere bene, essere allegri, togliersi dalle palle tutti quei comunisti pessimisti che non facevano altro che parlare di garanzie, di processi giusti, di costituzione. Guarda qua che costituzione la mia! A 170 anni sono ancora qui a tirare su pesi... e poi quelle due veline che mi hai mandato l'altra sera non si dimenticheranno facilmente la serata sul lettone di Ratzinger! A proposito come sta Joseph? E' un po' che non lo sento, non si affaccia neanche più a San Pietro!"
"Giorgio, la tua memoria sta iniziando a vacillare! Bisogno intensificare i trattamenti da Don Verzè... non ti ricordi che ti ho fatto firmare un decreto che vieta ogni tipo di assembramento di persone?"
"Ah Già... ma sai con tutte quelle firme. A proposito non possiamo fare un timbro con la mia firma e te la metti tu da solo, sai la trovo una scocciatura insignificante. E poi mi interrompi sempre i miei esercizi quitidiani. Comunque, Ratzinger che fine ha fatto?"
"Ora si è inventato il "San Pietro Itinerante Show", va in giro per le città ha messo su un musical, anche lui a 172 anni fa delle cose incredibili, tutto merito del San Raffaele e come al solito mio!"
"Vero, vero. Ma scusa la Chiesa non era senza soldi?"
"Certo Giorgio, ma non ti ricordi quell'altro decreto che ti ho fatto firmare in cui si decideva a tavolino che la Chiesa ha sempre ragione e che le vittime degli abusi sessuali dovevano risarcire il santo padre per i danni morali?"
"Ora ricordo, davvero un sacco di soldi. Eh si bravo Joseph, già! Comunque cosa devo questo tua visita, stavo facendo i piegamenti, sai voglio presentarmi bene questa estate a villa Certosa!"
"Ma guarda..."
"Cosa dobbiamo ancora fare.... i magistrati non esistono più, la costituzione è stata pbruciata per legge, dopo il legittimo impedimento al posto dei tribunali abbiamo messo dei Ghedini Point per le informazioni sul regime, il parlamento è stato trasformato in museo delle cere con dentro gli ultimi che si sono opposi al volere divino giusto per ricordare che fine fanno quelli così, la televisione ha venti canali a pagamento obbligatorio naturalmente tutti tuoi, abbiamo abolito la stampa e istituito un solo giornale "Il Minzolin" alla memoria del tuo migliore fedelissimo che purtroppo non ha fatto in tempo a servirsi dei trattamenti di Don Verzè., abbiamo cambiato nome al paese in "Berlutopia"... dimmi Silvio caro cosa posso fare ancora per te? Fammi leggere..."

"Con tale decreto io Silvio Berlusconi ordino"

"Ma Silvio qui c'è scritto solo ordino!"
"Esatto ordino punto. Non devo aggiungere altro, mi sono stufato anche di ordinare ogni cosa. Quindi devono arrivarci da soli e fare loro da soli quello che va a genio a me. Direi che siamo arrivati al punto in cui il nostro progetto può fare questo salto di qualità... ora camminino con le loro gambe ma per servire me!"
"Si... si..."
"Giorgio cosa fai ci pensi! Dai non devi più fingere come una volta quando mi mandavi indietro qualche decreto! Giorgioooo!"
"Eh? Scusa scusa è che nell'altro orecchio ho ancora l'auricolare dell'Ipod! Dicevi... va beh ma chissenefrega, tieni sta firma. Ragazze arrivo!!!"

34 commenti:

  1. Non c'è poi molta differenza con la realtà. Purtroppo.

    RispondiElimina
  2. @dalle8alle5. esatto trattasi di registrazione!
    @chica. un incubo reale, tipo quelli che si fanno e non ti riesci a svegliare

    RispondiElimina
  3. cos'è una intercettazione????

    RispondiElimina
  4. @bruno. eh eh... tipo quelle che bloccheranno col decreto e che non sentiremo mai

    RispondiElimina
  5. Tremedo... Ma di questo passo ci arriveremo... Magari con una variante, se passerà il presidenzialismo tanto voluto dal sire. A quel punto non ci sarà più bisogno di nessun Napolitano...

    RispondiElimina
  6. Ma non è che hai disegnato una scenario troppo improbabile.
    Ciao Ernest!

    RispondiElimina
  7. @Sara. quando l'utopia negativa diventa realtà e la speranza in una realtà migliore diventa la nostra utopia
    un saluto sara

    RispondiElimina
  8. Minchia che incubo! Piuttosto che una roba così, meglio l'idea provocatoria di Martin Amis dell'eutanasia a 70 anni. Me compreso se e quando ci arriverò!!

