mercoledì 1 settembre 2010

Scambio Borriello per 16500 dipendenti

Borriello alla Roma!!!!
Un post sul calcio? No, purtroppo no, sarebbe tutto molto più semplice. Lo so molto probabilmente quello che sto per scrivere non ha molto senso in questo mondo, e a molti sembrerà demagogia da bar, in una società dove persone che lavorano 8-10 ore al giorno, magari da precari, non arrivano neanche a 1000 euro al mese.
Però siccome questa cosa ce l'ho in mente da ieri la dico. Premetto che il discorso si potrebbe allargare ad altre società quindi il problema nello specifico non è la Roma, ma il sistema.
Allora perchè Borriello?
Se vi dico Unicredit a cosa pensate?
Se aggiungo un piano aziendale dal 2007 al 2011 di 16500 dipendenti da tagliare a cosa pensate? Si lo so anche la Fiat...
Se a tutto questo ci metto una simpatica giornata di calciomercato in cui la Roma si butta nella mischia per comprare il bomber rossonero?
E se logicamente giusto per finire ci metto anche la garanzia di 15milioni di euro data da Unicredit, che controlla la società della capitale, sull'acquisto?
Ah dimenticavo i 325milioni di debiti azzerati alla Italpetroli...
Non so a me visto che parliamo di palle girano e parecchio.
D'altra parte lo avevo premesso per qualcuno è demagogia, per altri si chiama PERDERE IL POSTO DI LAVORO.
Chissà magari la prossima volta che B. organizzerà un'altro show con l'amico Gheddafi i lavoratori Unicredit potrebbero chiedere un incontro per lasciare un curriculum visto che la loro banca si appresta ad aprire una filiale in Libia, e visto che il 7% delle sue azioni appartengono alla Lybian investment authority e alla Banca centrale libica.
Si lo so non dovevo farlo questo post...

21 commenti:

  1. Dovevi, invece, perché il punto è proprio questo. Non si tratta mai di "dover" licenziare. C'è sempre una scelta, dietro.

    RispondiElimina
  2. @sciuscia. Amico mio hai centrato proprio il punto! Questi psedudo industriali, imprenditori e banchieri ci parlano di crisi, di impossibilità di investire, di tagli del personale e poi... Sono scelte hai detto bene, solo scelte. Questo paese dovrebbe prima o poi decidere se stare con quelli che vogliono far lavorare facendo guadagnare "un po' tutti" oppure continuare a stare con quelli che alla fine del mese vedono aumentare sempre il loro conto.
    un saluto

    RispondiElimina
  3. Hai fatto benissimo a scrivere questo post.
    Anche a me le palle girano parecchio, anzi parecchissimo.
    Questa gente che decide di sperperare milioni e poi li recupera mettendo migliaia di persone in mezzo alla strada è infame.
    Dicono che la vita è una ruota, quel che fai di male ti ritorna. Io lo spero proprio tanto.

    RispondiElimina
  4. Resta un fatto GRAVE: alla juve non ci vuole andà più nessuno

    RispondiElimina
  5. @dalle8alle5. ci sarà un motivo se siamo uno dei paesi in cui non esiste il tetto degli ingaggi...
    un saluto

    @inneres auge. faceva tutto parte della prima repubblica. :))

    RispondiElimina
  6. e perché non dovevi scriverlo? sarebbe il caso di scrivere invece di tutti: di Moratti e di Sarroch, di Berlusconi e... be' lo sappiamo tutto, degli Agnelli e della Fiat, della Roma e Italpetroli e Unicredit e Geronzi, della Lazio e della Cirio e ancora Geronzi, del Parma e della Parmalat e ANCORA Geronzi...

    ma aspetta, Geronzi... non è quello che l'altro giorno era al meeting di CL a parlare di morale e futuro?

    http://www.voglioscendere.it/2010/08/31/geronzocomio.html

    RispondiElimina
  7. Caro Ernest, se la tua è demagogia...

    RispondiElimina
  8. @cogitoergoVomito. eh... quanta verità c'è in quello che molti vogliono far passare come demagogia! un saluto

    @laVolpe. No la mia era una provocazione per sottolineare dove sta andando e cosa sta dimenticando qeusta società, troppe volte ci buttiamo contro un unico male quando in realtà siamo accerchiati. Molti li hai citati te. Geronzi non si può neanche più vedere!!! Morale e futuro, ci rendiamo conto...

