venerdì 28 gennaio 2011

La vita è dolce... ma non sempre

Gli argomenti non mancano, e in qualche caso verrebbe da dire purtroppo.
Oggi avrei potuto parlare della rabbia provata ieri mentre mi accingevo a mangiare pollo e piselli andati per traverso dopo l'ennesima telefonata in diretta del servo Masi, fatta per pararsi il fondoschiena in tempi difficili.
Avrei potuto parlare della goduria nel sentire Santoro dire "buonanotte" al direttore come si direbbe a un folle.
Avrei potuto parlare della voglia incredibile di chiamare ogni trasmissione leggendo frasi incomprensibili come quelle lette dalla voce fuoricampo nelle pubblicità delle medicine, per prendere le distante da possibili atti illegali.
Avrei potuto parlare di un Pd che non capisce l'importanza di fare vedere che si è pronti a governare, trovando un candidato premier possibilmente di sinistra.
Avrei potuto parlare dei fischi alla Camusso di una Fiom che si sente sempre più sola.
Oppure parlare di una Santanchè onnipresente dire a Porta a Porta che "dobbiamo dare l'esempio ai nostri figli" per poi difendere le palpate del "vecchio" di Arcore.
Potrei parlarvi delle facce stanche ma sempre fiere che hanno camminato assieme a me per le strade della mia città oggi nella manifestazione a favore della Fiom, con studenti e pensionati.
Potrei anche parlarvi di un ministro degli esteri che per mesi non si presenta in parlamento per poi comparire come un'agente immobiliare per parlare di una casa.
Avrei anche potuto parlarvi di un Bondi che anche mio nipote sfiducerebbe uscire galvanizzato con tanto di fiducia mentre a Pompei crollava un altro pezzo di storia.
No oggi no...
Voglio solo condividere con voi oggi.
Come qualcuno sa io lavoro come riabilitatore/educatore con persone disabili visive. Ieri come altre volte seduto accanto a me al computer avevo una persona, un ragazzo della mia età senegalese, cieco, laureato in giurisprudenza e iscritto alla facoltà di lingue, con un permesso di soggiorno da rinnovare ogni volta (non ha amicizie ad Arcore non essendo nipote del presidente del Senegal)...

Ernest: "Scrivi una frase così proviamo a salvarla"
"Ok."
Inizia a scrivere....
"La vita è dolce..."
e dopo qualche istante...
"ma non sempre."

Prendiamoci quello che ci spetta dalla vita ragazzi, chiediamo l'impossibile e nella maggiorparte dei casi teniamoci stretto ciò che abbiamo.

24 commenti:

  1. @giardigno. beh a volte verrebbe da dire così ma rimango dell'idea di chiedere e chiedersi sempre.

    @dark0. grazie mille! Una frase che mi decisamente colpito ieri.
    un saluto

    RispondiElimina
  2. Molto stretto.
    Bellissimo post il tuo.

    RispondiElimina
  3. Un grande e vero momento di vita, grazie Ernest.

    RispondiElimina
  4. Vuoi vedere che il ragazzo senegalese ci "vede" meglio di noi..?

    RispondiElimina
  5. non riesco a dire nulla sull'elenco di cose che hai fatto...
    il finale è bellissimo!

    la penso esattamente esattamente come magocamillo

    RispondiElimina
  6. Che bellissimo post.
    Che bella persona Ernest.
    Ma, purtroppo, non basterà a metterlo al riparo da delusioni e dolori (che difficoltà già ne conosce)...

    RispondiElimina
  7. che goduria sentire santoro, riagganciare il telefono come se l'avesse chiamato un pazzo all'una di notte, e soprattutto sentire masi che annaspava, affannava...forse aveva le gemelline de vivo sotto al tavolo.

    RispondiElimina
  8. @ross. sono io che ti abbraccio!

    @harmonica. una storia davvero da ascoltare

    @ady happyborn. si grande grande santoro!

    @kaishe. si una persona davvero speciale

    @robydick. vero roby!

    @magocamillo. sicuro mago!

    @mrTambourine. grazie a te!

    @alecava. :)

    @dalle8all5. davvero grazie!

    RispondiElimina
  9. Alcune persone si qualificano anche solo dal tipo di lavoro che si scelgono.

    Alla tua, Ernest, e a quella dei tuoi "ragazzi".

    RispondiElimina
  10. Oggi mi va un po' di ripetermi. Ecco qua: "Credo che una cosa siano le doverose denunce, un'altra la costruzione di profondi cambiamenti sociali e politici, che, come insegna la storia, sono faccende altamente complesse, comportanti impegni di lunga lena e grande intelligenza strategica."

    RispondiElimina
  11. Che bello!!!che bella la tua conclusione,in questo momento della mia vita ne apprezzo ancora di più il significato!! ti abbraccio! _mARì

    RispondiElimina
  12. Un applauso fragoroso per il post e un bacio per l'impegno...e concordo con Magocamillo.
    Buon fine settimana Ernest ;-))

    RispondiElimina
  13. tipo
    l'italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro,
    ma anche no.

    RispondiElimina
  14. @iggy. soprattutto no!

    @tina. grazie Tina anche io mi accodo al Mago! Un abbraccio forte

    @giallosanmarino. grazie di cuore!

    @adriano maini. giusto ripetersi

    @laVolpe. ti ringrazio per le bellissime parole! Davvero grazie

    RispondiElimina
  15. Tu sei un eroe moderno.

    Non v'e altro da aggiungere.

    Hasta siempre,
    Zac

    RispondiElimina
  16. non sai come ti capisco, il nostro lavoro è così, quando ci sono soddisfazioni sono così grandi che ripagano di tutto il puzzo nauseante che ci circonda :)
    un abbraccio

    RispondiElimina
  17. Non è facile Ernest, ma fino a che ci sono delle belle persone come te e come il tuo amico senegalese e come mille e mille altre, varrà la pena di viverla questa vita.

    RispondiElimina
  18. Hai ragione,aggrappiamoci a quello che abbiamo, senza se e senza ma.
    Dai per favore un abbraccio a quel giovane senegalese, lui sì che deve essere dolce,come te.
    Cristiana

    RispondiElimina
  19. @cristiana2011. sarà fatto cristiana!

    @silvano. si silvano in giro ci sono davvero parecchie belle persone è su quelle che dobbiamo puntare!

    @amanda. hai detto proprio bene!

    @zacforever. davvero troppo buono Zac, io cerco di fare solo del mio meglio come tantissime altr pesone. Cmq ti ringrazio di cuore!
    Hasta hasta!

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;