venerdì 10 giugno 2011

Come scippare le donne

Un gruppo di associazioni femminili e femministe, A.F.F.I., Amiche ABCD, Arcidonna, Aspettare Stanca, Donne della Banca d’Italia, CEMP (Milano, Consultorio familiare privato Laico) , Cittadinanza Attiva, Corrente Rosa, Diversamente Occupate, Donne della Banca d’Italia, Donne in Quota, Donne in volo, Filomena, Gruppo Maternità & Paternità, Innovatori Europei, Leipuò, Lucy e Le altre, Ozio Creativo Society, PariMerito, Pari o Dispare, Rete per la Parità, Udi Nazionale, Usciamo dal silenzio, Valore D, ha sollevato la questione della destinazione dei fondi generati dall'aumento dell'età pensionabile delle donne.
Il Governo si era impegnato ad utilizzare i risparmi che ne derivano, circa 4 miliardi in dieci anni, per interventi dedicati a favorire l'inclusione delle donne nel mercato del lavoro e per conciliare i tempi di vita e di lavoro.
Non si capisce dove siano finiti questi soldi!

APPELLO.
QUATTRO MILIARDI (ERANO) TUTTI PER NOI:
GIU’ LE MANI DAI FONDI GENERATI DALL'AUMENTO DELL'ETA’ PENSIONABILE DELLE DONNE


E’ in atto un grave furto alle donne italiane, che rischia di passare inosservato.
Il Governo, con l'aumento dell’età pensionabile delle donne nel pubblico impiego (come da standard europei), si era impegnato ad utilizzare i risparmi che ne derivano - 4 miliardi circa in dieci anni - per interventi dedicati a favorire l’inclusione delle donne nel mercato del lavoro, per la conciliazione fra tempi di vita e tempi di lavoro e per il fondo non autosufficienza.
Quattro miliardi nei primi dieci anni e, dopo, 242 milioni di euro a regime ogni anno: sono cifre che mai le donne italiane hanno potuto anche solo sognare.
Dobbiamo difendere questo tesoro: consentirebbe alle donne italiane e a tutto il Paese di rimettersi in marcia verso gli obiettivi europei, non solo in termini di equiparazione femminile, ma anche di crescita economica. L'Italia stenta a crescere e non può quindi ignorare ciò che è universalmente riconosciuto: il miglior ricostituente per lo sviluppo è un tasso di occupazione femminile elevato.
4 miliardi in dieci anni per 4 obiettivi:

- un programma pluriennale di investimento pubblico e tracciabile dei “nostri” quattro miliardi

- più servizi per la conciliazione di tipologia diversificata

- più misure a favore dell’inclusione delle donne nel mercato del lavoro a tutti i livelli

- chiara identificazione dei rappresentanti politici e sindacali che realmente si impegnano a sostenere il programma per le donne italiane

Noi che firmiamo questo appello ci mobilitiamo per una azione politica – pubblica e visibile - contro un furto insopportabile per le cittadine di questo paese, irreparabile se dovesse giungere a compimento. Persi questi soldi, sarebbe davvero difficile continuare a parlare di misure per la conciliazione e politiche di inclusione femminile.

18 commenti:

  1. Copiate incollate e diffondete!

    RispondiElimina
  2. inosservato sì, pensavo che la proposta fosse stata accantonata, non sapevo fosse passata

    RispondiElimina
  3. Diffondo immediatamente! o_O

    RispondiElimina
  4. I soldi sono finiti dove finiscono di solito: nella voragine delle spese (spesso inutili) decise/fatte dal nostro governo.

    RispondiElimina
  5. che poi alla fine più asili nido, più diurnati per anziani, più assistenza ai malati cronici non è che servano solo alle donne, ma poichè da che mondo è mondo sono le donne che se ne occupano maggiormente di bimbi, anziani e malati di famiglia, almeno quelli sarebbero dovuti

    RispondiElimina
  6. grazie per aver segnalato questa cosa, non la sapevo!

    RispondiElimina
  7. tirate fuori le unghie e graffiateli.

    RispondiElimina
  8. Più tempo passa e più porcate si sentono e si vedono.

    RispondiElimina
  9. Vuoi sapere dove sono finiti quei soldi?
    Spese militari e parassitarie.
    In poche parole sono finiti in tasca a Berlusconi e banda mafiosa al seguito.

    RispondiElimina
  10. Giù le mani da molte cose caro amico, mozziamo simbolicamente le mani

    RispondiElimina
  11. Grazie Ernest, inserisco questo post nel mio archivio e l'ho inserirò molto presto su Niente Barriere, naturalmente citando la fonte.

    RispondiElimina
  12. In aggravio ci tocca anche sopportare le colleghe rompi...più a lungo, cioè è un danno doppio!

    RispondiElimina
  13. Grazie per la segnalazione. Un saluto.

    RispondiElimina
  14. Le donne non si possono scippare.

    RispondiElimina
  15. Bravo Ernest

    non sapevo di questo furto, l'ennesimo a sfavore non solo delle donne, ma di tutta la famiglia

    RispondiElimina
  16. che merde. ennesima dimostrazione..

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;