    RispondiElimina
  9. Poi i furbetti del quartierino per evitare di pagare subito il cartellino del giocatore, lo hanno preso in prestito per il primo anno con l'obbligo di riscattarlo dal prossimo anno, in pratica spalmando il costo del giocatore per quattro anni. E il tutto avendo le casse disastrate.

    RispondiElimina
  10. e io che credevo che borriello l'avessero compato perchè gli serviva un nuovo cassiere.

    RispondiElimina
  11. @harmonica. la nuova (nemmeno tanto) finanza creativa!

    @ed*. pare che faccia anche quello nel giorno di riposo... riposo?!?!?!?! Naturalmente affiancato da un'hostess di gheddafi

    RispondiElimina
  12. Questa volta non sono in sintonia con te.
    Se UNIDEBIT come la chiama Crozza, licenzia 16.500 raccomandati, legati per la maggior parte a PARTITI DI DESTRA e ORGANIZZAZIONI MAFIO-PRETESCHE (vedi Comunione e Liberazione e Opus Dei) che votano da sempre per il SISTEMA BERLUSCONI sono contento, contentissimo direi strafelice.
    Non hai idea di quante persone hanno rovinato, più realisti del re, sono dei veri creatori di poveri senza speranza.

    RispondiElimina
  13. Se un giocatore viene pagato tanto è perchè, evidentemente, porta un tornaconto.
    Finchè ci sarà gente che spende per il tifo, che si azzuffa per la squadra del cuore..queste cose ci saranno.
    A chi parlava di tetto degli ingaggi...ma in europa non pagano tutti di + che in Italia? Non è forse vero che in Italia i giocatori sono tassati + che in altri paesi aumentando i loro costi(il oloro stipendio di solito è netto!)
    Altro discorso è il nero che si fa sponsorizzando lo sport...settore dove il calcio la fa da padrone...
    xpisp

    RispondiElimina
  14. ciao ernest, per certe cose non esiste crisi! è assurdo!! a me viene in mente anche un'altra cosa: probabilmente molti di quelli che perdono il lavoro, faranno di tutto per non dover rinunciare anche al calcio (tv, abbonamento allo stadio, etc.)...

    RispondiElimina
  15. Boriello lo puoi scambiare con una mandria di cervi!

    RispondiElimina
  16. "visto che parliamo di palle girano e parecchio" ... anche a me che non ce le ho!

    RispondiElimina
  17. @angie. questi le fanno anche crescere!

    @reAnto. Ciao amico mio!!

    @sara. parole sante!!!

    @princi. verissimo, certe cose non si capiscono proprio

    @xipsp. Non ho dati certi in mano ma sono quasi sicuro che da noi si guadgni più che dalla altre parti, inoltre credo proprio che la tassazione ad esempio il Inghilterra sia più alta (vedere caso Camoranesi che ha rifiutato il trasferimento appena ha saputo che avrebbe guadagnato meno)
    Sul nero hai assolutamente ragione

    @magocamillo. Eh si amico mio questa volta non siamo d'accordo. Si tratta di dipendenti, non di banchieri, di persone con delle famiglie alle spalle che vanno difese. Conosco delle persone che lavorano in banca e non mi sembrano decisamente legate a organizzazioni mafio pretesche.
    Comunque mago a volte è bello essere anche in disaccordo
    saluti amico mago

    RispondiElimina
  18. Tutti questi soldi intorno al calcio sono considerati un'ottima spesa. Lo spettacolo del pallone riesce a distogliere milioni di persone dai problemi seri, come il lavoro, la libertà di stampa, l'emergenza democratica. E se un gioco riesce a far questo, beh, bisogna finanziarlo con tutti i mezzi. Mi spiace per quelle persone che amano il calcio, davvero. Perché sto calcio è uno dei tanti strumenti del sistema.

    RispondiElimina
  19. e invece dovevi farlo questo post! perché sto cazzo di calcio ci ha rotto abbondantemente i coglioni, e quindi ancora di più queste cose vanno dette per aprire gli occhi di chi, accecato dallo sport nazionale che copre tutti i guai, non le vede limitandosi a continuare a tifare!

    RispondiElimina
  20. @nico. i soldi come sempre hanno e stanno rovinando uno sport bellissimo che trova la sua giusta dimensione nelle piazzette dei quartieri nelle periferie delle città, quello è il calcio ancora.

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;