venerdì 3 giugno 2011

Rosso silenzioso

Entri dentro con la voglia, tanta, di rosso ed esci fuori con quel colore pieno ancora negli occhi e profondamente nel cuore.
Varchi quella soglia con la speranza di ritrovare qualcosa ed esci con mille domande, mille perchè, mille rimpianti.
Parlo di AVANTI POPOLO la mostra sulla storia del Pci che in questi giorni, fino al 5 giugno, è a palazzo Ducale a Genova e se per caso passate di qua fateci un passo perchè vale davvero tanto.
Rosso silenzioso... questo viene fuori dalla mostra. Si perchè c'è il rosso della passione di quegli anni, che io purtroppo non ho vissuto, e c'è durante tutto il percorso un silenzio delle persone che osservano con un misto di venerazione, rispetto e incredulità di cosa eravamo .
C'è tanto Gramsci con in quaderni dal carcere scritti in una maniera talmente perfetta da far venire i brividi. Togliatti, la Russia, le vignette di Cipputi e Bobo, Enrico e tanto tanto altro.
Ma emerge più di tutto lui... il Popolo. Quello vero, quello che si aggregava. Quello con i pugni chiusi alzati al cielo in un consiglio di fabbrica. Quello che ritorna a casa dopo aver assistitio al funerale di Guido Rossa fumando nervosamente dentro uno scompartimento con ancora le lacrime agli occhi e dice "il terrorismo dovrà fare i conti con la voglia di democrazia della classe operaria". Quel popolo che entra in un assemblea a Mirafiori e intitola l'aula all'operaio dell'Italsider ucciso dalle Br. Ci sono le donne, tantissimi, con un viso pieno di lotta, passione, voglia di diritti e democrazia. Ci sono i giovani con gli sguardi fieri di coloro che pur avendo poco hanno tutto rimamendo insieme.
Popolo già. Più volte ieri guardando quelle foto, quei visi, quelle lotte mi sono chiesto dove sono andate quelle persone. Che fine hanno fatto?
Le risposte sarebbero tante e credo che ognuno di noi molto probabilmente ne avrà una... chi ha continuato nella lotta, chi lo ha fatto in altri modi, chi è passato dalla parte opposta, chi è partito, chi ci ha lasciato e molto altro.
Qualcuno dirà che non bisogna guardare al passato, io dico invece che dal passato bisognerebbe prendere quello che di positivo ci hanno lasciato e insegnato ...

...come quella foto appesa nel tinello di casa, di un signore che non conoscevo e che a 9 anni chiesi a nonno chi era, solo Enrico mi rispose, come un fratello e che io imparai a a chiamare zio e che non ho mai conosciuto...


27 commenti:

  1. mi è venuta la pelle d'oca a leggere questo post, un principio di commozione poi per berlinguer, gli dei lo abbiano in gloria.

    oggi abbiamo un "rosso relativo", quell'arancione è comunque una speranza e ben venga.

    RispondiElimina
  2. Mi sa che ormai l'ho persa, però non ho visto molta promozione o sbaglio?

    RispondiElimina
  3. CARO Ernest, io sono uno di quelli: che portava l'Unità alla domenica, che organizzava scioperi, che al quattordicesimo compimento dell'età ho preso con orgoglio la tessera della federazione giovanile comunista, mio padre prese quella del partito Comunista addirittura nel 1928 quando si rischiava la vita. Tornassi indietro lo rifarei.
    E se ho un poco di cultura spicciola,una morale lo devo al p.c.i. E ci sono ancora. malgrado i miei 76 anni, non più con cariche ho consigli da dare ma per raccontare il passato, un passato con la gente e fra la gente, dove lottare era come ora una necessità per non essere schiacciati.

    RispondiElimina
  4. @sara. peccato! Cmq rimane al ducale fino a domenica. Sulla promozione effettivamente non è stata tanto pubblicizzata credo anche per il fatto che è gratuita quindi soldi pochi... se rieschi sara merita davvero!

    @robydick. credimi roby ho avuto la pelle d'oca durante tutta la visita

    RispondiElimina
  5. @maresco martini. e io ti ringrazio tantissimo per questo tuo commento, ricordo ancora le tessere che da piccolo trovavo nel cassetto di mio padre... ieri ho comprato un poster con le foto di tutte le tessere del pci.
    Grazie e un abbraccio!