    RispondiElimina
  9. Non so ancora spiegarmi cosa abbia Napolitano comunque quello sull'articolo 18 non l'ha firmato. Penso sia più una messa in scena, ci cambieranno qualche virgola e poi glielo ripresenteranno uguale. E' una ragione in piùper capire che non possiamo contare sui salvatori della patria ma dobbiamo ricominciare lottare con le sole nostre forze senza sperare nella manna dal cielo.

    RispondiElimina
  10. Un post distopico? no. Troppo vicino ad una probabile realtà. Da brivido.

    RispondiElimina
  11. Se si continua così più che Berlutopia sarà Berlurealtà temo....

    Mi permetto di linkarti, mi piace il tuo blog. Spero di non fare cosa a te sgradita.

    Daniele

    RispondiElimina
  12. @MartinaDiRenzo. Ciao Martina e benvenuta nel blog... esatto un'utopia assolutamente negativa che putroppo è davvero vicina a noi.
    un saluto

    RispondiElimina
  13. @ilRockpoeta. la dura realtà berlusconiana! Ti ringrazio molto Daniele anche per me la stessa cosa!
    un saluto

    RispondiElimina
  14. @ilRatto. effettivamente ho esagerato per uno di 170 anni due veline sono troppe...

    RispondiElimina
  15. Sai cosa non mi piace di questo racconto? Che è verosimile...

    RispondiElimina
  16. @Minuccio. è come quegli incubi ricorrenti senza fine in cui sei inseguito dal mostro... poi ti svegli e il mostro ce l'hai a fianco!

    RispondiElimina
  17. questo stato delle cose mi sta stancando, provo un senso di impotenza che mi fa stare male.
    Forse Napolitano si sta sdebitando dai finanziamenti ricevuti da Fininvest per la defunta rivista della corrente migliorista del vecchio Pci. Comunque siamo dentro un incubo, quello è certo...

    RispondiElimina
  18. @harmonica. io direi che è un'ipotesi da tenere presente! Ricatto...

    RispondiElimina
  19. @matteo. esatto Napolitano ormai fa parte della cosca che sta al governo!
    @ZioScriba. un incubo del genere non si fa neanche dopo aver mangiato un panino con melanzane e anduja calabrese...

    RispondiElimina
  20. Ernest ma è così impegnativo mangiare questo panino? sai che è un periodo che ho fame e sonno...
    Ovviamente tra 170 noi saremo ancora tutti al lavoro, anzi, cioè vivremo nei nostri posti di lavoro...cioè se si allunga la vita mi pare chiaro che non dovremo fare i vecchi parassiti, no?
    Però 'sto panino...mo che me l'hai messo in testa...

    RispondiElimina
  21. In questo scenario va meglio di quello che penso io!

    RispondiElimina
  22. Non dirmi che ti sei comprato anche tu l'apparecchio per le intercettazioni e li hai beccati?!?!? 8-0

    RispondiElimina
  23. Mi chiedo se sarò ancora viva nel 2095.
    Molto carino, eh eh eh eh, però manca Andreotti senatore a vita!

    RispondiElimina
  24. ernest io continuo a essere convinto che tutta questa verità che sta dentro al tuo tragico racconto dipenda dall'ormai purtroppo consolidata attività del NON DIRE, praticata regolarmente dai media. e questo non dire è la chiave, insieme alla mafia come ha detto più volte vauro, dello spostamento dei voti...davvero un incubo

    RispondiElimina
  25. Noooo!!! Il lettone di Ratzinger con le de Veline noooo!!! Ha! Ha! Ha! Fantastico!
    Ben inteso, rido per non piangere eh...

    RispondiElimina
  26. @Viviana. sai dopo tanti anni il lettone di Putin è partito per usura... quindi cambio!

    RispondiElimina
  27. @nico. assolutamente si nico... l'informazione ha un ruolo talmente importante che non si riesca neanche a qualificare, ciò che appare esiste quello che non passa per lo schermo non entrerà nei libri di storia.

    RispondiElimina
  28. @triboluminescenza. no no Andreotti è sempre presente, lui non ha nemmeno bisogno di Don Verzè...

    RispondiElimina
  29. @chit. esatto ho approfittato della situazione visto che saranno le ultime prima del silenzio totale

    RispondiElimina
  30. @sara. quel panino lo vedo davvero tosto ma potrei farcela con la fame di sti giorni... per il resto direi che nel 2095 potremmo essere legati con cavi al posto di lavoro, niente pausa pranzo da comunisti, niente ferie e logicamente niente pensione...
    Mangiamoci il panino va!

    RispondiElimina
  31. @matteo. purtroppo anche di quello che penso io...

    RispondiElimina
  32. Temo che tra qualche anno Silvio non avrà più la necessità di parlare con Giorgio, perchè al Quirinale ci sarà lui, con poteri molto più grandi di quelli di Napolitano.
    Ciao a presto.

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;