martedì 7 giugno 2011

Se guardate bene forse riuscite a vedere il sangue di quegli operai sull'Ipad2



Dita che trascinano icone.
Che aprono applicazioni scaricate a pochi euro, a pochi dollari.
Entusiasmanti presentazioni, mastodontiche preparazioni del pubblico, pagante, per l'arrivo del nuovo gioiellino.
Ipad1, Ipad2, 3, 4 fino al 4500...
Ipod nano, stranano, nanissimo e scintillante.
Iphone al gusto di lampone, quello che si trascina da solo, quello che è talmente touch che a volte si scansa per evitare il tocco.
Ma chi li fa?

Chengdu.
Capitale della provincia del Sichuan.
Sud ovest della Cina.
Destinazione gli stabilimenti della Foxcoon, azienda che produce l'Ipad2.
Pulmann che arrivano nella città e scaricano centinai di persone.
Un miraggio proposto, condizioni economiche incredibilmente vantaggiose con tanto di alloggio.
Il sogno però dura solo il viaggio di andata perchè già al momento della discesa un incubo...

...queste le parole di una delle tante ragazze operaie che assieme ai compagni si sono trovati di fronte al nulla.
Viaggio fino alla fabbrica senza sosta e senza mangiare.
Nessun alloggio all'arrivo trovato solo dopo ore, senza cibo, senza bagni (se non quelli chimici), senza acqua per lavarsi.
Turni di lavoro assurdi e naturalmente stipendio che non si avvicina a quello promesso.
Condizioni che hanno anche portato a dei suicidi.
E poi quella polvere...

“i lavoratori non hanno un’adeguata formazione sull’uso delle sostanze chimiche e non sono sottoposti a regolari esami medici. Alcuni intervistati si lamentano di sofrire di allergie, ma la direzione non indaga sulla salute dei dipendenti. C’è anche il problema della scarsa ventilazione e dell’inadeguatezza dell’attrezzatura protettiva”

...è la polvere di alluminio quella che ha causato l’esplosione del 20 maggio scorso dove sono morte 3 dipendenti e ci sono stati 2 feriti, quella che il lavoratori della Foxconn hanno addosso mentre lucidano gli schermi degli Ipad.
L'esca viene lanciata nelle città dai reclutatori dell'azienda che d'accordo con il governo locale si spingono a reclutamenti aggressivi con bonus, che arrivano fino a 200 euro, offerti dalle amministrazioni a chi accetta il posto in fabbrica mentre logicamente l’azienda promette stipendi e straordinario ben retribuiti.
Ora il colosso Foxconn ha quasi 100mila dipendenti li, non si ferma, l'obiettivo è quello di creare una nuova città, un'altra Ipod City, per arrivare a 500mila dipendenti...si punta a superare il numero di applicazioni sull'App Store.

"Stay Hungry Stay Foolish", chissà se sul pullman se lo ripetono gli operai... ma poi si scende.

20 commenti:

  1. non voglio certo difendere l'ipad, ben me ne guardo!, ma purtroppo con questo (giustissimo!) ragionamento di prodotti informatici se ne salvano ben pochi, apple o non apple... io ci lavoro coi computer poi, figurati come mi sento :(

    RispondiElimina
  2. Il progresso, lo chiamano così

    RispondiElimina
  3. @robydick. si roby hai ragione naturalmente la Foxconn non produce solo Ipad2.

    @Inneres Auege. e ce lo raccontano anche bene!

    RispondiElimina
  4. Ho esaurito il bagaglio delle mie parole per esprimere sdegno, indignazione, nausea...

    Mi auguro che, prima che "tramonti il mio sole", possa vedere il mondo un po' cambiato in meglio, ma la vedo dura!

    Un caro saluto e... 4 SI
    Nadia

    RispondiElimina
  5. E i sei morti operai di ieri in un solo giorno?

    RispondiElimina
  6. La maggioranza di chi sfrutta la manodopera in Cina,sono grandi multinazionali europee ed americane.Saluti a presto

    RispondiElimina
  7. ho letto anch'io quell'articolo, mi fa ribrezzo questo sistema in cui gli uomini non contano davvero nulla e dal quale nemmeno noi qui siamo esenti, anche se non ancora a quei livelli. del resto mi chiedo pure in quanti rinuncerebbero all'ultimo gadget tecnologico dopo essere venuti a conoscenza di come vengono prodotti.

    RispondiElimina
  8. Quanti giovani, "carne da macello", immolati in nome dei dividendi.
    Qui non siamo certo a quei livelli ma la vicenda Fiat è un precedente pericoloso.
    Non si tratta solamente di assumere atteggiamenti etici nell'acquisto di tecnologia.

    RispondiElimina
  9. gia ... la storia si ripete. cose simili erano venute alla cronaca con HP.
    sempre con la Foxconn ...

    RispondiElimina
  10. il sangue dei lavoratori è sempre sacrificabile per i padroni.

    RispondiElimina
  11. Le multinazionali usa o ue sfruttano la manodopera cinese finchè i cinesi non avranno imparato..poi saranno le multinazionali cinesi a metterlo in quel posto ai loro vecchi padroni...... L'asse del potere economico si sta spostando: l'europa è decaduta da quasi un secolo, gli usa sono in decadenza adesso, il domani è in mano ad altri...

    RispondiElimina
  12. Fai bene ad informare e denunciare; chissà che nel mondo da cosa non nasca finalmente cosa!

    RispondiElimina
  13. lavorare tutti meno e meglio

    RispondiElimina
  14. E' la società dei consumi delle vite altrui.

    RispondiElimina
  15. Consumismo e capitalismo portano alla morte l'umanità.
    I fatti si commentano da soli.

    RispondiElimina
  16. Il contrasto con la celebre citazione di Jobs è choccante :-(

    RispondiElimina
  17. Ma la schiavitù non era stata abolita?

    RispondiElimina
  18. E come loro chissà quanti altri/e, in Cina e non solo!!! :-(

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;