    RispondiElimina
  6. Io caro Ernest sono una di quelle persone e ancora ci sono.
    Non so per quanto ma intanto...

    RispondiElimina
  7. Abito in provincia di Modena e anche qui esiste una lunga tradizione rossa.Qualche anno fa ,ho visto una mostra simile alla Festa dell'Unità.Saluti a presto

    RispondiElimina
  8. Enrico, se tu ci fossi ancora
    ci basterebbe un sorriso
    per un'abbraccio di un'ora.

    RispondiElimina
  9. Quante emozioni in questo post! Mi dispiace, ma non riuscirò proprio ad andare a vedere la mostra a Genova... :-(

    RispondiElimina
  10. l'ho vissuto da piccolo, attraverso le mani di mio padre, nei circoli del cral, ad attacare manifesti in città con su la falce e il martello e la scritta VOTA COMUNISTA, nelle riunioni di partito, nel volantinaggio casa per casa... ero piccolo...ma conservo ricordi vividissimi....

    RispondiElimina
  11. Non è giusto che un giovane come te debba vivere di rimpianti, vedrai che arriverà, non dico un Berlinguer, ma qualcuno che vi farà vivere personalmente delle esperienze emozionanti.
    Questo è quello che ti auguro.
    Cristiana

    RispondiElimina
  12. Ho visto "Avanti popolo" un paio di mesi fa a Roma e sono uscita dalla mostra, con una voglia forte di conoscere ancora meglio quella che è stata la nostra storia e di capire cosa "è andato storto"...ma mi ha attanagliato anche una forte nostalgia per quei tempi e quelle vite che io non ho avuto modo di respirare da adulta, insieme alla rassegnazione che la popolazione italiana non sarà mai più al centro di un serio e vero discorso politico.
    Bentrovato Ernest

    RispondiElimina
  13. che bella foto, non l'avevo mai vista mi permetti di appropriarmene?
    W il popolo, w l'Italia comunista!

    RispondiElimina
  14. Hai fatto un post proprio con il cuore in mano! E con tanta verità!

    RispondiElimina
  15. mio papà, anzi, il mi' babbo, ha tutte le tessere del Pci, non me le vuole mollare, ho voglia di incorniciarle tutte ed esporle in casa mia. Ed Enrico l'ho incrociato ad una vecchia festa nazionale dell'Unità a Firenze, sempre insieme a il mi' babbo. :o)

    RispondiElimina
  16. Ricordo la prima volta che guardai un discorso di Berlinguer, mi vennero i brividi. Non ci sono più i politici di una volta, ora son tutti dei portaborse .. :(

    RispondiElimina
  17. La Rossa Bandiera trionferà !!!

    RispondiElimina
  18. Gloria Eterna ad Antonio Gramsci e ad Enrico Berlinguer.

    RispondiElimina
  19. Quante speranze, quanti sogni.
    Bei tempi.

    RispondiElimina
  20. Che bei ricordi...che belle speranze! Complimeti per il titolo del blog!

    RispondiElimina
  21. @massimo Caccia. grazie mille a presto allora!

    @giardigno65. vero!

    @dalle8all5. quanti!

    @Enly. Sempre nei nostri cuori!

    @niente barriere. Cerchiamoli allora!

    @harmonica. grazie harmo per il ricordo

    @adriano. grazie

    @marisa. ma certo marisa!

    @linea gotica. le sue parole

    @taglia46. speriamo di cambiare le cose, a presto.

    @cristiana. deve esserci si!

    @nino p. quel vota comunista indimenticabile

    @archimede. W

    @maraptica. grazie maraptica ma quelle parole non si riferiscono alla mia famiglia, le ho prese dalla mostra, scritte sotto l'immagine di Enrico. Comunque il grande me lo tengo perchè mio nonno lo era...
    ancora grazie!

    @adriana. spero che sia riproposta.

    @alligatore. Enrico!

    @Cavaliereoscurodelweb, Immagino.

    @ilmonticiano. Sei un grande Aldo!

    RispondiElimina
  22. Sono andata a vederla venerdì e concordo con le tue osservazioni.
    L'altro post non sono riuscita ad aprire la finestra del commento!!!
    Un caro saluto
    Giulia

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;